• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Terremoto | I container collettivi "sono, oggettivamente, un errore" (...)

Terremoto | I container collettivi "sono, oggettivamente, un errore" (VIDEO)

I container collettivi sono la sistemazione decisa dal Governo per i terremotati che non hanno voluto spostarsi sulla costa o affittare una nuova abitazione. Strutture dormitorio che possono ospitare circa 60 persone, composte da camere fino a quattro posti letto, bagno in comune, un refettorio comune e sale in comune. 

I container rappresentano una fase intermedia tra la prima emergenza affrontata nelle tendopoli e i villaggi di casette (Sae – Soluzioni abitative emergenziali) previsti per la primavera prossima. “Molte comunità stanno rifiutando questo modello di container – afferma Marco Fars delle Brigate di Solidarietà Attiva – che rappresentano oggettivamente un errore dovuto alla frettolosità con cui il Governo ha cercato di rimediare al buco che non aveva previsto”. Infatti, le prime soluzioni prevedevano, per i terremotati, solo la possibilità di spostarsi in strutture alberghiere sulla costa o fittare una nuova abitazione usufruendo del Contributo di Autonoma Sistemazione.

Molti terremotati, però, avevano manifestato la volontà di non abbandonare il proprio comune, per continuare a gestire la propria attività. Ricordiamo che l’economia all’interno del cratere del terremoto è rappresentata principalmente da piccoli allevatori o agricoltori, che andando via e tornando in primavera non troverebbero più niente. La risposta a questa esigenza sono stati, appunto i container collettivi

Questa soluzione in realtà non convince particolarmente la popolazione, che avrebbe preferito container singoli per famiglia, capaci di offrire una maggiore privacy e soprattutto sistemabili direttamente dove necessario, senza costringere nessuno a dover comunque far riferimento al campo, ovunque sia ubicato.

“Come è possibile che l’emergenza terremoto del 1997 sia stata gestita con dei semplici container familiari, quindi container che garantivano un minimo di privacy con bagno interno e cucina interna che davano la possibilità di vivere dignitosamente – racconta Andrea Ferroni delle BSA – La soluzione proposta nel 2016 è un ostello in comune con degli spazi in comune, che vanno a limitare la privacy e quella intimità che serve a superare momenti di emergenza come questo”. 

loading...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità