• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Risultato elettorale umbro: il fallimento di un esperimento?

Di paolo (---.---.---.49) 3 novembre 12:17

E’ la prima volta che mi capita di fare un commento senza avere riletto attentamente l’articolo. Nel suo caso però vado sulla fiducia, perché sono sicuro che quello che lei scrive è attendibile e condivisibile. Magari mi permetto di suggerirle di fare degli stacchi nel testo per rendere più fruibile la lettura.

Dunque, quello in Umbria, a mio avviso, non è stato un esperimento, è stata una manovra disperata senza lacun senso logico, soprattutto in una regione come quella. Non mi voglio cimentare in una analisi sociologica sul perché questo è quello che passa il convento, ma se da Berlusconi siamo passati a Renzi ed ora si punta su Salvini, è evidente che alla base ci deve essere una ragione profonda. Non può essere soltanto la suggestione "dell’uomo che non deve chiedere mai ". Non si può, anche al netto dell’ignoranza e della suggestione, credere che una maggioranza degli italiani non si accorga di che razza di individui va a scegliere.

La vera ragione è che gli italiani (molti ma non tutti) li scelgono consapevolmente, con fredda lucidità. Vogliono che chi li governa sia lo specchio dei loro difetti, sottoscrivendo nel contempo un tacito accordo: fai quello che vuoi basta che mi lasci fare quello che voglio. Da qui l’insofferenza alle leggi, alle regole , ai controlli ecc.. che affonda nel proprio DNA di accozzaglia e non di popolo nel senso del termine.

Un "do ut des" che non lascia alcuno spazio ai sani principi. E la sinistra, quella vera, che punta alla difesa del più debole, alla equa ripartizione, ad una giustizia per tutti ecc... è totalmente out, fuori dal contesto politico che conta. Il messaggio che lancia si perde nello spazio e nel tempo, soverchiata dalle "dirette" di personaggi surreali alla Salvini. Prendiamone tristemente atto e cerchiamo di attutire il colpo il più possibile; ecco perché ritengo che PD e M5S debbano ancora tentare di trovare una intesa. Pertanto non credo che l’Umbria sia stato un esperimento fallito, semmai è stato un non esperimento.

saluto



Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox