• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Pietro Orsatti

Pietro Orsatti

Scrittore, regista, giornalista e autore teatrale. Ha lavorato per numerose testate giornalistiche italiane e estere. Ha lavorato presso il gruppo parlamentare verde e in associazioni ambientaliste come Legambiente e Friends of the Earth. Ha realizzato progetti web e campagne per ActionAid, ANCI, Un ponte per…, Ricerca e Cooperazione. Impegnato per anni come collaboratore e redattore di numerose testate giornalistiche occupandosi di ambiente , società e esteri. Ha pubblicato, fra gli altri, per: Diario, Il Manifesto, Ag. Dire, L’Unità, Editoriale la Repubblica , Micromega, Courrier international, Carta, La Nuova Ecologia, Arancia Blu, Modus, Liberazione. Ha collaborato con la Rai, Telesur, RedeBras e RadioPop. Collabora con Liberazione, PeaceReporter, Avvenimenti, Antimafia2000, Dazebao, PeaceLink e Arcoiris.tv. E’ stato redattore di Left, collaboratore di Terra, EcoTv, TelJato, Antimafia2000,, Agoravox.it. E’ fondatore del progetto editoriale de Gli Italiani – di cui è stato anche coordinatore.
Filmografia
Argentina 2000 (2001) Tonyo (2002) Bitri (2003) La maschera (video danza 2003) Un altro Inizio (2004) Utopia Luar (2004) Il Lato Umano (2004) Fome Zero Sede Zero (2004) Gli Angeli del Brasile (2005) Acqua (2005) Una Giornata Qualunque (2005) Get On Board! (2005) Lona Preta (2005) La Conta (video danza 2006) Appunti a Margine (2006) Era un’altra storia questa qua (Workshop ’06) Ci dichiariamo nipoti politici (’06) De Mä (’07) Sulla stessa barca (’07) DNA (’08) La televisione più piccola del mondo (’08) Intimidiscimi (’08) Strike Boat (’09) Non di solo tetto (2010) Sulla linea di scena (Workshop 2011) Domani il Pride (2011)
Libri
Ha pubblicato nel 2009, per la casa editrice Socialmente, il libro “A schiena dritta”. Con Coppola editore con il nuovo Libro “L’Italia cantata dal basso” nel 2011. Di prossima uscita il romanzo "Nuddu". Ha pubblicato anche gli ebook "Roma", "Utopia Brasil", "Il Lampo verde", "Italian Tabloid" e "L'Era Alemanna"

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 07 Luglio 2008
  • Moderatore da lunedì 07 Luglio 2008
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 164 44 342
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 54 48 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Pietro Orsatti (---.---.---.220) 13 febbraio 2009 11:29
    Pietro Orsatti

    Io non "devasto" nessun film, riporto solo quello che dicono due delle parenti (in particolare la nipote) della persona di cui tratta l’opera. Ricordo che Piera Aiello e sua figlia (la nipote di Rita Atria) vivono ancora sotto protezione, con un’identità diversa, fra enormi difficoltà e enormi rischi.
    Rciordare Rita Atria, chi era, qual’è stata la sua tragica storia, è giusto e doveroso. Su questo la scelta del regsita non poteva essere più corretta e puntale. E’, come dice lei, una storia importante, emblematica. Ma a quanto pare (e non solo dalle interviste a Piera Aiello e Don Ciotti censurate e agli attacchi a Pino Maniaci e all’emittente TeleJato che le hanno diffuse) con i parenti i (testimoni di giustizia anche loro) qualche problema, e grosso, ci deve essere stato. Altrimenti non staremmo qui a parlarne.
    E qui la "deontologia" entra tutta. Faccio una domanda (che mi pongo sempre quando scrivo): il diritto di cronaca può consentirci di ignorare le esigenze di chi parliamo? Esigenze di sicurezza e di dignità, soprattutto quando si tratta di "soggetti deboli",
    Io questa domanda me la pongo.
    Sulla questione "soldi" per fare il film non mi riguarda. Sono contento che il regista abbia trovato i soldi produzione per realizzarlo. Se ora ha paura di ritrovarsi danneggiato non è certo una mia responsabilità. Coinvolgere i parenti di Rita Atria nell’operazione forse avrebbe evitato quello che sta succedendo. Da quanto detto a YouTube dallo stesso regista in un post, infatti, sembra che Amenta stia denunciando Piera Aiello e Don Ciotti. Certo non un gran viatico per chi ha voluto realizzare un film contro la mafia.

  • Di Pietro Orsatti (---.---.---.142) 12 febbraio 2009 18:52
    Pietro Orsatti

    si mostravano alcuni documenti autografi e le dichiarazioni erano dure ma mai offensive (se la delusione e la richiesta di rispettare immagine e accordi è un’offesa...), ma da qui alle censure e alla frenesia di cancellare ogni traccia delle critiche e del servizio e scatenare garante e fb contro telejato ce ne passa

  • Di Pietro Orsatti (---.---.---.220) 12 febbraio 2009 17:28
    Pietro Orsatti

    non entro nel merito. Ho solo dato la notizia del comunicato stampa della nipote di Rita Atria e ho postato le interviste realizzate da TeleJato a Piera Aiello e Don Luigi Ciotti. Strano che yuotube si affretti a censurare una intervista a Piera Aiello e LUIGI CIOTTI sull’argomento. Altrettanto strano che TleJato riceva telefonate su presunte irregolarità proprio questa mattina da parte del garante e che, sempre oggi, venga soppressa la pagina di facebook dedicata a TeleJato. 
    Di solito si risponde, si parla pubblicamente, si cerca di far valere le proprie ragioni prima di minacciare querele e chiedere censure.
    Parliamo di stile?
    Il regista non fa una gran figura, che sia o no dalla parte della ragione.

  • Di Pietro Orsatti (---.---.---.220) 12 febbraio 2009 16:45
    Pietro Orsatti

    Ci giunge notizia che you tube, su pressioni del regista Marco Amenta, ha fatto ritirare le interviste a Piera Aiello e Don Luigi Ciotti

  • Di Pietro Orsatti (---.---.---.107) 7 febbraio 2009 10:11
    Pietro Orsatti

    Da un lato c’è il buon senso e una rigorosa politica editoriale. Dall’altro l’incapacità da parte non di utenti quanto di mitomani o addirittura provocatori prezzolati (nei casi estremi). Basta tenere la barra dritta e continuare a fare il proprio lavoro. Poi se qualcuno continua c’è sempre il codice a darci una mano....
    Bravo Francesco a ricordarlo


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità