• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > L’Italia all’Africa: “Chiudere il rubinetto” delle partenze | “L’ordine delle (...)

L’Italia all’Africa: “Chiudere il rubinetto” delle partenze | “L’ordine delle cose", di Andrea Segre

Questa espressione non è una raccomandazione alla popolazione di Roma, dovuta all’assenza di pioggia e alla conseguente carenza di riserve idriche. Piuttosto, è una politica e insieme un richiesta perentoria. Quella frase la pronuncia un super-funzionario del Ministero dell’Interno ne “L’ordine delle cose”, il nuovo film di Andrea Segre che lo scorso 31 agosto è stato presentato in anteprima mondiale alla Mostra internazionale del cinema di Venezia e che dal 7 settembre sarà nelle sale italiane.

La richiesta, nel film, ha per destinatari vari soggetti libici, istituzionali e non: dalla Guardia Costiera alle milizie armate.

Nel film? Non è, anche e soprattutto, la richiesta che l’Italia sta facendo da mesi a un numero sempre più ampio di interlocutori in Africa? Alla Libia, come già sappiamo (anzi, al momento a due Libie su tre: il governo riconosciuto di Serraj e le tribù del Fezzan; ci manca la terza, quella del generale Haftar, ma grazie al ritorno dell’ambasciatore italiano al Cairo, questa lacuna verrà presto colmata), ma anche – ospiti del recente vertice di Parigi – a Niger e Ciad.

“Chiudere il rubinetto” delle partenze significa, di fatto, spostare la frontiera meridionale dell’Unione Europea, e dunque quella italiana, sempre più a sud: non più soltanto sulle coste libiche, ma nell’Africa sub-sahariana.

I risultati, per chi l’ha promossa temendo fosse a rischio anche la “tenuta democratica” del nostro paese, iniziano a essere eccellenti. Il numero degli approdi in Italia, in forte diminuzione, ne è testimone.

Per chi la subisce, quella politica, ossia i migranti e i richiedenti asilo, i risultati sono destinati a essere infernali. Non approdare significa non partire. E non partire vuol dire sia marcire nelle prigioni libiche che rimanere intrappolati nel deserto più giù

“Occhio non vede, cuore non duole”. La politica del “chiudere il rubinetto” non è in fondo altro che un’applicazione di quel detto, ormai principio ispiratore della politica italiana ed europea sull’immigrazione.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità