• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Islanda: la nuova premier Katrín Jakobsdóttir, altro che fogliolina

Islanda: la nuova premier Katrín Jakobsdóttir, altro che fogliolina

Katrín Jakobsdóttir è una grande giovane pianta con radici ben forti, nessuna fogliolina a fare bellezza come si prestano alcune piante d'appartamento, scusate la metafora ma è alla guida dell' Islanda.

 Katrin Jakobsdottir, del partito dei Verdi guiderà una coalizione tripartitica composta da Partito dell’Indipendenza (centrodestra), Partito Progressista (centro) e i Verdi (sinistra): un fatto politico con grandi prospettive sociali.

Katrín ha 41 anni e 3 figli, un dottorato in letteratura conseguito con una tesi sui gialli nordici e ben chiaro un programma di giustizia sociale per migliorare welfare scuola e sanitá, parità di genere. Ex ministro dell'istruzione, ambientalista.

Da Left: "La prima cosa che ha detto è stata che avrebbe investito nella sanità pubblica, nell’educazione e nei trasporti, perché è in questi settori che si misura la prosperità di un paese. Dopo scandali finanziari, cadute e ricadute, l’isola nordica ha letto la speranza nei lineamenti di questa islandese che si batte da sempre per la causa ecologista. Katrin ha 41 anni, è l’ex ministra dell’Istruzione ed è riuscita a battere il partito di destra degli indipendenti di Bjarni Benediktsson. È nata in una famiglia di poeti, si è laureata all’Università d’Islanda in letteratura, ha tre figli. È stata votata particolarmente dalle donne e dai giovani tra i 18 e i 29 anni. Intanto la settimana scorsa a Reykjavik, la capitale, si è tenuto uno dei più grandi forum di leader donne in politica, un summit solo al femminile per promuovere il potere delle donne nelle sfere occupate principalmente dagli uomini. Vigdis Finnbogadottir, la prima donna presidente del mondo, che sconfisse nel 1980 tre candidati maschi, ha ricordato che oggi solo il 7% dei leader mondiali sono donne. Adesso nel 2017 nella sua patria è tornata ad esserci una donna a capo dell’isola, una femminista, perché la lezione che hanno appreso gli abitanti della terra del ghiaccio, del fuoco, dell’uguaglianza è questa: se vince una donna, vincono tutti".

Da Repubblica: "Pragmatica, onesta e realista, vuole ridistribuire la ricchezza con piú spese per welfare, scuole, sanità e ceti meno abbienti, ma senza danneggiare il boom creato da turismo ecologia e high tech ecologica.

Pensate un po': "Il governo islandese punta tutto sul turismo".

La notizia della sua proclamazione risale al 30 novembre, a me era sfuggita ma anche alla maggior parte dei media e non potevo fare altro che riacciuffarla: il suo sorriso procura grande soddisfazione e speranza, scalda. Ce la prestate a noi penisola, voi dell'isola delle "terre di ghiaccio"?

Doriana Goracci

suggerimenti di lettura Intervista alla leader Katrín Jakobsdóttir

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità