• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Accusata per crimini di guerra un’israeliana riceve il premio tedesco per la (...)

Accusata per crimini di guerra un’israeliana riceve il premio tedesco per la pace

I difensori dei diritti umani stanno invitando il Brückepreis tedesco a ritirare l’assegnazione del premio del 2020 a Tzipi Livni, politica israeliana che si è vantata del suo ruolo in crimini di guerra contro i palestinesi.

di Ali Abunimah – Electronic Intifada 17 giugno 2020

La motivazione del Bridge Prize [premio Ponte], com’è conosciuto in inglese, afferma che Livni viene premiata per aver promosso “la libertà di pensiero, la democrazia, l’apertura e l’umanità” e per “la sua politica di pace orientata alla libertà”.

Il premio viene assegnato a personaggi che abbiano dedicato il proprio operato alla democrazia e a una comprensione pacifica tra i popoli ed è accompagnato da un premio in denaro pari a 2.800 dollari [circa 2.500 euro].

Ma, lungi dal promuovere la pace, Livni è accusata di essere coinvolta in “crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi nella Striscia di Gaza assediata” quando era ministra degli Esteri di Israele durante l’attacco del 2008-09 contro Gaza, come ha scritto martedì l’associazione per i diritti umani Euro-Med Monitor in una lettera al presidente del Brückepreis Willi Xylander.

Livni “durante l’operazione, condannata a livello internazionale, operò incessantemente per mascherare l’aggressione di Israele contro la popolazione civile di Gaza,” aggiunge la lettera, sottolineando che l’attacco israeliano costò la vita a 1.400 palestinesi, in grande maggioranza civili.

Vero teppismo”

Livni non si è neppure mai vergognata del suo ruolo e del suo appoggio al massacro di Gaza. Nel gennaio 2009 dichiarò ai media israeliani: “Come auspicavo, nel corso delle recenti operazioni Israele ha dimostrato un vero teppismo.”

Anche il rapporto Goldstone, la commissione d’inchiesta indipendente dell’ONU sull’attacco, cita le affermazioni di Livni: “Israele non è un Paese su cui puoi sparare missili senza che reagisca. È un Paese che, quando spari ai suoi cittadini, risponde scatenandosi, e ciò è positivo.”

E invece di promuovere la democrazia, Livni ha appoggiato la pulizia etnica dei cittadini palestinesi di Israele per rendere la popolazione di Israele ancor più esclusivamente ebraica. Ex-ministra della Giustizia, Livni ha anche detto ai negoziatori palestinesi: “Io sono contraria alle leggi – in particolare a quelle internazionali. Contro le leggi in generale.”

Non pare proprio che queste siano le credenziali di una persona che meriti riconoscimenti per aver contribuito alla pace e la comprensione a livello internazionale.

Perseguita per crimini di guerra

In parecchie occasioni Livni ha dovuto sfuggire all’arresto o agli interrogatori da parte di autorità giudiziarie che cercavano di inquisirla per crimini di guerra nel Regno Unito, in Svizzera e in Belgio.

Assegnare il Brückepreis a una politica israeliana accusata di crimini di guerra “contribuirebbe a ripulire l’immagine dei crimini dell’occupazione israeliana a danno dei palestinesi e incentiverebbe ulteriormente i politici israeliani ad accentuare le atrocità contro i palestinesi, sapendo che tali brutalità non danneggerebbero la loro posizione internazionale,” aggiunge Euro-Med Monitor.

Eppure tristemente in Germania la classe dirigente continua a credere che offrire un appoggio incondizionato a Israele indipendentemente da quali crimini commetta ed elogiare i criminali di guerra israeliani sia un modo per espiare l’uccisione da parte del governo tedesco di milioni di ebrei europei. La vera lezione da trarre dai crimini della Germania dovrebbe essere che nessuno possa sfuggire al dover rendere conto dei crimini di guerra, compresa Tzipi Livni..

Da: zeitun.info

(traduzione dall’inglese di Amedeo Rossi)

ki.noblogs.org

.

______________________________________________________________________________

Approfondimento (madu)

Tzipi Livni (Wikipedia)

Piombo fuso di Tzipi Livni (Gennaro Carotenuto)

Livni a Sarkozy: “Niente tregua. A Gaza non c’è crisi umanitaria” (la Repubblica)

Tzipi Livni denunciata da filo-palestinesi: polizia britannica voleva interrogarla (L’informale)

L’ex ministra israeliana Tzipi Livni intercettata in Belgio per crimini di guerra? (invictapalestina.org)


 

 

 

 

 

Commenti all'articolo

  • Di Persio Flacco (---.---.---.200) 4 luglio 09:22

    La lobby sionista è assai influente in Germania: basti ricordare i 5 sommergibili classe Dolphin regalati a Israele. Il governo tedesco tentò di rifiutare il dono, poi entrò in campo qualche associazione ebraica di scampati alla Shoah e i sottomarini (con capacità di ospitare armi atomiche) salparono per Israele. Alla Germania ne rimase uno solo.
    Ma non solo in Germania la lobby sionista, per sua natura internazionale, ha enormi capacità di influenzare la politica interna e internazionali dei Paesi.

    Nel Regno Unito, ad esempio, riuscì a far modificare la civilissima legge chiamata della Giurisdizione Universale, proprio perché aveva impedito a Tzipi Livni di mettere piede sul suolo britannico.

    In base a quella legge, qualunque giudice britannico poteva ordinare l’arresto di chiunque fosse stato condannato per crimini contro l’umanità e avesse messo piede nel Paese. Alla Livni, arrivata in Inghilterra, fu consigliato di non scendere dall’aereo e di tornare indietro.
    Dopo le vivaci proteste della lobby sionista, in breve tempo la legge fu cambiata, attribuendo alla discrezionalità del ministro di giustizia, non più al singolo giudice, la possibilità di ordinare l’arresto del criminale.

    Del resto, se sul teatro geopolitico un piccolo Stato come Israele ha un peso politico esorbitante rispetto alle sue reali dimensioni geografiche, economiche, demografiche, ci sarà un motivo.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità