• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Meno male che siamo in Italia

Meno male che siamo in Italia

"Ruba una inezia e sarai additato come una curiosità sulla piazza del palazzo di giustizia. Ruba un milione e sarai additato come una virtù nei salotti".

Antonio Razzi

A causa dell'alto livello di corruzione, alcuni paesi della UE hanno un basso credito, una oggettiva difficoltà a prendere in prestito denaro. L'abuso di potere pubblico per profitto personale è l'esplicitazione che si usa sottoscrivere per definire la disonestà politica. In questi luoghi pervasi da riprovevoli familiarità fiscali è consuetudine, giusto per fare un esempio, pagare in nero i medici e procurarsi un servizio pubblico migliore.

L'evasione erariale si eleva così a sport nazionale assai diffuso rendendo complesso procurarsi entrate attraverso la contribuzione. Si accumula così un enorme deficit di bilancio. E si sa che è rischioso prestare denaro a un paese che non può finanziare il rimborso attraverso le imposte. La prima relazione dell'UE sul malaffare ha messo a punto un quadro impietoso: una straordinaria percentuale della corruzione in Europa è generata nella Grecia, con un costo annuale di svariati miliardi di euro. Uno dei paesi più corrotti, secondo il Corruption Perception Index 2014 di Transparency International (http://www.transparency.org/cpi2014).

L'insicurezza nel sistema produttivo dovuta alla pessima amministrazione delle finanze pubbliche e in specie di corruzione ed evasione fiscale. La classe dirigente, i labirinti della burocrazia, la criminalità, la ragione enigmatica della depenalizzazione di reati ha ridotto le sanzioni previste per i protagonisti di un atto di disonestà. L'avidità, la mancanza di prospettive.

Questo gruppo di fattori è legato alla duplice natura dell'uomo: gli insegnamenti religiosi sulla base del fatto che l'uomo è la scena della lotta tra il bene e il male, dove il bene non vince sempre. I motivi egoistici inducono a ignorare le limitazioni esistenti nelle attività umane e registrate nella morale. Il soggetto che viola l'ordine esistente della società può portare a conseguenze distruttive. In un racconto del 1911, "Denaro falso" o "La cedola falsa", Tolstoj tratta i temi della corruzione e della redenzione. Robert Bresson attualizza nel 1983 e adatta per il cinema la prima parte della novella, nel film "L'Argent" ambientato nel XX secolo, badando bene a lasciare da parte la redenzione.

Tolstoj affronta anche i temi della giustizia: "La giustizia è dei ricchi, dei danarosi che con i soldi comprano tutto... anche la libertà. Ai poveri, resta misera la speranza di appellarsi un giorno a un tribunale posto troppo in alto per giungerci in tempo".

Nell'avere sfidato un ambiente assolutamente incognito come quello greco, non resta infine che una epigrafe sostanziale da tenere a mente. "Ruba una inezia e sarai additato come una curiosità sulla piazza del palazzo di giustizia. Ruba un milione e sarai additato come una virtù nei salotti" (Vautrin, personaggio creato da Balzac nel 1834 in Papà Goriot). Una nuova rotta dal solco profondo è stata indicata in un intervento del Presidente della Repubblica: “Il rapporto tra giustizia e sviluppo, tra equità e finanza pubblica, in una parola il contributo alla continua costruzione dell'edificio della democrazia, passa anche di qui, con un particolare impegno diretto alla lotta alla corruzione” (Presidente Mattarella all'incontro con i Magistrati Ordinari in Tirocinio, 9 marzo 2015).

Non sarebbe inutile ribadire che le assurdità nella gestione della cosa pubblica greca ci riguardano fino a un certo punto. Ed è per questo motivo che si continua a ripetere: “Meno male che siamo in Italia!”.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità