• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Bangladesh: proteste dopo dell’uccisione di Shahjahan Bachchu, dirigente del (...)

Bangladesh: proteste dopo dell’uccisione di Shahjahan Bachchu, dirigente del Partito Comunista ed editore progressista

L’11 giugno 2018 è stato ucciso Shahjahan Bachchu nel villaggio di Kakaldi, nei pressi di Dacca, capitale del Bangladesh. Promotore del secolarismo, era scrittore, attivista e dirigente del Partito Comunista bengalese ed editore progressista: era a capo della casa editrice Bishakha Prokashoni. 

di Marco Piccinelli

Non è la prima volta che in Bangladesh si uccidono editori, scrittori o letterati, come ha riportato ‘India Today’: «Non si tratta del primo episodio di attacchi e uccisioni di blogger, scrittori o editori del Bangladesh. Circa tre anni fa un altro editore, Faisal Arefin Dipon, proprietario di Jagjit Prakashan, fu assassinato. Il 31 ottobre 2015, Dipon è stato ucciso nel suo ufficio al Super Market di Shahbagh Aziz, dopo aver pubblicato il libro del blogger Abhijit Roy. Abhijeet, poi, è stato ucciso in un attentato terroristico nel febbraio dello stesso anno. Dopo Avijit, i blogger Niladri Niloy, Ananta Bijay Das e l’attivista digitale Wasikur Babu sono stati oggetto di atti di pirateria da parte di terroristi».

Shahjahan Bachchu

Il Partito Comunista, a seguito dell’uccisione di un suo esponente di primo piano, è sceso in piazza denunciando il «terrorismo di Stato», così come dichiarato nel corso della manifestazione dal Segretario Generale Shah Alam: «Così l’illegalità ha portato il paese alla disperazione: il Governoanziché reprimere i terroristili alimenta: questo è terrorismo di Stato. L’uccisione di Shahjahan Bachchu ha messo in luce l’estremo deterioramento della situazione dell’ordine pubblico nel paese. Contro il terrorismo e la reazione, l’antiterrorismo creerà un forte movimento contro l’inazione del Governo».

Cordoglio e invito a far piena luce sull’accaduto è arrivato anche dal mondo istituzionale: il Direttore generale dell’UNESCOAudrey Azoulay nei giorni scorsi [15/06/2018 ndr] ha diramato una nota di condanna dell’assassinio dell’editore di libri e riviste Shahjahan Bachchu: «Condanno l’uccisione di Shahjahan Bachchu: l’assassinio di persone che stimolano un dibattito creativo è una perdita per la società nel suo insieme e chiedo alle autorità di non risparmiare sforzi per processare i responsabili di questo crimine».

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità