• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Vi sentite pigri? Forse non è colpa vostra

Vi sentite pigri? Forse non è colpa vostra

Sembra che i nostri cervelli siano programmati per la pigrizia: l’evoluzione ha privilegiato il risparmio dell’energia rispetto alla scelta di attività fisiche più salutari e dispendiose. Ecco perché è così difficile preferire la palestra alla maratona di serie tv…

di Giulia Negri

Se vi domandate come mai sia più semplice rimanere sul divano rispetto a decidere di uscire a fare una corsa, e vi siete sempre rimproverati per questo, forse questa scoperta vi rinfrancherà un po’ il morale: secondo i ricercatori della University of British Columbia, si tratta di una vera e propria lotta, che avviene all’interno del nostro cervello. Per quanto la società abbia incoraggiato per decenni gli individui a essere più attivi dal punto di vista dell’esercizio fisico, le statistiche mostrano come – malgrado le migliori intenzioni – stiamo diventando sempre meno dinamici. Matthieu Boisgontier e i suoi colleghi hanno provato a cercare le risposte a questo “paradosso dell’esercizio” nel nostro cervello, e i risultati, pubblicati sulla rivista Neuropsychologia, suggeriscono che i nostri cervelli potrebbero semplicemente essere programmati per preferire il divano.

“Risparmiare energia è stato essenziale per la sopravvivenza umana, dal momento che ci ha permesso di essere più efficienti nella ricerca di cibo e di riparo, nella competizione per i partner sessuali, e nell’evitare i predatori”, spiega Boisgontier, ricercatore post-dottorato nel brain behaviour lab del dipartimento di fisioterapia della University of British Columbia e primo autore dello studio. “Il fallimento delle politiche pubbliche che cercano di contrastare la pandemia di inattività fisica potrebbe essere dovuto a processi cerebrali che si sono sviluppati e rinforzati nel corso dell’evoluzione.”

I ricercatori hanno reclutato alcuni giovani adulti, li hanno fatti sedere davanti a un computer e hanno dato loro il controllo di un avatar sullo schermo. Poi hanno mostrato brevemente piccole immagini stilizzate, una alla volta, che rappresentavano attività o inattività fisica. I soggetti dovevano muovere il loro avatar il più in fretta possibile verso la scena di attività fisica e allontanarlo da quella che mostrava inattività, e viceversa. Nel frattempo, alcuni elettrodi registravano cosa accadeva nei loro cervelli. I partecipanti di solito erano più veloci nel primo tipo di azione (muoversi verso le immagini di attività allontanandosi da quelle di inattività), ma gli elettroencefalogrammi – letture dell’attività che avviene nel cervello – mostravano come questo richiedesse maggior lavoro per la nostra mente.

“Sapevamo da studi precedenti che le persone sono più veloci nell’evitare comportamenti sedentari e nel muoversi verso condotte attive. La novità emozionante del nostro studio è che mostra come evitare più velocemente l’inattività fisica abbia un costo – e ciò consiste in un maggior coinvolgimento delle risorse cerebrali”, sostiene Boisgontier. “Questi risultati suggeriscono che il nostro cervello è innatamente attratto dai comportamenti sedentari”. Ma le menti delle persone possono essere riaddestrate? “Tutto quello che accade automaticamente è difficile da inibire, anche se lo si desidera, perché non si sa che sta accadendo. Ma sapere che succede è un primo passo importante,” commenta Boisgontier. Quindi, se vi sentite così attratti dal divano, non è perché siete pigri, ma è colpa del vostro cervello, particolarmente parsimonioso. La sfida è cercare di convincerlo a “spendere” di più…

Segui Giulia Negri su Twitter

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità