• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Vaccino H1N1 ed eventuali danni. Cosa fare

Vaccino H1N1 ed eventuali danni. Cosa fare

La Legge Finanziaria 2008 prevede il Risarcimento danni da trasfusioni, vaccini e talidomide (art. 2 co. da 361 a 364).

Sono stati stanziati 180 milioni di euro annui a partire dal 2008 (che si aggiungono ai 150 già previsti per il 2007) per il risarcimento dei danni subiti a seguito di trasfusione, vaccinazioni e sindrome da talidomide (fonte).

Questa stringata notizie arriva direttamente dal Ministero della Salute e potrebbe, in un futuro molto prossimo, essere molto importante per chi avrà, fra i suoi cari, casi di decesso o di invalidità causati dai vaccini.

Mi riferisco, in particolar modo, al nuovo vaccino contro l’influenza suina. Ormai è chiaro che ci sarà una corsa al vaccino da parte della gente comune. Purtroppo le notizie allarmistiche ed esagerate di molti media hanno già convinto numerose persone a fare il vaccino, sebbene questa influenza sia meno pericolosa di quella normale.

La battaglia è stata parzialmente vinta dalle aziende farmaceutiche, che vedranno arrivare miliardi a fiumi nelle loro casse...

Soldi, ovviamente nostri, delle nostre tasse.

Ma illudersi che la storia finisca con una semplica puntirina è da ingenui.

Nessuno può sapere quali saranno le reazioni collaterali di questo vaccino, soprattutto sui bambini. Anche se rari questi effetti esistono.

E nessuno potrà sapere quale saranno le interazioni con altri farmaci o vaccini fino a che non sarà tardi. Fare troppe vaccinazioni in un colpo solo può non essere molto salutare...

Allora ecco qua,a chi ha deciso per il vaccino, alcuni importanti consigli. Sperando che non dobbiate metterli in pratica:

Pper chi farà vaccinare bambini piccoli


 – Prima di far vaccinare un bambino, fategli fare controlli approfonditi anche sulle abilità acquisite e fare mettere per iscritto il suo stato di buona salute. Al di sotto dell’anno di vita fate controllare il bambino da un neurologo per controllare lo stato di tutti i suoi riflessi primitivi e posturali: dovesse accadere qualcosa, avrete in mano un documento valido per assegnare le responsabilità.

 – Se, dopo un vaccino notate febbre ed altri sintomi anomali ricoverate il bambino e pretendete accertamenti immediati.

– Qualsiasi rassicurazione vi dia un medico, fatevela mettere per iscritto.

 – Non firmate documenti che possano attribuire alla vostra responsabilità qualcosa che invece è prescritto per legge.

Seguite scrupolosamente questi consigli o vi sarà molto difficile provare eventuali danni da vaccino e pretendere un risarcimento.

Chiedete sempre :




- I l bugiardino del vaccino qualche giorno prima della vaccinazione e leggete attentamente quanto è scritto, soprattutto gli effetti collaterali.


- Chiedete la documentazione sul il nome del vaccino usato, l’anno di produzione,
il lotto di provenienza, il modo di somministrazione.

Questo vale anche per gli adulti a cui consiglio anche una visita medica preventiva e il relativo certificato che attesti la vostra salute.

Viste le ultime notizie nel vaccino saranno presenti sostanze per la stimolazione immunitaria e per aumentare la produzione di anticorpi (in genere sali di alluminio). Quindi :


- Chiedete un programma di vaccinazione più distanziato.

- Non vaccinare bambini ammalati o in via di guarigione da infezioni o malattie esentematiche, soprattutto se è stato somministrato antibiotico. Questo è valido per qualsiasi vaccino.

Inoltre Chiedete al vostro pediatra che venga fatta una cura per rinforzare, prima e dopo la somministrazione del vaccino, le difese immunitarie del vostro bambino.

Questo per quanto riguarda la vaccinazione anti H1N1.

Nel link troverete altri utili consigli per tutte le vaccinazioni. (Fonte)

Nel caso che qualcosa vada storto e dopo la vaccinazione qualcuno dei vostri cari subisca danni da vaccino o dovesse morire e ritenete che il decesso sia da collegarsi al vaccino andate sul questo sito. E leggete bene quali sono le condizioni per il risarcimento.

L’AMEV (Associazione per Malati Emotrasfusi e Vaccinati) potrà, inoltre, fornirvi documentazione e notizie utili. Indirizzo del sito AMEV. Il risarcimento non potrà sostituire una vita distrutta.

Starà a voi decidere se vale la pena rischiare per una leggera influenza oppure negare, per questa volta, la vostra quota di Euro alle aziende farmaceutiche. La possibilità di informarvi in maniera corretta su quello che succede l’avete.

Ora a voi la scelta.



Commenti all'articolo

  • Di Glissando. (---.---.---.177) 30 agosto 2009 15:07

    Sono un sopravvissuto alla tragedia del TALIDOMIDE Grave Focomelia Bilaterale,mi chiedo dove sono andati a finire quei 180+150 milioni di euro promessi da destra e sinistra ad ora 30 agosto 2009 non abbiamo visto un becco di un quatrino.Grazie ITALIA.

  • Di babuscra (---.---.---.141) 30 agosto 2009 17:21

    sono anche io una sopravvissuta al Talidomide con danni collaterali agli arti superiori e vi faccio la stessa domanda di glissandro che fine anno fatto i ns. soldi. grazie italia

  • Di caosvideo (---.---.---.87) 31 agosto 2009 01:01

    La situazione è gravissima: i medici e il governo creano sconcerto, confusione e allarmismi decidendo di non informare correttamente. Le case farmaceutiche in USA saranno liberate da ogni responsabilità nel caso di danni da vaccino (frequenti e molto gravi - iscriviti al forum del COMILVA se vuoi approfondire), e di soppiatto in uno dei tg pinocchio italiani è stato detto che il vaccino in italia sarà distribuito senza bugiardino, ovvero il foglietto illustrativo. Nessuno di noi poveri imbecilli saprà a cosa va incontro se si fa iniettare (o peggio concede di vaccinare i propri figli) sostanze sconosciute e potenzialmente nocive (recentemente è stato provato che i vaccini possono scatenare l’autismo). I cittadini in questa democrazia fai da te (in cui è più importante parlare del buco del vescovo che della salute di milioni di persone e della loro esigenza primaria di non essere trattati come cavie da laboratorio), devono esporsi in prima persona con l’obiezione, contro questo Stato di rovescio (altro che di diritto), affrontando anche rischi di affievolimenti della patria potestà.
    Siamo soli, siamo soli, cantava Vasco. Chi ci difenderà da questo macigno che ci sta cascando addosso?

     
    • Di illupodeicieli.leonardo.it (---.---.---.64) 5 settembre 2009 23:22

      Mi chiedo anche cosa succederà dopo: quanto dovrebbe durare l’emergenza? Verranno vaccinate,per dire, persone anche fra tre anni o quattro?Lo so,qualcuno dirà, tranquillo Lupo, troveranno qualche altra influenza, qualche altra cosa per vaccinare e fare business.Perchè io la vedo così, non penso a qualche gruppo di suonati che voglia ridurre la popolazione,almeno non dalle nostre parti, forse in altre realtà geografiche e per ragioni pratiche come aree dove ci sono risorse materiali da sfruttare (un po’ come chi vuole far fuori gli indigeni per sfruttare le miniere o i boschi e ,per farli fuori non può sparare a tutti,ecco che una vaccinazione provvienziale). Come detto anche altre volte se posso non permetterò che nessuno dei miei figli sia vaccinato:temo i diktat delle scuole, le imposizioni o i Tso. Ma sopratutto per gli effetti nascosti e a medio termine che si possono manifestare.Tra alcuni anni come fai a dimostrare o a fare causa? Del resto sono protetti,loro, dalle leggi e poi come sappiamo, per alcune cose i soldi non si trovano. Al pari delle cause per l’uranio impoverito e per quelle agli inceneritori:tutte cose da dimostrare.Vite distrutte ,quelle dei nostri cari defunti, e poi le nostre per cercare giustizia.Se ci pensiamo bene e se quello fosse il loro scopo (distruggere e non far vivere le persone) ci riuscirebbero con vaccini e altri veleni, e in alcuni casi ci sono già riusciti.

  • Di francesca (---.---.---.48) 3 novembre 2009 10:02

    certo che dopo aver letto questo articolo mi è passata la voglia di far vaccinare i miei tre bambini

    • Di pint74 (---.---.---.118) 3 novembre 2009 18:18
      pint74

       Non firmate documenti che possano attribuire alla vostra responsabilità qualcosa che invece è prescritto per legge.
      Visto che occorre il consenso informato all’atto della vaccinazione le possibilità di risarcimento,in caso di danni,scendono drasticamente o almeno scende la somma che verrà corrisposta per l’eventuale danno.
      Attualmente,il consenso scritto,mette parzialmente al riparo il nostro governo da eventuali richieste di risarcimento,quindi ti consiglio di chiedere al medico tutta ma proprio tutta la documentazione necessaria a capire che vaccino stai per usare,quali sono i possibili effetti collaterali e quali saranno le conseguenze legali se ci fossero danni causati dal vaccino stesso.
      Visto che il governo ha pensato a tutto,ti sarà quasi impossibile rivalerti contro le aziende produttrici,visto che ,come da contrastto,rispondono solo se il prodotto è difettoso(contaminazione e affini) e non in caso di effetti collaterali.
      Nel link http://www.agoravox.it/H1N1-vaccini... troverai i documenti tecnici sul vaccino,compresi gli effetti collaterali,i test di sicurezza,ecc.
      Prima di vaccinare i tuoi bambini informati bene e poi decidi.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares