• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Alla scoperta dei PRS, i rifugiati palestinesi provenienti dalla Siria, ora (...)

Alla scoperta dei PRS, i rifugiati palestinesi provenienti dalla Siria, ora in Libano

In Libano non bastava la presenza dei rifugiati palestinesi, siriani ed iracheni, delle miriadi di lavoratori migranti provenienti dall'Asia e dall'Africa, dei sunniti, degli sciiti, dei cristiani maroniti o dei falangisti, di Sabra e Chatila, della guerra civile, di Hezbollah e dell'avanzata dell'ISIS. Da qualche tempo, in tutto il Paese, è comparsa una nuova categoria umana a cui trovare un ruolo ed uno spazio, come a tutti gli altri. Si tratta dei PRS- Palestine Refugees from Syria, i rifugiati palestinesi provenienti dalla Siria.

Vivevano in Siria, disclocati anche lì in una serie di campi profughi che li ospitavano, compreso il campo di Yarmouk, nella periferia sud di Damasco, assediato lo scorso gennaio dall'esercito di Assad, che considerava ribelli o loro fiancheggiatori o non obbedienti al regime, i palestinesi che vi risiedevano. I PRS hanno cominciato ad entrare in Libano nel 2012, poco dopo l'inizio dell'emergenza siriana, intorno al mese di marzo fino al giugno dell'anno successivo, il 2013. Circa 50.000 persone sono riuscite ad attraversare la frontiera con il Libano e il governo libanese gli aveva concesso, in un primo momento, un permesso di soggiorno temporaneo di un anno, rinnovabile per un mese. Una volta giunti in Libano, hanno trovato ospitalità nei campi profughi palestinesi presenti in tutto il Paese.

Nel settembre del 2013, però, il governo libanese ha deciso che i PRS non avrebbero più potuto essere accolti nel Paese dei cedri e, come se non bastasse, il loro permesso di soggiorno non sarebbe più potuto essere esteso. Pertanto le scelte erano, e restano, due: o una volta scaduto il permesso, i PRS rimangono in Libano senza documenti legali, ossia illegalmente, o cercano di tornare in Siria. Attualmente, più del 90 per cento di loro non ha un permesso di soggiorno valido. Ma, ammesso che vogliano rientrare nel Paese di Assad, i PRS devono pagare duecento dollari per ogni persona e, ad oggi, il campo di Yarmouk, in cui la maggior parte di loro risiedeva, è ancora bloccato e, altrove, non ci sono più "tetti di fortuna" sotto i quali potersi riparare. In più, l'unica agenzia della Nazioni Unite che si occupa dei palestinesi, siano essi provenienti dalla Siria o "residenti" in Libano (PRL), continua ad essere UNRWA (The United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East) che, essenzialmente, tra gli altri servizi, offre assistenza economica, prima ogni tre mesi, adesso ogni mese, ma, in base a dei criteri di selezione appositamente individuati, circa il 50 per cento dei rifugiati provenienti dalla Siria viene escluso dagli aiuti. 

 
E adesso che il loro permesso di soggiorno è scaduto e quindi sono diventati illegali, i PRS non hanno più nemmeno libertà di movimento, e, per paura, lasciano anche il lavoro che hanno, nel caso in cui ne abbiano uno. Inoltre, la qualità dei servizi offerti da UNRWA è notevolmente peggiorata dato che la stessa quantità di aiuti adesso deve includere un maggior numero di persone, i palestinesi residenti in Libano (PRL) e quelli provenienti dalla Siria (PRS). Attualmente, la maggior parte di questi ultimi vive a Saida, Sidone, nel sud del Paese, ospitata nel campo profughi di Ain Al-Helwa in cui la situazione si fa sempre più tesa...
 
Date le suddette premesse, viene spontaneo chiedersi: "Che ne sarà di loro?".
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità