• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

pv21

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 0 2010 0
1 mese 0 6 0
5 giorni 0 0 0

Ultimi commenti

  • Di pv21 (---.---.---.89) 17 marzo 19:20

    FOLATE > Internet è un ineguagliabile strumento di conoscenza e di scambio di informazioni.

    Negli ultimi 20 anni (notare la coincidenza) s’è assistito alla diffusione crescente e sempre più capillare di reti interconnesse a livello globale.

    SENZA alcun limite di età, basta molto poco per “apparire” e basta un clic per sentirsi parte di vasti sodalizi planetari.

    In prima fila ci sono le notizie ad alto impatto emotivo. Specie se paventano incombenti minacce, se non reali cataclismi. E le relative soluzioni (rimedi) sono concepite all’insegna della “semplicità”.

    Perfino il valore di uno studio (teoria) scientifico dipende dal plauso, o meno, di tale “mercato” virtuale.

    Attenti alle folate !! Primo interesse è evitare di finire Travolti dalle Informazioni

  • Di pv21 (---.---.---.89) 15 marzo 18:35

    Take care > Nonostante il reiterato can can di tanti media e fonti web non si sono visti i pronosticati svariati milioni di studenti (ragazzotti) sparsi in migliaia di città di tutto il mondo.

    Per contro.

    GIA’ dall’età di 25 anni si può promuovere una convinta e concreta azione politica, insieme a “scegliere” come impostare lavoro e vita.

    Ancora.

    Diversi altri incombenti fattori continuano a generare vere e proprie stragi umane.

    E’ inoltre risaputo che un inatteso, quanto nefasto, fenomeno astronomico può arrivare a sconvolgere vasta parte dell’habitat terrestre.

    Ergo.

    Sbandierare ogni tanto cartelli e striscioni, come postare video e foto, non basta a “sanare” la realtà circostante.

    Primo serio limite è la PESCITUDINE di chi …

  • Di pv21 (---.---.---.89) 10 marzo 19:49

    E’ vero > Non c’è fretta per la Tav dopo che il Governo si è preso 6 mesi per ridiscutere il progetto (ricompresa la clausola di dissolvenza).

    Come dire che sul tema è calato il silenzio; almeno fino alle Europee.

    Ora il rilancio dell’economia passa per la "Via della Seta" e, magari, per lo sblocca Cantieri e un nuovo Codice degli appalti..

    Prima tappa "chiudere" il caso della Diciotti.

    Saluti

  • Di pv21 (---.---.---.89) 3 marzo 19:44

    Anticipo > Visti i sondaggi e l’andazzo generale, lo M5S, da forza maggioritaria di governo, non rischia più di tanto se punta i piedi fino al possibile crollo dell’esecutivo, anche prima delle elezioni Europee.

    Viceversa, a bocce ferme, sarà l’area del centro-destra (LEGA in primis) ad incassare roboanti e crescenti successi nelle tornate elettorali.

    A meno che il PD, nel giro di poche settimane, non riesca a superare le diatribe interne ed a formulare e promuovere un concreto/appetibile progetto alternativo, con tanto di convincente papabile premier.


    In ogni caso, una “sana” democrazia deve rifuggire dalle venature autoritarie di chiunque “dice e fa”, ma chiedendo mano libera.

    La storia insegna che La “Febbre” del Tribuno non conosce remore, limiti …

  • Di pv21 (---.---.---.89) 24 febbraio 18:21

    BYPASS > E’ blasfemo parlare adesso di manovra bis?

    Tra i vertici del governo un tale discorso va da “prematuro” a “non necessario”.

    Intanto s’escludono dei nuovi balzelli (tasse e imposte) e “si sta lavorando” per limare di 3 punti l’aliquota Irpef del 23%. MANCA però un qualche cenno alla leva fiscale demandata a Regioni ed Enti Locali.

    Il tutto è una sorta di ”arcano” che dovrà venire “disvelato” con il DEF (aprile) ed in vista delle “raccomandazioni” dell’UE di giugno..


    Eppure basta fare un paio di conti.

    Nessuno osa negare che il consuntivo del Pil del 2019 sarà circa la metà del valore calcolato per la Legge di Bilancio. Uno squilibrio che comporta l’ammanco (da compensare) di non meno di 7-8 miliardi di euro. Insieme agli altri 4-5 miliardi da pagare (in più) per quel tasso di interesse dei Titoli di Stato (Debito) che viaggia, da mesi, sul 3%.

    In compenso ci viene detto di contare su un salvagente di risorse “accantonate” che vale 2 miliardi. Precisando altresì che sono “vetuste” regole e rigidi “tecnicismi” dell’UE a dettare legge. Dei LIMITI, si afferma, che impediscono il ricorso a “discrezionali” politiche di aggiustamento e finalizzate alla crescita.

    (Nota: il 2011 dovrebbe insegnare)


    Concludendo.

    Per ora si tratta di bypassare le incipienti scadenze elettorali. Poi … basta aver fiducia e saper aspettare.

    Stare nella stanza dei bottoni non è giocare a Pantomima e Rimpiattino


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità