• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Grillo e gli hashtag

Grillo e gli hashtag

La politica M5S passa da Twitter.

JPEG - 50 Kb
 
Il Movimento 5 Stelle ed il blog di Beppe Grillo sono sempre più presenti su Twitter e recentemente stiamo assistendo al lancio di un hashtag dopo un altro. Ci domandiamo: si può fare politica con gli hashtag? Certamente no; però sono un modo, moderno e veloce per lanciare messaggi, raccogliere spunti e coinvolgere gli elettori. Ed anche in questo il M5S si dimostra all'avanguardia e diverso dai partiti tradizionali.
 
Così il «voi siete niente», pronunciato con veemenza dalla senatrice Paola Taverna in aula e indirizzato alla maggioranza, è subito diventato l'hashtag del giorno #SieteNiente.
 
Il giorno prima era la volta di #Lettamente, dopo la visita di Beppe Grillo in occasione dell’iniziativa Occupy Rai. Ma sono solo alcuni tra i vari #iononrubo #sonounmoralistadelcazzo #esigorispetto #NonDimenticheremo.
 
Certo già da tempo Grillo li usa come mezzo per lanciare le sue campagne, però ora sembra sia diventata una strategia comunicativa di gruppo, non calata dall’alto. Non è raro che gli autori siano gli stessi deputati, così #spartirsiilmalloppo è stato ideato da Roberta Lombardi sul tema del finanziamento pubblico ai partiti, mentre #Grassochecola dal parlamentare Sebastiano.
 
Alcuni sono un vero cult, come #maipiùmoderato, che resiste dal 17 settembre.
 
L’ultimo in ordine di tempo, è quello a sostegno del deputato Roberto Fico di cui sono state chieste le dimissioni dalla presidenza della commissione di Vigilanza Rai, #iostoconFico.
 
Quindi non resta che augurare buon cinguettio a tutti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares