• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Stragi! Altro che orge!

Stragi! Altro che orge!

Mentre la quasi totalità della stampa si concentra sulle luci rosse che hanno illuminato le notti del Presidente del Consiglio, indagato dal 21 dicembre perconcussione prostituzione minorile dalla Procura di Milano, altre e ben più infamanti accuse vengono scagliate su Silvio Berlusconi.


Oggi, deponendo nel tribunale del capoluogo toscano, dove si sta svolgendo il processo per le stragi del ’92 e ’93 a Roma, Firenze e Milano, il collaboratore di giustizia Giovanni Ciaramitaro ha accusato il premier, come già avevano fatto altri prima di lui, di essere la mente dietro gli attentati che hanno insanguinato il nostri Paese nei primi anni degli anni Novanta. 
 
 
«Francesco Giuliano (fra gli imputati dell’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo, n.d.r.) mi disse che erano stati dei politici a dirgli questi obiettivi, questi suggerimenti e in un’altra occasione mi fece il nome di Berlusconi». Secondo il pentito «la ragione delle stragi era l’abolizione del 41 bis, l’abolizione delle leggi sulla mafia. Le bombe le mettevano per scendere a patti con lo Stato. C’erano dei politici che indicavano quali obiettivi colpire con le bombe: andate a metterle alle opere d’arte».
 
Ciaramitaro continua nel raccontare che quando chiese spiegazioni a Giuliano sui motivi per i quali dovessero colpire i monumenti e «le cose di valore» fuori dalla Sicilia, egli rispose «che ci stava questo politico, che ancora non era un politico, ma che quando sarebbe diventato Presidente del Consiglio avrebbe abolito queste leggi. Poi mi disse che era Berlusconi».
 
Nel processo di Firenze l’imputato è Francesco Tagliavia, accusato di aver fornito uomini e risorse per la strage di via dei Georgofili nonché di aver preso parte alla fase decisionale delle stragi.
 
Ciaramitaro era un ladro d’auto prima del salto all’interno dell’organizzazione criminale. E ora dà man forte al ben più famoso pentito Gaspare Spatuzza che già aveva accusato il primo ministro e il suo braccio destro Marcello Dell’Utri di essere coinvolti in quella stagione che insanguinò l’Italia, attraversando lo Stretto di Messina.
 
Ed ecco che, sempre nel corso dell’udienza tenuta stamane nel tribunale di Firenze, ha peso la parola un altro pentito, Pasquale De Filippo. De Filippo dichiara che «da quando avevo 20 anni mi hanno sempre detto cosa dovevo votare politicamente, io e tutti gli altri. Nel ’94, quando ci sono state le elezioni, in Sicilia abbiamo votato tutti per Berlusconi, perché Berlusconi ci doveva aiutare, doveva far levare il 41 bis». Questo ipotetico aiuto, però, non arrivò, e, afferma Di Filippo, «io mi sono lamentato con Bagarella personalmente, dicendogli che là, cioè nelle carceri in cui sono rinchiusi i mafiosi, ci stanno ammazzando a tutti, perché ancora non ha fatto niente? Lui mi ha risposto in siciliano: in questo momento lascialo stare perché non può fare niente. Mi ha fatto capire – ha riferito Di Filippo, riferendosi a Bagarella – che c’erano altri politici che gli giravano attorno, nel senso di vedere quello che lui faceva, e quindi lui non si poteva esporre più di tanto. Comunque appena c’è la possibilità lui ci aiuterà».
 
Sempre De Filippo sostiene che gli attentati mafiosi dovevano rappresentare un ricatto dalla mafia alla Stato e che sicuramente, al fine di far arrivare chiaro il messaggio, «c’era un intermediario. Nessuno me ne ha mai parlato, ma ci arrivo a logica».
 
Insomma, altro che bunga-bunga. Qui si parla di morti innocenti. Si parlerà come sempre di giustizia a orologeria, di pentiti utilizzati da magistrati politicizzati per sovvertire l’ordine democratico. Si spera che sia davvero così, perché il solo pensiero che dietro quegli anni di sangue ci sia il capo del governo fa molta più paura di avere la certezza che egli sia solo un vecchietto porcellino che sbava sulle ragazzine.


ARCHIVIO: Berlusconi e la trattativa con i Graviano. Novità al processo Dell'Utri
LEGGI: Spatuzza, le bugie di Dell'Utri e i silenzi dei giornali
 

I commenti più votati

  • Di paolo (---.---.---.118) 18 gennaio 2011 18:44

    Su questa storia siamo impantanati da anni senza cavare un ragno dal buco . Tempo fa avevo , in un articolo , evidenziato la stranezza che un milanese doc come Berlusconi ,cognome assimilabile al sciur Brambilla , fosse circondato da amici e sodali siciliani . Strana coincidenza che il padre fosse direttore nella banca Rasini di Milano , la banca di Sindona , il tesoriere della mafia . Strana coincidenza che nella villa di Silvio lo " stalliere " in porsche fosse un certo Mangano ,condannato per reati di mafia . Strana coincidenza che il cofondatore di "Forza Italia" sia Dell’Utri ,condannato per connivenza mafiosa .Strano che dopo avere affidato il ministero di Grazia e Giustizia all’ing. Castelli imposto dalla Lega , abbia affidato il ministero al siciliano Alfano , strano che il presidente del senato sia il siciliano Schifani . Strano che i lodi salva Silvio portino le firme proprio di Schifani e di Alfano . Strano che Falcone e Borsellino stessero indagando proprio su i legami tra la mafia palermitana e l’imprenditore Silvio Berlusconi.

    Tutte queste stranezze , in un paese normale ,avrebbero dovuto insospettire non solo i magistrati che stanno cercando di mettergli il sale sulla coda , ma anche i cittadini normali , anche i più sprovveduti .
    Invece Silvio è ancora li , al timone . Ho il sospetto che anche le sue scandalose performance sessuali siano per molti italiani , non una fonte di imbarazzo , ma la garanzia che sia il tipo giusto da votare .


  • Di Laura Meloni (---.---.---.142) 18 gennaio 2011 21:32

    Gli arresti vengono fatti da magistrati (sì, proprio li stessi accusati di sovversione) e le forze dell’ordine e non Alfano, Maroni o Berlusconi. I beni confiscati vorrebberi metterli all’asta in modo che se li possano ricomprare. Lo scudo fiscale non l’ha votato Babbo Natale. La legge sulle intercettazioni e sul processo breve non le hanno proposte i magistrati. I mille condoni in aiuto delle ecomafie idem. Le affermazioni su scrittori antimafia, registi e sull’eroe Mangano le conoscono tutti. E dette dal capo del governo sono chiari messaggi inviati a chi sa coglierli. Domani sarevve stato il 71esimo del giudice Paolo Borsellino. Forse neanche lui oggi "avrebbe fatto una bella figura". Forse non l’ha fatta neanche nella sua ultima intervista.

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.118) 18 gennaio 2011 18:44

    Su questa storia siamo impantanati da anni senza cavare un ragno dal buco . Tempo fa avevo , in un articolo , evidenziato la stranezza che un milanese doc come Berlusconi ,cognome assimilabile al sciur Brambilla , fosse circondato da amici e sodali siciliani . Strana coincidenza che il padre fosse direttore nella banca Rasini di Milano , la banca di Sindona , il tesoriere della mafia . Strana coincidenza che nella villa di Silvio lo " stalliere " in porsche fosse un certo Mangano ,condannato per reati di mafia . Strana coincidenza che il cofondatore di "Forza Italia" sia Dell’Utri ,condannato per connivenza mafiosa .Strano che dopo avere affidato il ministero di Grazia e Giustizia all’ing. Castelli imposto dalla Lega , abbia affidato il ministero al siciliano Alfano , strano che il presidente del senato sia il siciliano Schifani . Strano che i lodi salva Silvio portino le firme proprio di Schifani e di Alfano . Strano che Falcone e Borsellino stessero indagando proprio su i legami tra la mafia palermitana e l’imprenditore Silvio Berlusconi.

    Tutte queste stranezze , in un paese normale ,avrebbero dovuto insospettire non solo i magistrati che stanno cercando di mettergli il sale sulla coda , ma anche i cittadini normali , anche i più sprovveduti .
    Invece Silvio è ancora li , al timone . Ho il sospetto che anche le sue scandalose performance sessuali siano per molti italiani , non una fonte di imbarazzo , ma la garanzia che sia il tipo giusto da votare .


  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.95) 18 gennaio 2011 19:12
    Damiano Mazzotti


    Ora capite perchè i giornali concentrano l’attenzione sulla sessualità berlusconiana..

    Risparmiano una brutta figura anche i giudici...

  • Di Libero Mercato (---.---.---.157) 18 gennaio 2011 20:23
    Libero Mercato

    Come si concilia questa presunta promessa di Berlusconi di abolire quelle leggi con le riforme Alfano che rafforzano i sequestri dei beni confiscati, il 41 bis ed i numerosi arresti di importanti esponenti mafiosi?

    Speriamo che se ne parli meno possibile di questa storia, perchè francamente giudici, pm e pentiti non ci fanno una gran bella figura... 
    • Di Laura Meloni (---.---.---.142) 18 gennaio 2011 21:32

      Gli arresti vengono fatti da magistrati (sì, proprio li stessi accusati di sovversione) e le forze dell’ordine e non Alfano, Maroni o Berlusconi. I beni confiscati vorrebberi metterli all’asta in modo che se li possano ricomprare. Lo scudo fiscale non l’ha votato Babbo Natale. La legge sulle intercettazioni e sul processo breve non le hanno proposte i magistrati. I mille condoni in aiuto delle ecomafie idem. Le affermazioni su scrittori antimafia, registi e sull’eroe Mangano le conoscono tutti. E dette dal capo del governo sono chiari messaggi inviati a chi sa coglierli. Domani sarevve stato il 71esimo del giudice Paolo Borsellino. Forse neanche lui oggi "avrebbe fatto una bella figura". Forse non l’ha fatta neanche nella sua ultima intervista.

  • Di paolo (---.---.---.118) 18 gennaio 2011 23:25

    Caro Libero Mercato , non c’è peggior intenditor di chi non vuole intendere .

    Come dice Laura gli arresti sono opera dei magistrati e delle forze dell’ordine che si muovono su ordine dei magistrati . Tu però puoi arrestare tutti i mafiosi che vuoi , dieci ne arresti e dieci li sostituiscono .
    Il compito di una maggioranza parlamentare è quello di creare un "sistema paese" che non favorisca il fenomeno mafioso ,ma lo contrasti con le leggi .
    Bene Berlusconi , mentre cerca di intercettare il merito degli arresti ,di fatto vuole disarmare i magistrati con leggi che rendono la persecuzione dei reati di mafia sempre più difficile . Quello delle intercettazioni , nel paese delle cinque mafie , è stato un’esempio emblematico . Pensa all’arzigogolo grottesco che puoi fare intercettazioni su reati di mafia solo e soltanto se già prima hai provato che si tratta di mafiosi .
    Ti immagini due che al telefono si presentano " pronto ,questa comunicazione avviene tra mafiosi ... potete quindi procedere all’intercettazione " . Ora che in questo paese ci sia una moltitudine di imbecilli è fuori discussione , ma a tutto c’è un limite . No scusa , rettifico ,Berlusconi sta dimostrando che non c’è alcun limite . 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares