• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Tempo Libero > Fame&Tulipani > Glifosato | Pesticidi e Biologico: che bella coppia

Glifosato | Pesticidi e Biologico: che bella coppia

Un invito a discutere, le contraddizioni di Repubblica (e dell’Unione europea), il parere di Claud’io, la discussione in rete… Sperando che sia solo la prima puntata

 

1 – Ricevo da Giorgio (grazie) questo msg: «se in “bottega” c’è chi si occupa di agricoltura biologica e/o di alimentazione bio, potrebbe valutare questa notizia, circolata in rete, e magari commentarla.

I pesticidi? Anche nelle urine. Ma con la dieta bio spariscono – contraddizioni tra Repubblica web e carta
«C’è un bell’articolo sul web di Repubblica ma nella versione cartacea si minimizza sul glifosato e si spara sul biologico».

I pesticidi? Anche nelle urine. Ma con la dieta bio spariscono

Una famiglia con due figli è stata sottoposta a un monitoraggio. Ripetuto dopo 15 giorni di alimentazione a base di prodotti senza chimica. E il glifosato crolla

di ANTONIO CIANCIULLO, 30 novembre 2017

« […] due genitori quarantenni, due bambini in età da elementari. Una famiglia come tante, attenta a quello che mangia ma con i compromessi alimentari tipici di chi vive in una grande città. Con una differenza: ha accettato di sottoporsi a un test per misurare il livello di pesticidi nel corpo e si è trovata di fronte a una doppia sorpresa.
La prima è venuta dall’analisi delle urine: Giacomo e Marta erano tranquilli, convinti delle loro scelte: pensavano di aver evitato, per loro e per i figli, i cibi a rischio. Il laboratorio ha fornito un quadro diverso della situazione. Ha accertato la presenza di glifosato (nel padre con valori che superano il doppio della media della popolazione di riferimento), di clorpirifos (un insetticida che provoca problemi di apprendimento: nelle analisi di Giacomo, il bambino di 7 anni, ne è stata trovata una concentrazione più che tripla rispetto alla media della popolazione di riferimento), di contaminazione da piretroidi (i valori di uno dei metaboliti, l’m-MPA, nella madre arriva a 3,4 microgrammi per grammo, un picco che la colloca in cima alla classifica).

A dieta biologica, e i pesticidi scompaiono

La seconda sorpresa è arrivata con le analisi di controllo, dopo 15 giorni di dieta a base di prodotti provenienti da agricoltura biologica. Nell’80% dei nuovi test il quadro è mutato radicalmente mostrando la rapidità degli effetti del cambio di stile di vita. Su 16 analisi delle urine (quattro per ognuno dei membri della famiglia), ben 13 hanno dato risultati estremamente positivi, con significative differenze tra prima e dopo la dieta, e solo in due non si sono registrati miglioramenti. Ad esempio, nel caso di Giacomo, il clorpirifos – una sostanza associata a deficit di capacità di attenzione e di memoria nei bambini – è sceso da oltre 5 microgrammi per grammo di creatinina a 1,5 microgrammi. Quanto al glifosato, nelle urine di Giorgio è scomparso e anche in quelle dei bambini è sceso da 0,19 microgrammi per litro nel più piccolo e da 0,16 per la sorella di 9 anni sotto i limiti di rilevabilità. Sono i risultati della campagna del bio monitoraggio #ipesticididentrodinoi promossa da FederBio con Isde-Medici per l’ambiente, Legambiente, Lipu, Wwf e lanciata dal progetto cambialaterra.it sostenuto da un gruppo di aziende del biologico (Aboca, Germinal Bio, NaturaSì, Pizzi Osvaldo, Probios e Rigoni di Asiago). Le analisi sono state effettuate dal Medizinisches Labor Bremen (MLHB), un laboratorio tedesco di biologia medica fondato nel 1961 che aveva già eseguito questo tipo di analisi per le Coop scandinave.
“Quello della famiglia di cui parliamo è solo un test di bio monitoraggio, ma conferma risultati ottenuti con metodi che hanno superato il vaglio della pubblicazione di riviste scientifiche molto qualificate e che dimostrano i risultati che si possono ottenere anche con un breve periodo di alimentazione bio”, precisa Patrizia Gentilini, oncologa dell’Isde.
“Due studi fra gli altri, uno del febbraio 2006 pubblicato su Environmental Health Perspectives e uno del 2013 sul Journal of Urology, sottolineano la riduzione del rischio ipospadia, una malformazione genitale nei bambini, nel caso di alimentazione biologica. Inoltre nel gennaio scorso l’Unione europea ha pubblicato Human health implication of organic food and organic agricolture, una ricerca che documenta i vantaggi di un’alimentazione priva di tracce di pesticidi per problemi come le malattie allergiche, l’obesità e la resistenza agli antibiotici”».

 

2 – Contrariamente a quel che spera Giorgio (e piacerebbe a noi bottegarde/i) non abbiamo qui chi studia su “veleni, bugie e forse salute”. Però la “bottega” chiesto a un paio di persone che collaborano se avevano voglia di commentare/intervenire. Ecco i “cattivi” pensieri di Claud’Io [o Claud-Io, se preferite].

OPINIONE MUTANTE DI TIPO METEREOLOGICO (scritto in poco tempo e passibile di errori ma non di malafede).

Su internet non bisogna fidarsi altrimenti si finisce per avere una cognizione metereologica del problema. Oggi piove, domani nevica, poi viene il sole. Ogni giorno è diverso.

GLIFOSATO 

E’ un dissecante, deriva dall’AGENTE ARANCIO utilizzato nel Vietnam dove ha fatto danni che ancora oggi non sono sanati. Fa bene, fa male? Sicuramente fa male e chi afferma il contrario è, nel migliore dei casi, un disinformato. Se nell’ultima decisione della Comunità Europea ne è stato consentito per altri 5 anni l’uso, contro il parere di Italia e Francia, non è perché innocuo, è stata una decisione politica non tecnica: la Bayer (Germania) sta acquistando la Monsanto (USA) cioè il maggior produttore di glifosato. Tecnicamente è un prodotto “perfetto” soprattutto sulle piante Ogm create per quel dissecante; è selettivo. Viene usato anche come disseccante sul grano non maturo. In Canada il clima non è ideale per portare il grano alla sua completa maturazione ma si deve farlo arrivare in Italia – e altrove – in tempo, quando qui si miete il grano, così da poterlo mischiare con il nostro. Hanno un mese. In Italia è proibito ma non è vietato importare e utilizzare grani provenienti da Paesi dove è consentito. Il risultato è: non è grano maturo ed è anche dannoso.

BIOLOGICO

«Bio» è un termine che purtroppo è diventato un brand e non qualifica i prodotti. Per marchiarsi «bio» basta essere certificati da enti preposti. Vi garantisco che c’è da ridere (o da piangere?). Non puoi utilizzare antiparassitari e anticrittogamici di sintesi ma ora hanno scoperto che il solfato di rame, un prodotto utilizzato da sempre come anticrittogamico per produzioni «bio», è tossico in maniera minore sull’uomo… però molto per la natura. La Comunità Europea dovrà decidere e come per il glifosato verrà presa una decisione politica. «Bio» non vuol dire qualità né sicurezza. Se si affermi che un vero prodotto «bio», sempre che possa esistere, sia uguale a uno Ogm e trattato con sostanze dannose, è tipico di chi non sa cosa è l’agricoltura. Se io faccio un’analisi organolettica a una mela che non ha subìto trattamenti e a una che viene da impianti industriali che utilizzano dai 35 ai 50 trattamenti di antiparassitari e anticrittogamici all’anno, trovo le stesse sostanze organolettiche ma non lo stesso gusto, sapore. Non sono nello stesso equilibrio. I presunti prodotti «bio» vengono venduti anche a 3/4 volte il prezzo di un “non bio”. Ora vi trovate nella GDO (grande distribuzione organizzata, i supermercati) al reparto di frutta e verdura «bio». La differenza? Il prezzo, non la qualità . Poi se acquisto peperoni a dicembre, «bio» o no, sono di serra, non naturali: insipidi e pieni di acqua. Finti. Non ci vuole un genio per capire che devi acquistare e mangiare frutta e verdura di stagione, possibilmente coltivata il più vicino possibile. Se hai voglia di ciliegie a dicembre, arrivano dal Sud Africa o dal Cile, lì sono di stagione, ma non pensar che arrivino mature: vengono raccolte acerbe e poi trattate. Un frutto maturo ha compiuto il suo ciclo di sviluppo, è dolce. Uno non maturo non lo sarà mai.

TEST

Ovviamente un test su 4 persone non può essere indicativo. Se mangio frutta o verdura con qualcosa che mi crea danni poi cambio e mangio senza quelle sostanze, può essere che la mia situazione migliori ma qui si vorrebbe certificare che è sufficiente non mangiare più un prodotto “rischioso” e tutto si risolve. Se vi ricordate di Seveso o Bhopal sapete che non va così. Voglio rivederli fra 20 anni. Forse non ci sarà più la sostanza dannosa nelle urine ma nel frattempo quali danni sono stati fatti? E poi le analisi non hanno dato nessuna certezza totale. Un test sulle urine verifica la presenza o assenza di una sostanza, non dice cosa sia rimasto in giro, per il resto del corpo, dove si sia depositato e cosa può provocare. Hanno fatto verifiche? Mi sa di no.

Faciloneria e ignoranza non sono ammissibili: portano a dire tutto e il contrario. Creare confusione significa far passare che il cattivo diventa buono e/o viceversa.

Provo a riassumere. «Bio» significa meno trattamenti; è un brand che permette alla GDO di vendere a un prezzo maggiorato fino a 3/4 volte. Fatevi una domanda: lo acquistano da piccoli produttori seri e al giusto prezzo oppure al prezzo “non bio” e poi intascano il resto?

Fra poco vedrete – hanno già iniziato – supermercati BIO e NON BIO con«bio» e “non bio” separati ma fisicamente vicini. Il marketing ha individuato una fascia di consumatori disposti a pagare prezzi assurdi per prodotti … assurdi (e non parlo di soli alimentari). Per ricchi. La qualità sarà decisa dal prezzo: più costa, più è buono e salubre. Preparatevi al peggio.

Io sono nato in campagna, ho studiato all’Itas di Imola, laureato alla facoltà di Agraria di Bologna e continuo a studiare la materia. Non sarò un genio, ma non sono un cialtrone.

 

3 – Nella lista «gasbo» (GAS sta per Gruppo Acquisto Solidale) c’è una bella discussione su glisofato e dintorni. Qui sotto alcuni stralci.

Scrive Wladi: «[…] la Bayer ha acquisito Monsanto ed è attualmente
il più grande produttore di glisofato. Il corto circuito o la logica è evidente: coi loro veleni ci ammaliamo poi con le loro medicine ci curiamo (?). Non è complottismo, non sono fake news: è il capitalismo baby, connaturato allo sfruttamento e al far soldi fregandosene di tutto sulla pelle della gente. Vaccinate gente, vaccinate».

Gli chiede Glauco: «Si può fare qualcosa?».

E risponde Wlado: «un tempo ti avrei detto che serve sostenere l’economia solidale, la transizione, l’equo solidale, il boicottaggio di Gdo e di agricoltura non contadina…
ora non credo sia sufficiente, credo che serva radicalità nei fini (non dico nei mezzi) e si debba combattere il capitalismo senza aspettare che risulti desueto o si consumi da solo, in tutte le sue componenti di dominio: politica, economica, culturale, sociale. Informarsi e agire collettivamente, preparandosi a resistere e aprendo crepe nel sistema… finché non crolla! Tante, piccole, insistenti crepe finché le fondamenta non crolleranno».

 

4 – E dopo Claud’io la “bottega” è aperta ovviamente ad altri interventi.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità