• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Rizziconi, Andali, Scandale. Turbogas all’eolico

Rizziconi, Andali, Scandale. Turbogas all’eolico

 

Con una coincidenza che lascia perplessi, il 14 luglio scorso, mentre il Pm della Procura di Crotone, Pierpaolo Bruni, disponeva il decreto di perquisizione e sequestro di 16 persone in merito alle procedure e alle mazzette che hanno dato il via alle costruzioni delle centrali di Scandale Rizziconi alcuni giornali, la stessa mattina, davano notizia del procedimento di autorizzazione unica per la realizzazione di un parco eolico nel Comune di Andali, e ricadente anche nei paesi limitrofi, Belcastro e Petronà.

L’Amministrazione provinciale di Catanzaro, in un avviso pubblico, rendeva noto che: “Andali Energia S.r.l. ha depositato, ai sensi del decreto del dirigente generale del dipartimento attività produttive della Regione Calabria n.1055 del 14 febbraio 2008 e della L.R. Regione Calabria 17/2000, la procedura di autorizzazione costruzione ed esercizio elettrodotto”, presso l’ Amministrazione Provinciale di Catanzaro - Settore Tutela Ambientale - Servizio Risorse Energetiche, il progetto per la variante in corso d’opera ai fini del rilascio dell’autorizzazione definitiva alla costruzione ed esercizio di elettrodotto avente efficacia di dichiarazione di pubblica utilità, ai sensi delle norme vigenti sugli espropri, relative alle linee ed impianti elettrici a 30 kV, 150 kV e 380 kV a servizio di impianto eolico in Comune di Andali, interessanti i comuni di Andali, Belcastro e Petronà”. E perché mai? Ma per “la necessità della realizzazione degli elettrodotti per la connessione dell’impianto eolico alla linea elettrica a 380 kV «Rizziconi - Scandale».

Ora, si dà il caso che, ai sensi del decreto Bersani numero 79 del 1999 , le centrali a ciclo combinato sono “costrette” ad acquisire almeno il 2% dell’energia da loro prodotta, grazie alla combustione del gas, da fonti rinnovabili, come l’eolico. Cioè, quasi certamente (non c’è la sicurezza processuale e né nominale, anche per altre motivazioni che spiegheremo in seguito, ma solo di congetturale, ndr) ma i vari Aldo Bonaldi -Amministratore delegato di Eurosviluppo, la società che si è aggiudicata la costruzione di una centrale a Scandale grazie a fondi Cipe che dovevano servire per la riconversione dell’area dell’ex Pertusola di Crotone, e non di Scandale- e Domenico Lemma -Dirigente del settore Energia della Regione Calabria, che stravolgeva le conclusioni del Via (Valutazione impatto ambientale della Regione) a favore della società “a cui tenevano” (secondo gli atti in mano al pm) Giuseppe Chiaravalloti, ex Presidente della Giunta regionale, e Giuseppe Galati, ex Sottosegretario del Ministero alle attività produttive- si sono prodigati anche di procurarsi i “certificati verdi”, cioè l’energia eolica.

Ecco, spuntare quindi questo parco, nel bel mezzo della Presila catanzarese. Ma vi è di più. E di più oscuro. Sarà stato un errore di dicitura. Sarà stato un copia incolla rimasto in memoria come cookie nel backup del pc, e involontariamente inserito, ma il codice fiscale della società è sbagliato!



L’avviso pubblico recita: ““Andali Energia S.r.l.” con sede legale in piazza Tirana 24/5 - 20147 Milano - P. Iva: 02924600790”. L’Andali energia esiste. Esiste anche con questo indirizzo, ma ha un altro numero identificativo, che è: “06227070965”. Esiste anche l’altro codice, secondo le Camere di Commercio, ma a nome di un’altra società, che non c’entra niente con quella dell’avviso. Infatti, è il codice della “Cortale srl”. Avranno fatto confusione. Certamente, abbiamo pensato.

Per cogliere il bandolo della matassa abbiamo interpellato la società antecedente, la E.P.C S.r.l., cioè la Energia Prodotti Costruzioni, quella che controlla, insieme alla società “Istifid Spa”, la nuova depositaria dell’autorizzazione unica, e che ha anche percorso tutto l’iter della concessione. La Epc veniva ricordata, fino all’anno scorso, con il codice fiscale “02999460245”.

Abbiamo fatto un controllo e, ops! Altro errore. La società esiste. E anche l’indirizzo è esatto, in Piazza Tiranna però (piazza, non via come pubblicato, ma questo sì, con molta probabilità, è uno sbaglio reale, di dicitura) numero 24/5 di Milano. Ma il codice si riferisce a un’altra società, all’IGP di Vicenza! 

Noi non sappiamo valutare la gravità, o meno, di tali “sviste” ma di certo sappiamo che nel fascicolo “Basilide”, aperto dal magistrato Pierpaolo Bruni, c’è dell’altra carne sul fuoco, pronta per essere servita alla giustizia.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares