• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > La Concordia è dritta: ma c’erano delle alternative

La Concordia è dritta: ma c’erano delle alternative

L’operazione di rotazione e raddrizzamento della Costa Concordia che, ricordiamo, è una delle navi più grandi del mondo, lunga poco meno di trecento metri, molto più grande del Titanic, si è felicemente conclusa per quanto riguarda la prima fase.

È stato un gran successo per il quale dobbiamo congratularci con tutto lo staff impegnato nella difficile impresa. Ognuno di loro ha dato ampia dimostrazione d’intelligenza, professionalità, capacità organizzative. In primis il prefetto delegato all’emergenza, Franco Gabrielli, poi gli ingegneri, gli esperti ambientalisti delle università e soprattutto, Nick Sloane, il massimo esperto mondiale di recuperi di relitti di navi affondate, un sudafricano appassionato del suo lavoro con trenta anni di esperienza.

Il Paese ha lavato almeno in parte, l’onta di un disastro causato da personaggi irresponsabili, cialtroneschi e incapaci. Il plurale è d’obbligo in quanto, se il comandante Schettino è indubbiamente il principale colpevole, nella vergognosa vicenda, sono coinvolte altre figure professionali, i dirigenti della Costa per avere affidato le vite di oltre quattromila persone ad un irresponsabile, la colpevole inerzia dimostrata sin dai primi momenti della tragedia, inerzia che ha coinvolto anche il comandante De Falco della locale Guardia Costiera.

Il più è fatto, la nave è saldamente poggiata sulla piattaforma all’uopo predisposta, ma l’operazione potrà dirsi conclusa solamente quando sarà trasportata a Piombino dove si provvederà alla demolizione. Nell’immediato, si cercheranno le salme delle due vittime che ancora mancano all’appello. I costi dell’operazione in questa prima fase ammontano a ben 560 milioni di dollari. Quanto costerà il trasporto e lo smaltimento dei componenti della nave ancora non è quantificato, ma certamente saremo su cifre di enormi dimensioni.

Erano ipotizzabili alternative a questa operazione? Forse, sì. Un’alternativa rapida, molto meno costosa sarebbe stata percorribile: liberare la nave dall’aggancio con lo scoglio facendo detonare cariche esplosive, dopodiché lasciarla scivolare nel profondo fondale antistante, magari agevolandone la discesa con una spinta iniziale data da adeguati martinetti idraulici. Una volta adagiatasi sul fondo, la nave si sarebbe rivelata un habitat ideale per la riproduzione e protezione delle specie ittiche la cui sopravvivenza è ora minacciata dalla pesca intensiva che vede i mari sempre più spopolati, a beneficio dei pescatori del Giglio. Non sarebbe la prima volta che si ricorre a questo sistema per favorire la riproduzione del pesce.

La visita di relitti di navi affondate è una meta d’obbligo per gli appassionati di immersioni subacquee che possono testimoniare come quei relitti brulicano di pesci di ogni tipo e dimensione. Inoltre, con una piccola parte dei denari risparmiati si sarebbe potuta fare un’elargizione una tantum, ad esempio di 100 mila euro a ciascuno, dei circa mille e quattrocento abitanti del Giglio a titolo di risarcimento danni e non si sarebbe dovuto pazientare per oltre un anno e mezzo ad oggi per liberare il Giglio dall’ingombro, impresa ancora in itinere. 

 

Foto: Wikimedia

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.166) 17 settembre 2013 16:06

    La piattaforma su cui poggia, mi auguro che non la dimentichino e la possano togliere appena la nave sarà trasportata via. Ho paura che resterà dove è ora per sempre.

  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 17 settembre 2013 16:56

    Gentile lettore,

    la piattaforma si trova a diversi metri di profondità per cui non vedo quali problemi potrebbe creare anche se dovesse essere lasciata in loco.
    Gli ambientalisti dell’università hanno fatto e continuano a fare migliaia di prelievi per testare possibili danni all’ecosistema. I risultati sono stati tutti tranquillizzanti tranne qualche problema alla flora subacquea nelle zone all’ombra della nave che hanno subito una insufficiente esposizione alla luce il che ha interferito con la normale funzione clorofilliana. Con il ritorno alla luce le gorgonie torneranno rapidamente a rivitalizzarsi.
    Cordiali saluti.
    Cesarezac
  • Di (---.---.---.4) 18 settembre 2013 09:51

    Mi piacerebbe sapere chi pagherà l’impresa di raddrizzamento .... sicuramente il popolo italiani cioè i contribuenti !!!!!

    • Di Cesarezac (---.---.---.252) 18 settembre 2013 10:17

      Gentile lettore di AGORAVOX il Suo quesito è senz’altro opportuno; quando ci sono in ballo grosse somme di denaro si scatena l’assalto degli sciacalli e alla fine chi paga è sempre pantalone anche quando sembra che a pagare siano altri ad esempio le assicurazioni che poi si rivalgono aumentando i premi a carico degli assicurati.

      Ecco perché io avrei suggerito l’affondamento della nave. Inoltre, lo spreco non pienamente giustificato di ingentissime somme di denaro che potrebbero più opportunamente alleviare i problemi di tante famiglie aggredite dalla povertà disturba ed è immorale.
      Cordiali saluti
      CESAREZAC
  • Di (---.---.---.90) 18 settembre 2013 21:00

    No le spese saranno pagate dalla Carnival americana e dalle assicurazioni.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares