• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Siria: una web serie girata ad Aleppo, senza censura, racconta (...)

Siria: una web serie girata ad Aleppo, senza censura, racconta l’occupazione

 
Racha ha circa 10 anni ed è la protagonista di una web serie, Umm Abdo, che racconta la città di Aleppo durante la guerra. Dalle immagini (qui sotto un episodio sottotitolato in inglese) capirete immediatamente l'ironia di sottofondo: Racha esagera i tratti, enfatizza le battute, ma resta pur sempre una bambina, alla quale è permesso dire cose piuttosto dirette sul regime e sulla guerra. 


Umm Abdo ep01 - Web-séries internationales par forumdesimages

Al telefono con una sorella che si trova nella parte di Aleppo controllata dal regime Racha dice: "Anche voi lavate i vestiti a mano? Credevo che le zone sotto Assad fossero più viziate". Il tono della serie è anti-regime ma ci sono battute anche per gli anti-Assad. Bachar Hadi, regista della serie, dice all'AFP che "Racha rappresenta la generazione di bambini cresciuti nella guerra e che sono diventati un simbolo di resistenza (...). Vogliamo che la nostra sofferenza arrivi ai ribelli come ai realisti, agli arabi e agli europei". 
La serie è stata messa on line per la prima volta durante il Ramadam lo scorso luglio ed è statarecentemente presentata al festival Séries Mania a Parigi. 
 
«Fare le riprese non è stato facile (...). C'erano i bombardamenti a poche centinaia di metri dall'équipe. Per le luci dovevamo usare le batterie delle automobili» ha raccontato a Telerama Adnan Hadad, produttore della serie e cofondatore del Centro dei Media di Aleppo. Telerama spiega che la Siria, prima della guerra, era uno di più grossi prodotturi di serie e fiction per il Medio Oriente. Dal 2013 la maggior parte delle produzioni sono state interotte e Umm Abdo è una delle poche eccezioni (la serie è stata acquistata da tre reti l'anno scorso). 
 
La cosa incredibile di questa serie è che non c'è censura o controllo del regime, dice il produttore a Telerama. Però, di ritorno dalla Francia (in passaggio dalla Turchia) Adnan Hadad è stato picchiato dalla polizia turca all'aeroporto di Instambul mentre aspettava il suo volo per Gaziantep, per esempio. 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità