• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Regolarizzazione migranti irregolari: lettera alla Ministra (...)

Regolarizzazione migranti irregolari: lettera alla Ministra Bellanova

Cara Ministra, Lei sta riflettendo sulla possibilità di dimettersi qualora gli immigrati irregolari, in questo caso in agricoltura, non fossero regolarizzati.

 

Che in agricoltura il lavoro in nero sia ampiamente utilizzato è cosa nota, altrettanto dicasi per caporalato e sostanziale schiavizzazione di molti italiani e stranieri.

Questo non si verifica solo in agricoltura, riguarda altri settori, lavori che gli italiani non fanno o non vogliono fare e gli immigrati non solo solo i “neri”, quella è una balla assoluta che sarebbe ora che qualcuno smontasse a picconate. Peraltro ne risentono le casse dello Stato e gli stessi lavoratori regolari possono essere tranquillamente ricattati stretti nella morsa di precariato, diminuzione di diritti e lavoro nero. 

Personalmente mi sono meravigliato quando Lei ha aderito a Italia Viva: per la sua storia. Incrociare la Sua storia, le Sue battaglie che deduco non siano esattamente neoliberiste con quella di Matteo Renzi mi apparso strano.

Mi rendo conto che un cittadino non capisce proprio tutto bene ma adesso La conosco ed apprezzo nuovamente.

Sentite le dichiarazioni di Vito Crimi (ahinoi) penso di poter affermare che l’M5S starebbe molto meglio con la Lega: sono dichiarazioni che hanno a che vedere con il famigerato Decreto Sicurezza 1 (peraltro ancora privo di parecchi Decreti Attuativi), 

A suo tempo avevo cercato di capire che effetti avrebbe prodotto il Decreto e l’avevo anche scritto qui su Agoravox. Il risultato finale era:

  • diventare clandestini,
  • finire nelle periferie a 20 persone per stanza,
  • occupare abusivamente,
  • costruire baraccopoli,
  • lavorare in nero,
  • arrangiarsi con la microcriminalità,
  • finire nelle mani della criminalità organizzata
  • preoccuparsi poco delle Forze dell’Ordine tanto sono insufficienti.

non possono: muoversi dall’Italia, sono bloccati qui.

L’avevo anche ripreso successivamente,

Ora abbiamo COVID19, tutto è evidentemente più difficile e pericoloso, tutto andrebbe messo il più possibile in sicurezza ed alla luce del sole, eppure……..!! 

 

Abbiamo enorme bisogno di legalità,

Un Saluto

Foto: Governo

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.49) 7 maggio 23:27

    Caro Salvà, gli otto punti che tu hai elencato erano già in atto ben prima del decreto sicurezza, con l’aggravante che il business non lo faceva solo la criminalità ma anche rispettabili cittadini, che ammassavano 20 persone in un appartamento e percepivano 36 euro a capoccia al giorno, per dar loro cibo per cani. Semmai lo scopo del decreto era proprio quello che altri immigrati non finissero in quelle situazioni. Poi i limiti applicativi si sono visti, soprattutto nella versione 2, ma va anche detto chi era il ministro degli interni, ovvero Salvini, un nome una garanzia.

    La Bellanova non si dimetterà. Una ex sindacalista barricadera che si mette con colui che ha distrutto i diritti dei lavoratori (art. 18) e ha praticato la peggior politica antisindacale di sempre, significa che possiede una doppiezza che le consente di fare tutto ed il contrario di tutto. E’ del tutto sintonica con il suo capo, che una la dice e l’altra la pensa senza peralto metterle mai insieme.

    Sul disperato bisogno di legalità metti la mano nella piaga n. 1 di questo paese. Tutti gli altri guai derivano proprio dalla diffusa illegalità, a tutti i livelli, che sta devastando da decenni questo paese.

    Adesso poi è arrivato anche il virus a complicare tutto.

    ciao

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 9 maggio 11:29
    Enzo Salvà

    Spiacente Paolo ma gli 8 punti sono conseguenza delle misure che ho descritto, credo chiaramente, nell’articolo,

    Al di là delle tue considerazioni: il Ministro dell’Agricoltura fa scoppiare un petardo sui lavoratori irregolari in Agricoltura, 

    ma gli irregolari non sono solo quelli che riconosci dal colore della pelle e non sono solo in agricoltura

    questa è una bella leva per il Ministro del Lavoro Catalfo: ti sembra che manchino lavoratori irregolari o semplicemente in nero in Italia? quanto costa l’evasione alle casse dello Stato? Quanto costa agli imprenditori "onesti" la concorrenza sleale di chi li utilizza?

    ed è una bella leva anche per il Ministro della Sanità Speranza: gli irregolari sono nelle nostre case, al lavoro, nelle strade, pensi che il virus, siccome non hanno documenti, li eviti? e come si fa, al lavoro, controllare il rispetto delle distanze prescritte se non sai nemmeno quanto lavoratori ci sono? Credi che l’Ispettorato del lavoro o le ASL abbiano personale per controllare tutto? Fra irregolari e nero c’è il rischio di ripartire da zero chiedendoci come mai la pandemia non si plachi.

    Un Saluto

    Es.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità