• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > A 15 anni in una gang del Guatemala, Alma racconta il suo inferno

A 15 anni in una gang del Guatemala, Alma racconta il suo inferno

Alma ha 27 anni ed ha già visto l’inferno. Questa ragazza guatemalteca si è venduta l’anima a un diavolo terribile: una delle più violente gang del Paese responsabile di 18 omicidi al giorno. La storia della sua caduta nell’abisso e del suo riscatto è narrata in un docuweb (cliccate qui per la versione francese) uscito in questi giorni insieme al libro omonimo e presentato sabato scorso alla Fnac Montparnasse di Parigi dagli stessi autori Miguel Dewever-Plana e Isabelle Fougére, il lancio è stato sostenuto anche da Amnesty International.

È la stessa Alma (nella foto con il suo compagno) a raccontare, tra lacrime e silenzi, la sua adesione alla gang a soli 15 anni grazie a un suo amico: “Quando entri lì dentro – dice – non sei più libera. Devi uccidere per essere amata”. Capelli neri, viso triste, tanti tatuaggi e quegli occhi pieni di dolore, la ragazza ha deciso di mettersi in gioco per mostrare al mondo quello che nessuno ha mai osato: la vita della gang e i suoi rituali in cui la violenza diventa una dipendenza simile all’alcolismo. Uscirne non è facile. Alma per esempio è finita su una sedia a rotella colpita dai suoi stessi compagni di gang e abbandonata per strada in fin di vita. Oggi su di lei pende ancora una condanna a morte ma questo non le sembra importante:

“Se qualcuno mi avesse parlato allora – dice -, forse non avrei commesso il mio primo crimine. Voglio salvare i bambini prima che commettano un gesto irreparabile e se anche solo uno si fermerà questa mia scelta avrà un senso”. 

D’altra parte la vita di Alma è sempre stata in pericolo basti pensare che nella città in cui è nata il 98% dei crimini resta impunito. “Ci ha messo un anno e mezzo prima di decidersi a parlare – racconta la giornalista Isabelle Fougére -, alla fine ha prevalso il bisogno di liberarsi e ricominciare una vita nuova, soprattutto avendo lo scopo di servire a qualcosa”.

Il docuweb inizia con il racconto di quando Alma arrivò nella sede della gang: “I miei compagni stavano violentando una ragazza e io ho guardato mentre lo facevano. Alla fine l’ho uccisa con una bottiglia rotta, è stato difficile perché lei mi pregava di risparmiarla in nome dei suoi bambini. Ma io avevo paura, non volevo sentirmi da meno dei miei compagni e sono andata sino in fondo”.

“La sua storia – dice uno degli autori il fotografo Miquel Dewever Plana che da anni percorre il Paese in lungo e in largo – è quella della gioventù perduta del Guatemala”. Oggi Alma lavora in un grande magazzino e sogna di iscriversi all’Università per diventare psicologa. Non ha mai pagato per i suoi crimini.

Di Monica Ricci Sargentini

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares