• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Berlusconi al Parlamento: trenta minuti di nulla. Mentre la sua fiducia (...)

Berlusconi al Parlamento: trenta minuti di nulla. Mentre la sua fiducia precipita, ci resta solo Napolitano

E' nei momenti di crisi che gli uomini trovano il metro su cui si misura la loro statura.

Silvio Berlusconi, con il discorso tenuto ieri, ha dimostrato d'essere, come uomo di governo, un nano. Nulla di quanto ha detto è degno d'essere commentato; nulla è stato, anche lontanamente, all'altezza della situazione.

Ha tenuto un discorso di sapore pre-elettorale, o quasi, nel quale non ha altro che ripetere gli ottimistici ritornelli con cui ha condotto, con i risultati che vediamo, il Paese attraverso la prima fase della crisi. Nella parte più applaudita, solo e rigorosamente dai suoi tifosi, è sceso talmente in basso da ripetere i concetti che, da sempre, sono la consolazione degli sconfitti nei giochi della finanza. Ha detto, sitentizzando le sue parole, che con noi italiani, con il nostro debito e le nostre aziende, il mercato sbaglia.

Ha dimenticato, il grande imprenditore, la prima regola aurea che viene insegnata a chi si debba occupare di finanza: che il mercato, momento per momento, ha ragione per definizione; che il prezzo di un titolo è sempre, istante per istante, quello giusto. Il mercato sintetizza in una cifra, il prezzo di un azione o il rendimento di un titolo di stato, tutto quel che conosce della realtà; tutte le aspettative e le paure, derivate dalla propria conoscenza della congiuntura, di chi vi opera. Si può razionalmente ipotizzare che nel futuro il prezzo di una determinata azione salga, ma questa è, sempre e comunque, una speranza; la realtà oggettiva, il presente, è invece rappresentato dal prezzo.

Detto altrimenti, il prezzo non è solo il giudizio che il mercato dà della situazione, è la situazione.

Silvio Berlusconi, parlando dell'andamento della nostra borsa e dell'impennata del costo del nostro debito, avrebbe dovuto semplicemente ammettere di aver sbagliato; di non essere stato capace, con il proprio governo, di comunicare ai mercati la propria determinazione nell’affrontare la crisi. Di non essere riuscito a tradurre, in termini comprensibili agli operatori, e quindi meramente numerici, quella solidità di cui, a suo giudizio, il nostro paese godrebbe.

Abbiamo commesso questi errori, avrebbe dovuto dire alle due camere, e così intendiamo rimediare. Oppure, prendendo atto di non essere all’altezza della situazione, riconoscendo d’essere stato sonoramente bocciato dai mercati, ricordando di non essere un unto dal Signore o dal “popolo”, ma, ai sensi della Costituzione, semplicemente un presidente del Consiglio nominato dal Presidente della Repubblica e subordinato alla fiducia del parlamento, avrebbe dovuto presentare le proprie dimissioni.

Le frasi più condivisibile della giornata di ieri le ha pronunciate il segretario del PD. Bersani ha detto: "Nel nostro paese, che è impaurito, colpito da una crisi che non ha precedenti, sta montando un disprezzo verso la politica e le istituzioni. Una sfiducia inedita che sta bruciando a poco a poco quello spirito civico di cui avremo un disperato bisogno per reagire".

Sono perfettamente d’accordo. Mi viene spontaneo fargli però notare che lui, con il suo partito, rappresenta una parte non indifferente di quella politica verso cui sta “montando il disprezzo”. Esattamente come nel caso di Berlusconi, dovrebbe prendere atto che il “mercato” della politica lo sta bocciando; che questo disprezzo generalizzato verso la politica sta montando per l’incapacità, sua e del PD, di comunicare efficacemente, e di dimostrare nei fatti, di essere davvero diversi e migliori degli ormai impopolari (solo il 23% degli italiani, secondo l’istituto Piepoli, si fida di Berlusconi) partiti di governo.

Anche Bersani avrebbe dovuto dire, insomma, ho sbagliato; non sono riuscito a far capire gli italiani questi punti e per farlo, da ora in poi, mi comporterò cosi. Oppure... .

Nei momenti di crisi, quando i comandanti d’armata si lasciano cadere dalle mani il bastone di maresciallo, parafrasando un famoso detto di Napoleone, qualunque soldato può raccoglierlo.

Ad acuire i problemi italiani c’è il fatto che l’unico tamburino disposto a farlo sia il Presidente della Repubblica. Ho avuto in passato parole d’aspra critica per Giorgio Napolitano, me le ricordo e le confermo per quello a cui si riferivano, ma in questi giorni non ho potuto fare a meno d’ammirare la sua serietà, la sua pacatezza e, non lo avrei proprio mai detto, il suo carisma.

E’ tutto o quasi quel che ci separa dall’essere una caotica repubblica delle banane: l’unica figura della nostra politica di cui gli italiani abbiano ancora rispetto. Sapete perché? Vorrei chiedere a chi si lamenta del “qualunquismo” dei cittadini. Perché, con tutti i suoi errori ed i suoi tentennamenti, Giorgio Napolitano in questi anni è rimasto una persona seria. Non si è mai abbassato, certo anche perché cosi gli impone il suo ruolo, a berciare nei salotti televisivi; non ha mai dato triste spettacolo di sé in questa o quella comparsata. Ha avuto, in ogni occasione, un comportamento irreprensibile.

L’Italia non è un paese diverso dagli altri; gli italiani, per quanto siano stati martellati da un trentennio di pessima televisione, non confondono ancora i reality con la realtà.

Forse sono stati tentati di farlo, ma la crisi li ha risvegliati.

La prima cosa che richiedono a chi li vuole guidare, esattamente come fa qualunque altro popolo della terra, è d’essere una persona seria ed onesta; gli errori si possono perdonare, le prese in giro, “da qualunque parte provengano” per citare la più tragica prese in giro della nostra storia, no.

Commenti all'articolo

  • Di Giuseppe D’Urso (---.---.---.137) 5 agosto 2011 10:40

    Sul tema del disprezzo possiamo dire che la sinistra ha fatto molto per merirtarlo. La sinistra ha creato con Berlinguer i presupposti della distruzione della scuola, l’annichilimento della scuola tecnica e la perdita di democrazia all’interno delle istituzioni solastiche. Non solo, essa è stata anche autrice di vergognose leggi incostituzionali che non hanno nulla da invidiare a quelle presentate dal Presidente del Consiglio. Da ciò nasce un oceanico, universale, cosmico disprezzo per una classe politica che ha distrutto i valori di base ed ha reso inutili e lettera morta i principi costituzionali. Ecco perchè Bersani o la Bindi dovrebbero lavarsi la bocca con la candeggina prima di parlare di Costituzione perchè non ne hanno certamente titolo alcuno.
    Stendo un telo pietoso sulla modifica del titolo V della Costituzione.

  • Di paolo (---.---.---.44) 5 agosto 2011 11:30

    La serietà di Napolitano . Forse volevi dire l’impalpabilità , l’insipienza e la retorica istituzionale fatta persona .

    L’unico discorso serio,corrispondente a verità , scevro degli equilibrismi democristiani di Casini e della inadeguatezza politica di Bersani ,è stato quello di Di Pietro che ha denunciato il vero e unico problema di questa situazione e che si chiama Silvio Berlusconi . I mercati internazionali hanno totale sfiducia in un paese governato da un’uomo di tal fatta che , in qualunque altra parte del mondo , sarebbe in carcere da almeno una ventina d’anni .

  • Di Giuseppe D’Urso (---.---.---.142) 5 agosto 2011 19:17

    In qualsiasi altro paese del mondo non si sarebbero fatte leggi elettorali come il "porcellum". In qualsiasi altro paese del modo si sarebbe già da tempo risolto il problema del conflitto di interessi. Non dimentichiamoci la bicamerale e la posizione di quel D’Alema che di fatto ha consentito l’assalto al quarto potere da parte del sig. B e del suo gruppo.

    E’ vero il problema è la presenza a capo del governo di un soggetto in cui l’estero non depone alcuna fiducia. Non si comprende perchè gli italiani ne abbiano ancora, e tanta, di questa fiducia,. Posso capire i parlamentari dal medesimo nominati che perderebbero prerogative, vantaggi e la garanzia alla rielezione. Ma gli altri? quelli che pagano la benzina a prezzi proibitivi? quelli che sonso stati licenziati? quelli che non hanno alcuna prospettiva? Quelli che hanno creduto nel sogno americano? Quelli che non potranno curarsi se non avranno i soldi per le medicine? Quelli che non potranno studiare perchè non avranno i soldi per pagarsi i libri o la retta? Perchè questi cotinuano a credere in Berlusconi?
    Un mio "bidello" ha votato per Berlusconi perchè a suo dire avrebbe sistemato l’Italia. Oggi è disoccupato perchè precario e non ha alcuna possibilità non solo di passare di ruolo, ma neanche di avere un incarico. Non ha più un lavoro e vive con i proventi dell’attività della moglie che ogni tanto riesce a lavare le scale di qualche condominio. Ecco il sogno americano!! Ecco come sono state tradite le speranze!! Ecco la conseguenza della falsa propaganda!

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares