• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > "Dominique Strauss-Kahn ha tentato d’abusare di me"

"Dominique Strauss-Kahn ha tentato d’abusare di me"

Forse dietro le prime rivelazioni su Dominique-Strauss Kahn c’è molto di più. A Parigi il direttore del FMI è conosciuto per le sue conquiste amorose. La sua presunta relazione con un’economista ungherese è uscita alla ribalta delle cronache ma, in ogni caso, si tratta di notizie private, di fatti avvenuti tra due adulti consensiensienti e, come afferma lo stesso DSK, non si è trattato che di un banale scambio d’affetto. Ma c’è forse qualcosa di più grave. Un video on-line lascerebbe intendere che Strauss-Kahn abbia cercato di violentare Tristane Banon, giovane giornalista e scrittrice. Se gli elementi dovessero essere confermati, l’accusa sarebbe terribile: tentato stupro. La vittima non si tira indietro, anzi accusa il direttore del FMI di averla picchiata, per utilizzare un eufemismo.

 

Come mai questo video non è stato diffuso? La domanda è d’obbligo, visto il contenuto. Una notizia che è stata censurata, il nome del protagonista è stato coperto, anche se non è difficile intendere chi si nasconde dietro i bip... Sarebbe importante che DSK e le istituzioni chiarissero queste affermazioni di Tristane Banon.

Nel video, Tristane Banon, giovane giornalista e scrittrice accusa un importante uomo politico di aver tentato di violentarla. Chi è il politico in question? Mistero. Il filmato è tratto dalla trasmissione di Paris Première: 93, Faubourg Saint-Honoré, di Thierry Ardisson (messa in onda il 5 Febbraio 2007).

Tristane Banon è seduta al tavolo con gli altri invitati(Jacques Séguéla, Thierry Saussez, Jean-Michel Aphatie, Roger Hanin, Gérald Dahan, Claude Askolovitch et Hedwige Chevrillon) e afferma: “Mi è capitato che con [Lungo bip... Il nome del protagonista deve essere lungo] abbia avuto dei problemi. E’ una scimmia eccitata!”. Il conduttore Thierry Ardisson rilancia: “è un ossesso”.

C’è da chiedersi chi sia la persona della quale si parla. Per saperlo basta chiederlo all’interessata, Tristane Banon, che ci ha confermato trattarsi di Dominique Strauss-Kahn.

Perchè il nome è stato censurato? “Non lo so - dichiara ad AgoraVox, Tristane Banon. So solo che che Thierry Ardisson mi ha invitato alla sua tramissione: Tout le monde en parle, e a fine trasmissione la televisione ha chiesto che tutta la scena venisse censurata. E’ stata una decisione di Télé Paris e di Stéphane Simon. Non fui assolutamente io a farne richiesta”.

Un’altra domanda: perchè all’epoca dei fatti nessuno ne ha parlato ? E perché il video è stato cancellato da tutti i siti internet, come in un banale tentativo di cancellazione della memoria?

L’accusa di Tristane Banon è grave ma non assurda. E’ ricorrente nelle cronache francesi: “Chi non è stata avvicinata da Dominique Strauss-Kahn?”, si chiede Danielle Evenou durante una trasmissione di Laurent Ruquier.

La stampa anglosassone, negli ultimi giorni, ha fatto man bassa sulla sua, supposta, relazione con Yasmina Reza.

 

 


envoyé par AgoraVox

DSK è sotto i riflettori anche per la sua love-story con Piroska Nagy, un’economista ungherese che ha lavorato al FMI fino ad agosto scorso. DSK è sotto osservazione dell’FMI per “abuso di potere in quanto avrebbe accordato a Nagy delle indennità di trasferta troppo elevate o manovrando l’FMI per averla alla sede di Londra”, afferma Le Point.

Se Dominique Strauss-Kahn non nega di essere stato « vicino » a Piroska Nagy, nega qualsiasi abuso di potere. Il direttore del FMI è anche coinvolto nell’affare Emilie Byhet, sua assistente alle primarie socialiste del 2007. Sembrerebbe che avrebbe fatto pressione sul FMI affinché le fosse attribuito uno stage presso il dipartimento di ricerca.

Certamente non si tratta di intromissioni da poco, ma nulla a che vedere con l’accusa di Tristane Banon. All’epoca dei fatti, nel 2002, la scrittrice non ha osato sporgere denuncia, perchè sembrava che sul suo agressore ci fosse già ampio dossier di denunce mai prese in considerazione. Al telefono ci ha confermato che non sporgerà denuncia: “Ora non so se il reato è caduto in prescrizione. Sono passati sei anni. All’inizio volevo sporgere denuncia ma visti i precedenti con Johnny Hallyday (accusato dalla sua segretaria di averla violentata e picchiata dopo aver sporto denuncia, ndr), non volevo che la stessa cosa succedesse a me... Cosa impedirà al 50% delle persone che incontro di non credermi? 

Dovrebbero credere alle mie parole, allora ho preferito conviverci. E poi cosa ci avrei guadagnato? Denaro? Non voglio i suoi soldi. E se avessi voluto utilizzare questa storia per vendere dei libri... francamente non voglio costruirmi una reputazione partendo da questa storia, preferisco vendere di meno o non vendere proprio... E poi vivo sola a Parigi. Lui è sostenuto da un signore che non è una persona tenera e dai modi raffinati... Non penso che mi avrebbe fatto uccidere, questo no, ma i connotati forse me li avrebbe cambiati...”.

Ma cose è successo esattamente? Tristane Banon contatta Dominque Strauss-Kahn nel 2002, all’epoca preparava un libro: Erreurs avouées che sarebbe stato pubblicato qualche mese più tardi dall’editrice Anne Carrière, sensa la testimonianza di Strauss-Kahn. Perchè? Lo si capisce ascoltando il video censurato su Paris Première.

“… Mi ha proposto di incontrarci, mi ha dato un indirizzo che non conoscevo, questo mi ha già sorpreso perché conoscevo un po’ la sua vita, più o meno, e so dove abita, il suo ufficio, il Parlamento. Non era in nessuno di questi luoghi. Sono arrivata, ho parcheggiato e sono salita. Era un appartamento vuoto, completamente vuoto, con un registratore, una televisione, un letto in fondo, molto bello, ha un buon gusto, delle travi a vista magnifiche, affacciata sul cortile interno; poi ha gentilmente chiuso la porta. Ho posizionato il microfono per registrare e lui ha voluto che gli tenessi la mano per rispondere, dicendo: non ci riesco se lei non mi tiene la mano, dopo la mano si è passati al braccio e più in là, l’ho subito fermato… Ero vestita con un maglioncino a collo alto nero, forse questo fa impazzire gli uomini ma bisogna smetterla! Dopo è andata molto male, perchè ci siamo picchiati ed è finita in maniera molto violenta, perchè gli ho detto chiaramente [uno degli invitati interviene, ndr]... no no, ci siamo picchiati per terra, mica solo un paio di schiaffi, l’ho preso a calci, lui ha strappato il mio reggiseno e tentato di aprire il mio jeans... Ma quello che mi ha colpito ancora di più [il video a questo punto è tagliato, ndr]Sono andata via e lui mi ha inviato uno sms: vi ho fatto paura? Con un’aria provocatoria, gridavo mentre ci picchiavamo e ho urlato: stupro! Per fargli paura ma questa cosa non sembrava toccarlo più di tanto, come se l’appartamento fosse insonorizzato. Dopodiché non ha smesso di inviarmi sms dicendo: vi ho fatto paura?

Possiamo chiederci chi siano le persone che hanno minacciato ? Persone così potenti che possono cenusurare una trasmissione, censurare un editore di libri, minacciare di chiudere un programma di una televisione nazionale?

Cosa farà ora il FMI?

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.136) 16 maggio 2011 09:29

    La sfera sessuale condiziona pesantemente la vita umana, sembra impossibile scindere modalità di approccio sessuale ( profilo caratteriale non modificabile) e ruolo professionale, è tanto contorta la relazione tra i due aspetti, che la prima influenza senza appello la seconda, anche se le doti professionali di un individuo fossero indispensabili alla gestione di aspetti vitali di ordine pratico ( economiche o politiche) dell’intera umanità, in grado di guidare al meglio delicate situazioni da cui dipendono le sorti di milioni di persone, prevale il giudizio sull’espressione sessuale e dunque proprio della sfera più intima di un individuo. Se dovessimo giudicare equamente, in tal senso, chi salveremmo ? dobbiamo giudicare i gusti sessuali o il contributo professionale, dobbiamo giudicare l’jntimità o le doti personali che possono contribuire a migliorare la vita di milioni di persone ? con quale metro di giudizio dobbiamo giudicare ? allora in un colloquio di lavoro si chiami un sessuologo a fare selezione e ci si astegna dal chiedere lauree, masters, curriculum sulle esperienze lavorative. Mi viene il dubbio che, l’attacco massivo a chi viene scoperto sia un abile mossa per sviare l’attenzione su di sè, chi è limpido e candido ?

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares