• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Intercettazione Cappellacci/Fusi: "l’unico limite della Sardegna: i (...)

Intercettazione Cappellacci/Fusi: "l’unico limite della Sardegna: i sardi"

Imbarazzante colloquio telefonico tra Veridini (coordinatore PdL), l’imprenditore toscano Riccardo Fusi e il Governatore della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, alla luce dello scandalo appalti riguardanti il G8 della Maddalena. Ecco riportato uno stralcio delle numerose pagine dell’inchiesta:
 
Verdini: «Ti passo il presidente della Sardegna... che è un amico... quello che tu mi avevi detto che volevi salutare... te lo passo e poi dopo fisso un incontro con lui».
Cappellacci: «Piacere ti conoscerti».
Fusi: «Anche a me».
Cappellacci: «E poi abbiamo un caro amico comune.... quindi per la proprietà transitiva ... c’abbiamo un’amicizia».
Fusi (ridendo): «Te hai anche una bellissima terra...».
Cappellacci: «È la più bella d’Italia ... non una “bellissima terra”. Semplicemente la più bella d’Italia».

Fusi: «Io sono innamorato di quella terra lì». (Cappellacci ride). Un po’ meno dei sardi...».
Cappellacci: «Guarda... sfondi una porta aperta... perché ho la consapevolezza del vero grande limite della Sardegna: noi sardi. E quindi...» (ride ancora) I due si salutano, non prima che il Presidente, ricambiato da un laconico «grazie», abbia detto: «Spero di poterti conoscere presto di persona». La conversazione tra Fusi e Verdini riprende. Ma parlano ancora di Cappellacci.
Verdini: «C’avrebbe delle aragoste pronte...».
Fusi: «Si va in elicottero a prenderle...».
Verdini: «Non “a prenderle”. Si va a mangiarle là. Non le dà».
Fusi: «Non le dà?».
Verdini: «Le devi mangiare sul luogo...».
 
Questa parentesi va a situarsi all’interno degli allegati agli atti delle indagini che la Magistratura sta conducendo sui rapporti Stato, Protezione Civile e Imprenditori, che hanno portato l’assegnazione di appalti e l’utilizzo di soldi pubblici in cambio di alte somme di denaro e favori a sfondo sessuale, coperte dallo “stato d’emergenza”. Cappellacci riprende così una delle vecchie battute e convinzioni di alcuni continentali, quella dell’isola come un paradiso estivo il cui unico “vero grande limite sono i sardi”. Da sardo posso dire che, a giudicare dal fatto che lo hanno votato, direi che ci ha azzeccato.
 
Lascio a voi eventuali commenti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares