• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > I Gigli di Nola: un’impressionante festa unica nel suo genere

I Gigli di Nola: un’impressionante festa unica nel suo genere

La Festa dei Gigli di Nola è una festa religiosa che ogni anno si tiene nella città di Nola, in provincia di Napoli ogni ultima domenica di giugno (anche se gli eventi ed i festeggiamenti durano per tutto il mese di giugno), in onore del santo patrono San Paolino. E' una festa molto sentita dalla popolazione nolana e dei paesi limitrofi che negli ultimi anni ha richiamato l'attenzione di migliaia di visitatori, grazie sopratutto al sigillo del patrimonio culturale immateriale dell'umanità dell'UNESCO ottenuto nel dicembre del 2013 assieme alla Macchina di Santa Rosa di Viterbo, la Varia di Palmi e la Faradda di li candareri di Sassari che insieme formano la Rete delle grandi macchine a spalla italiane. 

La particolarità di questa festa sta nel fatto che l'ultima domenica di giugno, per le strade della città sfilano ben 8 obelischi in legno alti più di 25 metri e decorati di cartapesta, trasportati da un gruppo di persone che prende nome di paranza. 

Gli obelischi sono 8, uno per ogni corporazione che prendono nome degli antichi mestieri: c'è l'ortolano, il salumiere, il bettoliere, il panettiere, il beccaio, il calzolaio, il fabbro e il sarto. A questi si aggiunge la barca che simboleggia il ritorno in patria di San Paolino. Su una sorta di balconcino sulla base degli obelischi c'è spazio anche per una banda musicale di 5/6 musicisti e cantanti che danno il ritmo con brani originali e reinterpretazioni attinte dalla tradizione musicale napoletana, italiana e internazionale . La manifestazione dura tutta la giornata, nel corso della mattinata del 28 giugno, i Gigli e la barca raggiungeranno piazza Duomo, la piazza principale di Nola, dove avviene la solenne benedizione da parte del vescovo. Dal primo pomeriggio fino a notte inoltrata, le strutture e le paranze (o cullatori) affrontano impressionanti prove di abilità e di forza nelle stradine strette del centro antico di Nola, cercando di far girare su se stesso l'Obelisco, evitando di toccare gli ostacoli presenti. 

A mio avviso, questa è una festa davvero unica nel suo genere che, assieme alle altre grandi macchine a spalla italiane, merita di essere vista e goduta. Appuntamento quindi il 28 giugno a Nola. Per il programma completo e le altre attività ed eventi che l'amministrazione comunale e la Fondazione della Festa dei Gigli hanno organizzato potete visionare i siti: www.fondazionefestadeigigli.it e www.giugnonolano.com

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità