• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Recensioni > "Il Quinto giorno" di Frank Schatzing

"Il Quinto giorno" di Frank Schatzing

Norvegia: milioni di vermi sul fondale della scarpata continentale minacciano di provocare uno tsunami.

Canada: decine di megattere attaccano un cargo da sessantamila tonnellate cercando di rovesciarlo.


La Terra è coperta per il 70% da acqua. Sette decimi del nostro pianeta sono oceani e mari con profondità tali che l’uomo non è ancora riuscito a esplorare ma che ospitano forme di vita di cui conosciamo poco o nulla.
 
E’ su questo presupposto che si basa il "Thriller degli Oceani" (come l’aveva definito la stampa tedesca) ovvero "Il Quinto Giorno" di Frank Schatzing. Il libro è stato pubblicato in Germania nel 2004 e in Italia l’anno dopo raggiungendo oltre un milione di copie vendute solo in Germania. Schatzing, pubblicitario e compositore, è riuscito a mettere insieme un buon libro ben curato di oltre 1000 pagine con un ritmo narrativo avvincente e un finale abbastanza originale. E’ uno di quei libri di cui ci si aspetta un film hollywoodiano con attori belli e famosi poiché ha la capacità di trasformare le parole in immagini, all’interno di un castello narrativo nato da una profonda e accurata ricerca in vari ambiti del sapere umano.
 
I personaggi sono credibili e anche quelli molto secondari (comparse che svolgono parti molto marginali) vengono descritti in maniera realistica nel contesto. La costruzione scientifica della trama poi solleticherà sicuramente i lettori più esigenti poiché spazia tra biologia, geofisica e geologia con una spolverata di nozioni ambientali.
 
Il ritmo è quello del giallo-thriller anche se qui l’assassino non si può imprigionare...
 
Un solo unico difetto: è un libro molto lungo che può scoraggiare i lettori con poca pazienza poiché la parte centrale (molto descrittiva sotto il profilo scientifico) è un po’ lenta ma le ultime 50 pagine sono adrenalina pura!
 
La storia coinvolge tutto il mondo. In diverse parti del pianeta infatti succedono cose strane e inquietanti che hanno come comune denominatore il mare. Sardine e sgombri che si muovono come un corpo unico e attaccano l’uomo, vermi che indeboliscono le pareti delle fosse marine con il pericolo di provocare tsunami, mitili che si attaccano agli scafi, balene e megattere che si lanciano sulle navi per rovesciarle e tutto che pare essere coordinato in maniera intelligente... 
Militari, scienziati, capi di stato e uomini comuni tutti quanti saranno coinvolti nella ricerca della verità.
 
Qual è l’obiettivo di tutto questo? Siamo forse noi esseri umani? Abbiamo forse osato troppo trattando il pianeta come una nostra esclusiva proprietà? Cos’è realmente successo il "Quinto Giorno" della Genesi? Vi consiglio di scoprirlo leggendo questo libro ma se lo fate in spiaggia sotto l’ombrellone date sempre un occhiata al mare... non si sa mai... 

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox

Autore

deep


Profilo personale

Scrivi su AgoraVox !


Ultimi articoli dell’autore

Tutti gli articoli dell’autore

Articoli correlati

Recensioni
Tutti gli articoli di questa rubrica



Palmares


Articoli più letti

  1. La ripresa dell’attività economica ci spedirà all’inferno, di Mike Davis
  2. Nucleare, Russia: una nube radioattiva solca i cieli del nord Europa
  3. La patologia più diffusa al mondo: la peste emotiva
  4. L’Antitrust indaga: la realtà fa concorrenza sleale all’Italia
  5. Israele, Iran, Turchia: strategie a confronto tra Medio Oriente e Mediterraneo
  6. Identikit dei senza dio. Chi sono, e come la pensano, gli atei e gli agnostici italiani?
  7. Colombia, strage di difensori dei diritti umani durante la pandemia
  8. Depressione: è possibile un approccio di genere?
  9. Courtship disorder: quando le fasi del corteggiamento diventano un disturbo
  10. California, i condannati alla pena capitale muoiono di coronavirus