• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Religione > 2018: è la Lombardia la regione a più alto tasso clericale

2018: è la Lombardia la regione a più alto tasso clericale

È la Lombardia la regione che in questo 2018 che si chiude ha manifestato il più alto tasso di clericalismo istituzionale, stando al quadro che emerge dalla “Clericalata della settimana”, la sezione del sito dell’Unione degli Atei e degli Agnostici razionalisti (Uaar), che raccoglie le affermazioni e gli atti più clericali compiuti da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche.

«Le iniziative di stampo confessionale inanellate nel corso dell’anno sul territorio della regione sono innumerevoli e in molti casi si sono tradotte anche in un significativo esborso nei confronti della Chiesa o di realtà che a essa afferiscono», commenta Adele Orioli, segretaria dell’Uaar. «Faccio qualche esempio: in gennaio la Regione Lombardia ha appositamente riservato 1,2 milioni di euro alle Sale della Comunità (cattoliche) su un bando di 4 milioni destinato a tutte le sale per spettacoli; in maggio ha stanziato 100mila euro per interventi in occasione della “Peregrinatio” dell’urna di papa Giovanni XXIII; in novembre ha concesso il patrocinio a un convegno del Family Day, che si è tenuto proprio al Pirellone. Ci sono poi tutte le iniziative a livello locale: in gennaio il Comune di Brescia ha stanziato 177mila euro per la ristrutturazione di nove parrocchie della zona; in agosto, in occasione della visita dell’arcivescovo di Milano, il Comune di Brumano (BG) ha rinominato alcune vie dedicandole ai predecessori del prelato; in dicembre il sindaco di Cenate Sotto (BG), Giosuè Berbenni, ha chiesto e ottenuto la censura di una scena dell’Attila di Giuseppe Verdi, in programma alla Scala di Milano per l’inizio di quel mese, perché “blasfema”… e l’elenco non finisce qui».

«Ma la Lombardia (che già nel 2016 aveva conquistato il titolo) non è che la punta di un iceberg», prosegue Orioli: «Basti pensare al Comune di Verona che, come tutti sappiamo, ha per primo approvato una mozione anti-aborto per proclamare la città “a favore della vita” e sostenere, anche finanziariamente, associazioni integraliste; o alla Regione Marche che ha speso almeno 95mila euro per favorire la partecipazione di studenti delle scuole superiori al Meeting di Comunione e Liberazione a Rimini, nell’ambito del progetto di alternanza scuola-lavoro; o, ancora, a regioni a sorpresa come quella che una volta era la rossa Emilia-Romagna, dove la giunta ha stanziato oltre 4 milioni di euro per le scuole dell’infanzia paritarie, cifra che si aggiunge ai già cospicui finanziamenti statali e comunali per gli istituti scolastici privati».

E alcune iniziative hanno davvero dell’incredibile: «Penso per esempio al Comune di Este (Padova) che ha deciso di annullare gli eventi durante la festa di san Valentino in ossequio all’inizio della quaresima; al consiglio comunale di Quartu Sant’Elena (CA) che ha approvato una delibera per cedere a una parrocchiaun’area di quasi 5mila metri quadri, dove verrà costruita a spese di un privato una riproduzione della grotta di Lourdes; al sindaco di Messina, Cateno De Luca, che si è presentato presso il cantiere Tremestieri, dove erano in corso demolizioni di case abusive per ampliare il porto, con un crocifisso per “sterilizzare gli effetti del malocchio”, perché era stato trovato sale cosparso nel cantiere…»

«Una menzione speciale la merita però una persona: il senatore leghista e cattolico oltranzista Simone Pillon che nonostante l’agguerrita concorrenza dei suoi colleghi si è guadagnato sul campo il titolo di “politico più clericale dell’anno”. Non una sorpresa visto il suo curriculum e il partito di appartenenza, che nel 2018 ha fatto man bassa di clericalate».

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità