• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Quale turismo e quale bellezza per il futuro di Napoli?

Quale turismo e quale bellezza per il futuro di Napoli?

Quale bellezza e quale turismo desideriamo ? Sono queste le domande dietro le quali si nasconde il futuro di Napoli. 

 

La nostra città è un brand con una portata mondiale e la sua bellezza ha un valore che ogni giorno viene monetizzato, partendo da questa certezza, vale la pensa riflettere sulla recente polemica per i lavori della Metro a piazza Plebiscito che è la prova di come le istituzioni provano a gestire la bellezza e lo spazio urbano.

 

I dati sullo sviluppo turistico di Napoli raccontano di una città, diventata un attrattore turistico nel panorama nazionale ed internazionale. Ma quali turisti ci scelgono come meta è come stanno trasformando il nostro contesto urbano?

 

Il turismo a Napoli è sempre più una importante economia e questo non può che essere un fatto positivo. Ciò non di meno, è importante per la città interrogarsi su dove si stia andando. Le polemiche su Piazza Plebiscito rimandano a un non detto. 

Una volta liberata la piazza, cosa ci vogliamo fare? Ci sono voluti anni per procedere all’affitto dei locali sotto i portici e la verità è che, sgombrata “la montagna di sale”, quello spazio si è riempito solo di scugnizzi che giocavano a pallone. 

 

La politica, infatti, più che governare il turismo, lo ha subito.

Il paradosso è che De Magistris ha favorito un turismo iperliberista, lasciando che la sharing economy modellasse la città secondo i suoi imperativi. Il pullullare di B&B e negozietti paccottiglia attira un turismo a basso valore aggiunto, che consuma e sporca la città, portando benefici solo ai proprietari di casa. 

 

Abbiamo in questo modo alimentato un turismo mordi e fuggi che, non solo sporca la città, ma espelle i residenti dal centro, perché tutti gli immobili vengono riconvertiti in ostelli e pizzetterie. Napoli dovrebbe, invece, andare in direzione di un turismo di qualità incentrato sul San Carlo, sulle nostre chiese, e che spende nei ristoranti migliori. Il caso di Barcellona è esemplificativo; la sindaca Ada Colau è stata eletta su di una piattaforma politica che metteva in discussione i benefici collettivi della sharing economy. 

 

Nonostante De Magistris si ispiri alla sindaca catalana e usi un linguaggio da fervente anticapitalista, le sue politiche turistiche, dagli aperitivi sul lungomare ai concerti pop alla Rotonda Diaz, hanno favorito un turismo iperliberista, che fa della uberizzazione dell’economia e degli spazi urbani la sua ragione d’essere. Il sindaco ha parzialmente posto rimedio a questo liberismo selvaggio siglando un accordo con la principale piattaforma di sharing economy alberghiera per far pagare la tassa di soggiorno, ma oramai la frittata era fatta. Dove vanno i proventi di quella tassa? 

 

Sono utilizzati per indennizzare chi ha sopportato i costi di questa trasformazione urbana? La movida selvaggia, il caos dei baretti, tutto va in direzione di una sfrenata deregulation della gioia di vivere. 

 

Per questo, è su quale idea di città, e in particolare su quale turismo, che si giocherà la partita politica su Napoli, senza poter trascurare i temi laterali e centrali legati alla mobilità, dalle strade, al trasporto pubblico, alla manutenzione e al ripristino dell'antkca bellezza, ai tanti servizi necessari a trasformare una città stupenda ma in perenne difficoltà in una vera capitale del turismo mondiale.

 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità