• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > L’nghilterra e Schengen: se gli italiani non sono visti in modo diverso dai (...)

L’nghilterra e Schengen: se gli italiani non sono visti in modo diverso dai siriani

Il professor Francesco Billari, capo del dipartimento di sociologia e demografia all'università di Oxford, ha raccontato ai microfoni di "Radio 24", in un programma condotto da Simone Spetia, che in UK gli italiani non sono visti in modo diverso dai siriani.

"European Union migrants should be banned from Britain unless they have a job lined up, Theresa May has demanded".
Il ministro dell’Interno Theresa May sul "The Sunday Times" è stata chiara:
"Qui da noi ci vieni solo se hai un contratto di lavoro in tasca".
E io invece voglio andarmene a spasso. Un momento da consumare come le suole di un bambino all’uscita di scuola. Guardali come avanzano addosso i notabili...
 
 
Sono in tanti, i grandi. Mi scappa la voglia di urlargli a tutti per la via quanto mi stringe il cuore questo paese che imprigiona, affranca ma non rende liberi.
 
Un ospedale sulla collina sta lì come il Castello di Kafka a separare l’aria tuonata del giungere al mondo dall’alito vago che libera dall’esistenza. Un sorriso lontano che rassomiglia al mare. La promessa di luoghi diversi. Il mercato di piazza riunisce le voci e prepara alla festa. L’attesa rende faticosa la fuga e inefficace l’animo in subbuglio.
 
Frammenti della memoria ricreano descrizioni decantate come un vinello di fiaschetteria, di certo non come quello che si beve sulle rive della Mosella a Schengen. Com’era bello una volta. Assaporare ciò che i nostri nonni accomodavano sulla tavola per la festa.
 
Mio padre però mi ha raccontato una volta che durante la guerra ha mangiato le bucce di patata per giorni interi. Mi ha detto pure che mio nonno faceva il vigile urbano e non aveva l’automobile ma una motocicletta con un giornale vecchio da mettere sul petto contro il vento.
 
E di quel giorno maledetto che se lo dimenticò, il giornale. Morì di polmonite. Un impiego comunale, i fogli stampati di piombo e la folata fredda che ti manda all’altro mondo.
"Ciò che distingue il povero dal ricco è il gusto".
Ascoltare quello che il ricco ascolta. Accorgersi dei suoi profumi. Nulla costa sbirciare cose che la deferenza rende tangibili. E c’è pure da rimpinzarsi con i rimasugli.
 
Facis de necessitate virtutem. Sarebbe incomparabile potere accostare alla "Sagra della Ficamaschia" quella della "Cucina ricca delle Genti di Montecarlo" e addobbarsi la pancia in un giorno solo di cibo per signorie diverse.
 
L’impalpabile svenevolezza risvegliata da un manicaretto rende unico il piatto di maccheroni che sazierà tutto il resto della nostra vita, tutte le domeniche che verranno, a dispetto di chi avrebbe desiderato tanto dileguarsi, rincorso da notabili cittadini, in un sabato d’ordinaria fragranza sul lungofiume di Schengen.
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.

    Autore

    Domenico Attanasii

    Domenico Attanasii

    Domenico Attanasii, better known as Mimmo Attanasii (born Nov 24, 1957) is an Italian novelist. The first publications: 1989 Edizioni Tracce, Pescara: "Il fantastico racconto velenoso di 'G. Mondino'". The book is appreciated by the director Federico Fellini, which will send a letter of congratulations. Other publications of short stories: 1991, Solfanelli Editrice (...)

    Sito: Teramaners


    Profilo personale

    Scrivi su AgoraVox !

    Pubblicità


    Ultimi articoli dell’autore

    Tutti gli articoli dell’autore

    Articoli correlati

    Tribuna Libera
    Tutti gli articoli di questa rubrica

    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità


    Articoli più letti

    1. L’italiano “medio” ama Salvini?
    2. Notizie: c’è penuria di quelle buone
    3. Parità scolastica: in Italia resta un miraggio
    4. Le proteste continuano in Iran
    5. Casapound e le scatole cinesi: tutte le sigle legate al gruppo di estrema destra
    6. E’ nostro interesse aiutare Trump a sfasciare l’UE?
    7. Poesia civile vs. poesia espandida: diverse forme per innescare la memoria e la resistenza
    8. Turchia | Imamoğlu, doppio schiaffo a Erdoğan
    9. Mimmo Lucano: cosa succede al processo?
    10. Pakistan, coppia cristiana condannata a morte per “blasfemia”: tra pochi giorni l’appello