• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Recensioni > Amore Infinito, non lasciarmi

Amore Infinito, non lasciarmi

Il nuovo romanzo di Flaminia P. Mancinelli è un memoir Intenso, straziante, emozionante, tenero, coinvolgente. E non c’è solo l’amore, vi stupirete di quanti temi vengono affrontati.

“Amore infinito, non lasciarmi” di Flaminia P. Mancinelli si apre con 9 righe scritte da Federica, una delle due protagoniste: fanno presagire qualcosa, ma lasciano il lettore sospeso, curioso di capire. Poi inizia il racconto di Nicole, ed è bello sprofondare nei suoi ricordi; la seconda parte è affidata a Federica ed entra nell’anima di chi legge come uno tsunami. 

Federica e Nicole, due donne diverse ma unite dalla ricerca dell’Amore e dalla passione per la scrittura. Due persone che si incontrano casualmente e decidono di non lasciarsi più. Nicole solare nonostante la vita non sia stata gentile con lei, Federica introversa ma determinata a comprendere ogni aspetto della sua compagna, anche quelli che possono fare male.
E così in questo emozionante racconto a due voci conosciamo Nicole: la sua infanzia, l’adolescenza, e l’età adulta. “Quando si diventa grandi?” si chiede a più riprese la bambina che ha fretta di crescere per poter fare tutte quelle cose che le sono negate.
Cosa significa vivere con genitori anaffettivi? Quanti segni lasciano sulla pelle e nell’anima?
E se “da grande” si finisce con un uomo maschilista che considera la donna una badante? Quei segni diventano solchi, ferite profonde.

E allora per andare avanti c’è un solo modo: rassegnarsi e diventare un’ombra.

Passano i giorni, i mesi, gli anni e tutto si trascina nel grigiore, anche la scrittura viene lasciata in un canto.
Poi inaspettatamente l’incontro e tutto quello che era stato sepolto rinasce con la joie de vivre. Amore e scrittura diventano la realtà quotidiana. Si può fare l’amore e parlare di letteratura per giorni e notti. La costruzione di un amore è complessa, a volte dolorosa ma così vitale.

Però la vita è imprevedibile, nel bene e nel male. E il male colpirà senza ritegno.
 

Intenso, straziante, emozionante, tenero, coinvolgente. Così è il romanzo di Mancinelli, pur affrontando il dolore più atroce non cade mai nella commiserazione. Prende il lettore per mano e lo conduce a scoprire l’altra Nicole. Pagina dopo pagina entriamo nella vita di questa donna e la seguiamo fino alla fine in un crescendo acuto e lancinante che a volte ci obbliga a fermarci per non essere travolti.

Non riesco a definire “Amore infinito, non lasciarmi” il racconto di un amore o la storia di una donna perché sarebbe riduttivo. Sicuramente l’amore è parte integrante del romanzo dalla prima pagina all’ultima. Però è anche una denuncia della condizione femminile nel secolo scorso. E c’è tanto altro, vi stupirete di quanti temi vengono affrontati.

Seguo questa scrittrice dal suo esordio nel 1997, ho apprezzato tutti i suoi libri, sono stata stregata da “Le nuvole non si fermano mai”, ma con questa opera, così difficile da scrivere, è riuscita a regalarci un memoir a due mani delicato nella sua crudezza. A mio avviso, il suo miglior romanzo.
 

 

Il libro

Amore Infinito, non lasciami
di Flaminia P. Mancinelli
disponibile su Kobo e La Feltrinelli in versione digitale, su Amazon in versione digitale e cartacea con copertine flessibile e rigida.
 

Chi è Flaminia P. Mancinelli

Vive tra l’Italia e la Francia; quando non si dedica alla lettura e scrittura sul Web, scrive romanzi e racconti, sceneggiature e narrazioni, ma (tranquilli) quasi mai poesie.
Sposata con Dominique Valton -che è venuta a mancare il 4 maggio 2020-, condivideva con lei il vizio di scrivere, che le perseguitava entrambe da quando erano molto giovani. Non significa che ora sia vecchia, diciamo che è una sempreverde.


Non è seguace di religioni né di credenze mistiche, ma adora la filosofia dell’e-book e da quando, nel lontano 2011, ha iniziato a praticarla… ha persino rinunciato a bearsi del “profumo della carta”. Il 99 per cento delle sue letture è oramai in digitale, visto oltretutto che le librerie di casa sono ben oltre il livello di guardia.
Se la cercate, la trovate di sicuro più nella realtà virtuale del Web che in qualche preciso luogo fisico, anche perché ultimamente è molto ondivaga sul Pianeta Blu.
Un buon punto di partenza è www.leggereonline.com, il sito da lei diretto. È spesso su Facebook, qualche rara volta su Twitter, e proprio di sfuggita su Linkedin e Instagram. Su WordPress ha un blog, dove scarabocchia qualche appunto e borbottii di vario genere.
L’autopubblicazione per Mancinelli è una scelta perché non ama sottostare ai tempi degli editori.
Se volete scriverle, questa è la sua email:
fpm.romanzi@gmail.com

 

Nota bibliografica

Oltre a diversi racconti, pubblicati su riviste specializzate o in raccolte collettanee, sono attualmente reperibili nella quasi totalità su Amazon.it (qualche volta anche in versione cartacea) i seguenti testi:

– Gli Insofferenti, 1ª ediz. 1997, Gremese Editore | 2ª ediz. 2012, Independently published
– La profezia della stella, 1ª ediz. 2008, Gabi International | 2ª ediz. 2012, Independently published
– I Dormienti-I Fiori di Hypnos, 1ª ediz. 2009, Gabi International |
2ª ediz. 2012, Independently published
– Anatomia di un amore, 2013, Independently published
– Imparare l'e-book: manuale per chi vuole leggere e-book e non ha “santi in paradiso”, 2014, Independently published
 – Le nuvole non si fermano mai, 2014, Independently published
 – Omicidi all’ombra del Vaticano, 2015, Independently published
– L’amore in sospeso, 2015, Independently published
 – Amandoti, l’amore in bilico, 2016, Independently published
– Inquietante delitto in Vaticano, 2017, Newton Compton
– Senza movente, 2018, Newton Compton
– Primo amore, 2020, Independently published
– Nido di vipere, 2020, Independently published
 - Amore Infinito, 2022, Independently published

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità