• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > La fantasia supera i muri

La fantasia supera i muri

Al confine fra Stati Uniti e Messico una serie di dondoli e altalene uniscono chi è separato dai muri

da Riforma.it

Due professori della California, che più di 10 anni fa avevano sviluppato una visione mozzafiato, con un dondolo che collegava il confine tra Stati Uniti e Messico per consentire ai bambini di entrambe le parti di giocare insieme, hanno visto la loro idea prendere vita ieri 29 luglio.

Ispirati dal Secure Fence Act del 2006 i due architetti avevano messo su carta varie possibili varianti del muro di separazione che iniziava a vedere la luce: ecco che le barriere prendevano la forma, fra l’altro, di uno xilofono e di un dondolo come quello dei parchi giochi per bambini, con il muro a fare da perno centrale, per fare giocare insieme bambine e bambini ai due lati del muro. Le loro idee sono finite dritte al MoMA, il Museum of Modern Art di New York, e ora hanno visto un’eccezionale realizzazione pratica.

Nel 2009, Ronald Rael, professore di architettura presso l’Università della California, Berkeley, e Virginia San Fratello, professoressa associata di design all’università di San Jose, hanno avuto l’idea di un “muro di connessione” tra il confine tra Stati Uniti e Messico.

Come suggerisce il nome, il muro diventava “un perno” tra i paesi, per garantire che anche se le persone fossero state separate, avrebbero comunque potuto trovare un modo per interagire e stare insieme.

Condividendo il momento emozionante su Instagram, insieme a diverse foto del giorno, Rael ha spiegato «quanto sia stato significativo guardare le persone da entrambi i lati del confine giocare insieme su un dondolo, strumento per cui l’azione di una persona si riverbera sull’altra e avanti così all’infinito».

Un video condiviso con il post di Rael mostra persone di entrambi i Paesi che ridono, parlano e si impegnano come bambini mentre vanno avanti e indietro sollevandosi a vicenda sulle altalene rosa e agitando la grande barriera d’acciaio.

I dondoli all’aperto sono stati allestiti anche dallo stesso Rael a Sunland Park, nel New Mexico e poi fatti scivolare attraverso le stecche della recinzione, quindi collegati alle persone dall’altra parte, a Ciudad Juárez, in Messico.

Sebbene l’evento si sia svolto senza intoppi, secondo quanto riferito non è stato pianificato in anticipo sul lato messicano del confine, il che ha reso la giornata ancora più incredibilmente significativa quando i bambini si sono uniti spontaneamente.

Il “Teetertotter Wall” arriva in un momento in cui il tema migratorio è al centro del dibattito negli Stati Uniti, e il muro di confine è diventato uno dei simboli di questi anni di chiusure. La fantasia per fortuna non trova limiti di fronte a sé.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità