• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Recensioni > Il nome della Rosa, la serie

Il nome della Rosa, la serie

Le radici cristiane dell'Europa, lo scontro tra papato e impero, la Chiesa (nel periodo della cattività avignonese) preoccupata per il potere che non dei poveri.


E, per contrasto, il crescere dei movimenti minori che, nella loro fede mistica, si lasciavano andare in violenze e saccheggi.
Potremmo rileggere Il nome della rosa in controluce e vederci delle attinenze col presente: elite che si preoccupano solo del perpetuare del loro potere che, per contrasto, alimentano i populisti e le forze contro. 
Le elite e il popolo.


“Cosa vi terrorizza di più della loro purezza?”
“La fretta”.

Questo è uno dei passaggi che più mi ha colpito del libro: il fanatismo religioso, la ricerca di una giustizia terrena ora e adesso, spesso indistinguibile dall'avidità e dalla bramosia dei beni terreni.

Sono proprio curioso di vedere la serie TV dal libro di Eco

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità