• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > Fincantieri vuole chiudere… e Passera?

Fincantieri vuole chiudere… e Passera?

Fincantieri dettaglia gli esuberi cantiere per cantiere, ma le caselle di Sestri e Castellamare le ha lasciate in bianco… Non ha avuto il coraggio di scrivere un numero che corrisponde a tutti gli occupati? O si aspetta che sia il Ministero dello Sviluppo Economico a riempire quelle caselle?

C’è poco da fare, Fincantieri ha deciso di chiudere i due cantieri navali storici di Sestri Ponente (Genova) e Castellamare di Stabia (Napoli) e nulla li ferma, ma i lavoratori non ci stanno.

A giugno scorso la dirigenza aveva presentato un piano di tagli che sanciva la fine dei due cantieri e il licenziamento di 2500 persone. L’annuncio provocò un’immediata reazione di tutti i lavoratori, a Sestri e Castellamare vi furono scontri drammatici, perché la notizia fu un vero shock per questi lavoratori, ma anche per l’intero paese.

Ricordiamo che Fincantieri è un pezzo di Italia, non solo perché attraverso Fintecna appartiene per il 30% al Ministero dell’Economia, ma anche perché la costruzione navale è un fiore all’occhiello del Made in Italy. Per queste ragioni e perché i lavoratori reagirono subito e con forza, il Ministero dello Sviluppo Economico, con l’allora Paul Romani, non poté non intervenire e il piano venne ritirato.

Ma si sa che l’imprenditore perde il piano ma non il vizio, di riprovarci. «Il piano di giugno – dice Pino Baglio, lavoratore di Sestri – è stato ritirato solo sulla carta, perché di fatto è stato messo esattamente in pratica. Con gli accordi separati fra i cantieri e con l’ultimo annuncio di esuberi dove i numeri, guarda caso, corrispondono a quelli di giugno».

Dopo solo sei mesi difatti Fincantieri torna alla carica e chiede 2 anni di cassa integrazione straordinaria per ristrutturazione per 3670 lavoratori a partire dal 1 gennaio 2012 e parla di esuberi, ben 1343 persone che alla fine dei due anni di cassa verranno lasciati a casa. Fincantieri dettaglia gli esuberi cantiere per cantiere, ma le caselle di Sestri e Castellamare le ha lasciate in bianco… Non ha avuto il coraggio di scrivere un numero che corrisponde a tutti gli occupati? O si aspetta che sia il Ministero dello Sviluppo Economico a riempire quelle caselle?

A Sestri intanto gli operai, con l’impegno e capacità di sempre, ma con la morte nel cuore, continuano a lavorare alla costruzione di quella che secondo i piani di Fincantieri dovrebbe essere l’ultima nave, ma i lavoratori impegnati nelle prime fasi della costruzione sono già in cassa chi da gennaio chi da luglio 2011.

«La nostra rabbia – continua Pino – è che sappiamo che l’armatore della nave che stiamo costruendo in questi mesi è intenzionato ad ordinarne un’altra, ma Fincantieri non la vuole fare a Sestri!» (ascolta un’intervista)

È chiaro che la dirigenza Fincantieri sta abbracciando appieno la filosofia corrente della grande (di dimensioni) imprenditoria italiana: qui non riesco a spremere abbastanza, quindi chiudo e vado altrove. La responsabilità sociale delle imprese rimane una favola. Per questo i lavoratori stanno chiedendo un incontro urgente con il neo superministro Passera, non vogliono sentir parlare di Ministero del Lavoro, non vogliono parlare di cassa integrazione, ma di sviluppo e lavoro.

I lavoratori di Sestri, anche pensando alle centinaia di colleghi non direttamente dipendenti di Fincantieri per i quali scatterebbe il licenziamento immediato, aspettano quindi di conoscere il “nuovo” piano industriale Fincantieri e quale sarà la risposta del Ministero dello sviluppo, dopodiché decideranno come mobilitarsi, non ultimo con il blocco a gennaio della prova in mare della nuova nave e della consegna della stessa.

Vediamo un po’ se il Passera saprà e vorrà distinguersi in positivo nel suo mandato oppure se si allineerà ai suoi predecessori, la cui incisività è del tutto sconosciuta ai lavoratori delle centinaia di vertenze aperte in Italia.

di Cadigia Perini
(14 dicembre 2011)

Nella foto: Fincantieri Sestri Ponente

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares