• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Egitto, muore anche Morsi junior

Egitto, muore anche Morsi junior

Un destino segnato quello di Abdullah Morsi, figlio venticinquenne del deposto, incarcerato e defunto presidente egiziano Mohammed. Anche il giovane è morto per un attacco cardiaco avvenuto ieri. 

Ne danno notizie alcune agenzie, fra cui la turca Anadolu, che riporta i comunicati dell’Oasis hospital di Giza e la versione fornita dal fratello Ahmed. Abdullah stava conducendo un’auto quando ha riscontrato improvvisi spasmi. Soccorso è stato condotto in ospedale, ma il personale sanitario non è riuscito a rianimarlo. Il decesso segue di tre mesi quello paterno, avvenuto sempre per un infarto mentre era in corso un’udienza nel Tribunale che giudicava l’ex presidente per “aver tramato contro la sicurezza della nazione”. Le condizioni fisiche del sessantottenne politico della Fratellanza Musulmana erano compromesse dalle disfunzioni cardiache e dal trattamento carcerario che, dal momento della sua rimozione nel luglio 2013, non era stato leggero. Come denunciato dai legali di vari leader del partito islamista, in alcuni casi finiti anch’essi in galera, il carcere duro e le torture non erano mancate per uomini che avevano superato sessanta e settant’anni d’età. Abdullah Morsi non s’occupava di politica. Certo, aveva assistito il padre durante il processo e s’era mostrato critico verso il regime persecutorio introdotto dal generale Al Sisi. Il ragazzo era stato recentemente fermato con l’accusa di uso di stupefacenti, però i difensori sostenevano si trattasse di un’accusa fabbricata ad arte per incutergli timore e tenerlo lontano da tentativi di sostegno della causa paterna e di quella del gruppo di riferimento. In alcuni interventi comparsi sui social network il giovane Morsi aveva additato Abdel Ghaffar, il ministro dell’Interno che ha gestito gli anni della repressione più dura nei confronti di oppositori e di cittadini egiziani e stranieri, che hanno conosciuto rapimenti, sevizie e morte violenta come il nostro Giulio Regeni. E aveva citato anche l’attuale ministro Mahmoud Tawfiq, successore di Ghaffar e suo strettissimo collaboratore nella National Security Agency, l’Intelligence che tanta parte ha avuto nelle operazioni più nere, peraltro non terminate. In ogni caso, il secondo figlio di Morsi è mancato per attacco cardiaco. Occorrerà vedere se seguiranno ulteriori indagini.

 Enrico Campofreda 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità