• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Marielle Franco, dopo un anno arrestati due ex poliziotti: e i (...)

Marielle Franco, dopo un anno arrestati due ex poliziotti: e i mandanti?

È passato un anno da quando, la notte del 14 marzo 2018, Marielle Franco e il suo autista Anderson Gomez furono uccisi a colpi d’arma da fuoco nel quartiere Estácio di Rio de Janeiro: un omicidio mirato, pianificato, eseguito con professionalità del quale, da ieri, sono sospettati due ex poliziotti.

Secondo fonti di stampa l’arma del delitto era una mitragliatrice HK-MP5, un modello il cui uso in Brasile è limitato alla polizia e all’esercito e a determinate unità investigative. Alcune armi di questo tipo erano state registrate tra quelle in possesso della polizia civile di Rio de Janeiro nel 2011 per poi sparire, mentre le munizioniusate il 14 marzo 2018 avrebbero fatto parte di un lotto in dotazione alla polizia militare finito a sua volta nel nulla pochi anni prima.

I testimoni hanno affermato che tanto l’automobile su cui viaggiava Marielle quanto quella dei killer erano in movimento quando vennero esplosi i colpi. La precisione di questi ultimi, che colpirono diverse volte Marielle al capo, lascia intendere che chi sparò aveva ricevuto un addestramento particolare. Le camere di sorveglianza installate nella zona erano state disattivate uno o due giorni prima. Immagini riprese da altre camere mostrano due vetture con targhe false, rivelerà la stampa – seguire Marielle la notte del suo omicidio.

Nota per il suo impegno nella difesa dei diritti umani dei giovani neri, delle donne, degli abitanti delle favelas e delle persone Lgbti, Marielle – una donna bisessuale nata in una favela – era stata eletta consigliera municipale di Rio de Janeiro nel 2016. In precedenza, dal 2006 al 2016, aveva fatto parte della Commissione per i diritti umani dello stato di Rio de Janeiro. In quel ruolo aveva spesso denunciato le esecuzioni extragiudiziali e altre violazioni dei diritti umani compiute da agenti della polizia e dei servizi di sicurezza statali. Da ultimo, era stata nominata relatrice della Commissione di monitoraggio sull’intervento federale nelle operazioni di pubblica sicurezza dello stato di Rio de Janeiro.

Questo spiega perché Marielle si fosse fatta una lunga lista di nemici: la polizia statale, quella federale, le milizie, i cartelli della droga, i parlamentari lesbofobi, i centri di potere bigotti e conservatori… praticamente tutti i gruppi contrari ai diritti e al rafforzamento della consapevolezza delle persone più vulnerabili del Brasile.

Tra loro vanno cercati i mandanti.

Sono passati dunque 12 mesi da quando Monica ha perso la sua compagna e il popolo dei senza voce, dei senza diritti, dei senza futuro ha perso la sua migliore rappresentante e difensora. La campagna mondiale per chiedere giustizia continua.

Questa mattina alle 11 studenti e studentesse del Liceo Aristofane e del Liceo Orazio di Roma, incontreranno insieme ad Amnesty International l’ambasciatore del Brasile in Italia per consegnare 1600 messaggi e oltre 50.000 firme.

Alle 17,30 presso la Casa internazionale delle donne si terrà un’iniziativa per Marielle promossa da varie associazioni della società civile.

Su Marielle è stato appena pubblicato uno straordinario libro, “Marielle, presente!”di Agnese Gazzera, primo titolo di Capovolte, una coraggiosa piccola casa editrice indipendente.

Marielle sarà ricordata anche nel corso dell’evento finale di “Libri come”, domenica 17 marzo alle 21.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità