• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > L’Italia è tra le nazioni dove maggiore è la circolazione di contante

L’Italia è tra le nazioni dove maggiore è la circolazione di contante

La circolazione di contante in Italia è maggiore tra gli stati europei. La circolazione di contante in Italia è dura da morire. Mentre l’occidente viaggia verso la moneta elettronica, noi prediligiamo ancora il denaro contante. Addirittura in questi ultimi anni si è anche accresciuto.

Pos e carte di credito crescono ma in modo così lento che per raggiungere la media europea dovremmo attendere il 2040, sempre che gli altri se ne stiano fermi.

L' Italia è al 32° posto tra le 35 peggiori economie al mondo per dipendenza dal contante. Una graduatoria nera, che include dal Gambia (31,2%), e ai primi posti rileviamo nomi non raccomandabili in fatto di pagamenti, come Iraq, Albania, Vietnam. Se l’Asia, l’Africa e Medio Oriente sono ben rappresentati nel gruppo, non possiamo non evidenziare la presenza di tanti paesi europei. Al 6° posto l’Ungheria (19%), tallonata dalla Grecia (17,6%). Bulgaria e più indietro Portogallo e Spagna. In Italia a fine 2018 è stata registrata una circolazione di banconote di oltre 200 miliardi. Un sostanziale 4% più rispetto all’anno prima.

Anche i prelievi agli sportelli Atm hanno fatto registrare un +8,1% composto. Dato questo di gran lunga superiore al +2,1% della Germania, -1,3% del Regno Unito, +2,3% della Francia, +0,5% della Spagna.

L’uso e forse sarebbe giusto dire l’abuso del contante, è spesso riferibile a comportamenti poco virtuosi. Da alcuni decenni la limitazione dell’uso del contante, è stata ritenuta un’arma importante contro l’evasione fiscale, riciclaggio e altre numerose attività illecite. Si era arrivati a limitarne l’utilizzo a non oltre i mille euro. C’è chi invece ha ritenuto più giusto elevare questo limite a 3000.

La mia personale opinione è che si dovrebbe ridurre l’utilizzo del contante ad un massimo di cento euro. Applicare l’obbligo di fatturazione per tutte le prestazione professionali, artistiche e artigianale. Forse così avremo meno evasione e meno debito pubblico, ammesso che i nostri governanti non continuassero a sperperarlo.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Natale Salvo (---.---.---.229) 18 marzo 22:51

    Caro Pompeo concordo in pieno. Se il tema sono la giustizia economica e la concorrenza leale, l’unica strada percorribile è quello del pagamento elettronico. Il recupero dei 100-200 miliardi di nero permetterebbero anche il taglio delle tasse. Solo due problemi vedo: per privacy sulle spesea e per la instaurazione di un tasso negativo sui c/c. Pericoli risolvibili con adeguata normativa a salvaguardia.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità