• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Egitto, Sisi imita Erdoğan

Egitto, Sisi imita Erdoğan

Come Erdoğan e più di lui, Abdel Fattah al-Sisi il generale-presidente d’Egitto che cela dietro la grandezza d’un regime basato sul terrore la sua minuzia di dittatore piccolo piccolo, adotta la linea della riforma costituzionale per poter conservare il potere per un altro decennio. 

Il decreto che rende possibile tale prolungamento è stato approvato ieri da un Parlamento addomesticato, espressione del voto neppure della metà degli egiziani. Infatti sin dal golpe del 2013 l’opposizione perseguitata della Fratellanza Musulmana non è più presente sulla scena politica, e oltre a registrare morte, sparizione e prigionia dei propri attivisti, vede il suo elettorato sbandato e astensionista a qualsiasi confronto elettorale proposto negli ultimi anni. Le stesse elezioni che hanno ratificato la presidenza di Sisi nel 2014 e 2018, vinte con maggioranze bulgare, hanno avuto un’affluenza ufficiale del 40%, che a detta di vari osservatori internazionali risulta gonfiata di parecchi punti. Col 97% di consensi alla sua persona e il pieno di voti nella Camera dei Rappresentanti che lo sostiene senza rivali, il generale ha infarcito l’Istituzione di 596 yes men che ne avallano ogni desiderio. Il più esplicito: restare al potere e così sarà fino al 2030. A rendere “democratica” una decisione già presa il referendum consultivo previsto dal 22 al 24 aprile, con cui una consolidata minoranza di egiziani dirà l’ennesimo sì alla volontà del proprio uomo forte.

 “Partecipa, dì sì agli emendamenti costituzionali” recitano manifesti giganteschi disposti in ogni angolo della capitale, compresa la piazza un tempo ribelle di Tahrir, ormai normalizzata a spartitraffico. Passare di lì con un semplice cartello di protesta assicura fermo e arresto, più eventuali accuse di terrorismo. E’ attorno al fine di combattere il terrorismo che Sisi reclama un mandato presidenziale più lungo (sei anni invece degli attuali quattro) e a suo dire il terrorismo è ovunque, specie in chi si oppone alla satrapìa personale in linea con la lobby che l’ha espresso, quella delle Forze Armate, anima nera sospesa sul grande Paese arabo che i militari dicono di proteggere. In realtà quest’Egitto è ben in linea col piano che ridisegna il Medio Oriente attorno a un asse reazionario centrato sull’Arabia Saudita, la potenza regionale più funzionale agli interessi dell’imperialismo economico occidentale - statunitense, britannico o francese che sia - e vede signorotti della guerra come l’Haftar libico abbracciati e vezzeggiati da regimi autoritari, appunto l’Egitto di Sisi. In questo rimpasto mediorientale a perdere sono i ceti deboli di ciascun Paese, soggiogati o schiacciati da conflitti oppure ridotti all’esilio, come accade da anni a milioni di siriani oppressi dall’interno e da destabilizzazione esterne. Poiché, esplicitato da sistemi di governo a vita o mascherato da pseudo democrazie, il sogno di libertà di quei popoli continua a rimanere un sogno.

Enrico Campofreda

 

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità