• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > E’ morto a Catania Gabriele Centineo, compagno di mille battaglie

E’ morto a Catania Gabriele Centineo, compagno di mille battaglie

Ora è sparita anche la Rosa rossa

non si sa dov’è sepolta

Siccome ai poveri ha detto la verità

i ricchi l’hanno spedita nell’aldilà.

(Bertolt Brecht, Epitaffio, 1919)

Dopo una lunga e combattiva attraversata del percorso umano, sempre in testa a mille battaglie per il riscatto sociale delle lavoratrici dei lavoratori, senza avere mai abiurato ai valori collettivi e partecipativi contro lo sfruttamento e per il riscatto della dignità umana promossi dagli ideali del comunismo, dopo lunghe sofferenze, nel corso della mattinata del 5 settembre è morto Gabriele Centineo, a settantacinque anni.

Integerrimo compagno catanese, ex docente di chimica nell’Ateneo di Catania, di esemplare umiltà e generosità umana, di grandi conoscenze e capacità intellettuale. Impegnato da molti decenni, a Catania e tutta la Sicilia, fin dagli inizi degli anni sessanta, in particolare nell’ ambito dell’organizzazione politica della nuova sinistra, Psiup, Pdiup, Democrazia Proletaria, Rifondazione Comunista, e sul piano sindacale da molti decenni nella Cgil, nelle componenti alternative - ex della segreteria confederale. Attualmente segretario provinciale di R.C. e componente del Comitato Provinciale dell’ANPI.

In una lunga fase dove è sembrato che “tutto fosse perduto”, continuamente alla ricerca, nelle analisi e nell’operatività, di nuove strade per mantenere alta l’attenzione verso gli sfruttati.

Sempre in prima fila, vulcanico organizzatore, in difesa dei valori costituzionali e dell’antifascismo, contro tutte le guerre, delle istanze civili e di giustizia, contro il connubio di potere politico -affaristico-mafioso, avversario di tutte le forme di razzismo. 

I funerali laici si sono svolti nella mattinata di giovedì 7 settembre presso la Camera del Lavoro di Catania. La bara è stata posta nello storico chiostro, circondata dall’affetto delle centinaia di compagni che nel corso degli anni hanno avuto maniera di apprezzare le doti politiche ed umane di Gabriele. Dopo vari interventi di compagni, rappresentanti della Cgil e componenti della famiglia, la salma, prima del distacco verso il cimitero, è stata coralmente salutata con vari canti della storia del movimento dei lavoratori e della sinistra.

All’ingresso del chiostro, sul tavolo assieme all’album dei “pensieri” degli intervenuti, sono state poste le cartoline della memoria. Da un lato la fotografia di Gabriele, dall’altro alcuni passaggi di una poesia di V. Majakovskij ( “ L’incidente è chiuso”-1930):

….Come si dice,

l’incidente è chiuso. Il canotto dell’amore

s’è infranto con la vita circostante.

E’ inutile stare a ricordare

Le offese,

i dolori, i torti reciproci.

“ Siate Felici”.

 

(domenico stimolo)

 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità