• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Bisogna resistere al mobbing

Bisogna resistere al mobbing

All'inizio non puoi più parlare tranquillamente perché sai che le tue parole sono sotto osservazione. E se pure siamo in tanti a parlare e delle stesse cose, solo le tue parole saranno ascoltate e prese di mira. Poi non puoi muoverti come vorresti, come hai sempre fatto, perché non vuoi incontrare chi ti aggredisce e allora cerchi entrate secondarie, non frequenti luoghi comuni e, per evitare incontri difficili, cambi luogo, stanza, corridoio. A quel punto anche lavorare diventa difficile, una corsa a ostacoli.

Nutri sentimenti brutti: di rabbia e frustrazione e queste emozioni sono pur sempre sentimenti vivi. Puoi arrivare, infatti, a nutrire solo angoscia, ansia, depressione; puoi arrivare a pensare che quell'accanimento, quell'aggressione te li meriti perché sei tu che non vai bene, la colpa è tua e tutti dovrebbero starti alla larga per non essere contaminati. E ti stupisci, come accadde a Simone Weil mentre lavorava come operaia, che qualcuno sia gentile con te. Nonostante la tua macchia infamante di “presa di mira”, o piantagrane che dir si voglia.

Tutto questo accade ancora e sempre sul lavoro, può accadere a uomini e a donne, ma più spesso a donne con implicazioni che finiscono nella sfera emotiva, dato che in Italia per lo più capi e dirigenti sono uomini. Accade che un capo, un dirigente ti prenda di mira, tu lavori e non va bene, quello che fai è inferiore alle aspettative, quello che sei ormai è insopportabile. Cerchi di nasconderti, ma non serve perché in realtà tu, che sei la vittima, hai una funzione importante: sei il capro espiatorio, chi comanda e ti prende di mira non ti sopporta e ha bisogno di te. I due aspetti paiono opposti, ma sono strettamente connessi in una spirale da cui è difficile uscire sani e salvi.

Credo si possa definire mobbing. A me è già accaduto, per questo, perché so, non posso fare a meno di pensare a quante altre persone, uomini e donne, giovani e non, sono sottoposti a questo trattamento sul posto di lavoro. Penso agli operai che, oltre all'oppressione della catena di montaggio, subiscono altre forme di costrizione; penso a chi, sotto lo spettro della disoccupazione, deve dire di sì a ogni sopruso; penso anche a chi per fare carriera deve vendere i suoi sogni. Io ho opposto due forme di resistenza, oltre a quella giuridica: in primo luogo non lasciare intaccare la mia persona, la mia dignità, la mia certezza che siamo tutti uguali. E poi, ma è difficile, non provare sentimenti di odio per nessuno, nemmeno per chi in tutti i modi cerca di umiliare, di opprimere, di prevaricare.

Nessuno può fare questo a un'altra persona, aldilà delle funzioni professionali, siamo tutti uguali non solo giuridicamente, ma anche e soprattutto esistenzialmente.

Per questo io chiedo alle persone che sentono questo problema di scrivermi, di parlarmi, di dirmi qual è la loro condizione perché è utile parlarne senza pensare di avere un marchio di infamia, senza paura; perché è utile smascherare questi meccanismi. Il lavoro in certi casi è in sé oppressione, se almeno tra le persone ci fosse solidarietà si vivrebbe meglio. Anche i capi, perché chi opprime non sta bene, è infelice pure lui!

E poi ecco che chi non ha lavoro si suicida come nelle Marche è il circolo vizioso dell'oppressione è perfetto. Ma le vittime sono tante: parliamoci, uniamoci e chiediamo un trattamento dignitoso davvero per tutti.

La mia mail: mariarosap33@gmail.com

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.240) 15 aprile 2013 00:38

    "non lasciare intaccare la mia persona, la mia dignità, la mia certezza che siamo tutti uguali".
    Difficilissimo, ai limiti dell’impossibile, a meno che .....
    A meno che, non ci si forzi a parlare: andare in giro, attaccare bottone con i colleghi, tutti, anche quelli che non si conoscono bene o affatto.
    Dopo un pò, si scopre di non essere SOLI; altri sono in una situazione simile, a volte anche peggiore della propria.
    Solo così si può riuscire a conservare quel minimo di autostima necessaria ad andare avanti, in un modo o nell’altro. Non è vero che mal comune mezzo gaudio, ma almeno aiuta a non perdere il contatto con la realtà.
    Ma (c’è sempre un ma), bisogna avere anche il coraggio di guardare le cose come stanno davvero, sfuggire alla tentazione di autoassoluzione che è l’altra faccia della colpevolizzazione, tenendo presente che quasi mai chi mobbizza lo fa per motivi assolutamente futili e personali (antipatia "a pelle", differenza di colore politico, ecc). Perfino quando il mobbing è frutto di precise direttive superiori (tagli del personale, fare spazio alla carriera di qualche unto del signore, ecc), la scelta si orienta sempre verso chi, per una ragione o per l’altra, ha dato cattiva prova sul lavoro, almeno a giudizio del capo. 

    • Di (---.---.---.233) 15 aprile 2013 02:22

      "a giudizio del capo"
      e qui sta il problema, in realtà il mobbing non è quasi mai verso persone che non lavorano o lavorano male...

    • Di (---.---.---.48) 15 aprile 2013 12:45

      Il discorso sarebbe molto lungo, ma provo a sintetizzare.
      Quando una persona, per un motivo o per l’altro, viene messa sotto osservazione, viene anche iniziato un processo di valutazione che prevede vari momenti.
      Chi fa queste valutazioni? Il Capo, naturalmente, e non potrebbe essere altrimenti.
      Chi sono le vittime più deboli e destinate ad essere marginalizzate?
      Paradossalmente, quelli che lavorano e magari lavorano anche bene: perchè si sa, "chi lavora, sbaglia".
      Quello che accade, quasi sempre, è che queste persone non si rendono conto di quello che sta loro accadendo finchè non si trovano completamente isolate e senza incarichi (o con lavori progressivamente sempre più umilianti, inutili, spesso CREATI apposta per lui/lei).
      Spesso, direi quasi sempre, sono le persone stesse che iniziano a rifiutare gli incarichi, per sfuggire al livello eccessivo di critica e all’ansia che ne deriva.
      Diventano sempre più insofferenti, reagiscono male nei confronti dei colleghi anche quando non ce ne sarebbe alcun motivo: da tenere presente, inoltre, che se è difficile cogliere questi segnali per chi ne è vittima, lo è anche di più per i suoi colleghi).
      Che fare? Bisogna prendere atto che è mancata una seria valutazione delle proprie capacità e del proprio valore, e sussiste in queste persone una richiesta di riconoscimento che non è motivata da volontà di migliorare (economicamente, o in carriera), bensì da rafforzare la propria autostima.
      E questo per alcuni Capi è assolutamente fastidioso e insopportabile; non per tutti i capi, ma prima o ci capiti sotto uno di quelli.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox







Palmares