• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > ADHD - Sindrome da deficit di attenzione e iperattività, esiste (...)

ADHD - Sindrome da deficit di attenzione e iperattività, esiste davvero?

Ritalin, Concerta, Equasym, Medikinet, Rubifen, tutti psicofarmaci che hanno una caratteristica in comune.

Sono i molti nomi di un composto chiamato Metilfenidato,uno stimolante utilizzato per la cura della sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), una "nuova" malattia che, secondo alcuni ricercatori, colpisce un gran numero di bambini.

Questa sindrome, per definizione, è un disturbo del comportamento caratterizzato da inattenzione, impulsività e iperattività motoria che rende difficoltoso e in
taluni casi impedisce il normale sviluppo e integrazione sociale dei bambini.

Questa sindrome, secondo voci "malevoli", sembrerebbe l’ennesima malattia inventata in questi anni per riempire le già gonfie casse della farmaceutica, infatti la descrizione dei sintomi è troppo generica e comunque coincide con quella "malattia" che nei decenni scorsi veniva chiamata semplicemente "eccessiva vivacità" o "disattenzione", curata con qualche parola e qualche sberla da genitori che ancora non erano a conoscenza di avere a che fare con una malattia.

Ed il bello è che questa cura funzionava!

Il disturbo si ritiene abbia una causa genetica e sia anche legato a fattori morfologici cerebrali, fattori prenatali e perinatali, fattori traumatici.

Ma secondo molti ricercatori questa tesi è pura fantasia
e non ci sono prove certe a riguardo, inoltre la malattia sembra scomparire con il passare degli anni (si cresce e si matura), questo avvallerebbe la tesi di molte organizzazioni come "Giù le mani dai bambini", secondo la quale ci sarebbero una serie di speculazioni
su quella che è stata classificata una malattia ma che in realtà è l’ennesimo modo "scorretto" e pericoloso di fare soldi. L’industria farmaceutica e molti medici ad essa collegata propongono l’uso di psicofarmaci per sedare i bambini troppo "vivaci" o per risvegliarne l’attenzione.

Nel trattamento dell’ADHD, il Metilfenidato, viene utilizzato come parte di un programma di trattamento piuttosto articolato, che comprende interventi psicologici, educativi e sociali, tutto ciò quando le altre misure non si sono dimostrate efficaci nel modificare il comportamento (fonte) .

Sfortuna vuole che questa sostanza abbia qualche "piccolo" effetto collaterale...



Essi sono: rischi cardiovascolari quali ipertensione, aumento del ritmo
cardiaco e aritmie cardiache e rischi cerebrovascolari come emicrania, accidenti cerebrovascolari quali l’ictus, l’infarto cerebrale, la vasculite cerebrale e l’ischemia cerebrale.

A livello psicologico l’uso del Metilfenidato può causare o peggiorare alcuni disturbi psichiatrici, come la depressione, pensieri suicidari, ostilità, psicosi e mania.

Inoltre non si conoscono gli effetti a lungo termine sullo sviluppo sessuale del bambino o sul suo sviluppo psicologico.

Il Comitato per i Medicinali ad Uso Umano dell’EMEA (CHMP), ha stabilito che non è necessaria alcuna restrizione urgente dell’uso dei medicinali a base di Metilfenidato e si è limitato ad aggiornare le prescrizioni sulla loro utilizzazione nella cura dell’ADHD.

Secondo l’EMEA tutti i pazienti devono essere controllati per verificare se abbiano alterazioni della pressione arteriosa o del ritmo cardiaco, inoltre bisognerebbe verificare che nella storia familiare non ci siano patologie cardiovascolari.

Bisogna monitorare pressione arteriosa e ritmo cardiaco durante il trattamento con Metilfenidato ed interrompere il trattamento almeno una volta all’anno per verificare che non ci siano stati danni a causa di questo medicinale.

Secondo voi è giusto usare psicofarmaci o anfetamine se i vostri figli sono vivaci o disattenti?

E’ lecito dargli farmaci pericolosi per una malattia che in realtà non esiste?

Per alcuni sì, soprattutto per le case farmaceutiche.

Commenti all'articolo

  • Di cometa (---.---.---.201) 20 maggio 2009 13:13

    La tesi della malattia genetica salta fuori di volta in volta per la gastrite, la carie, l’aggressività, la depressione...
    Le teorie lombrosiane hanno sempre avuto un certo appeal per il cripto-fascismo delle masse.
    Quando smetteremo di essere massa? Di approvare il controllo dei corpi e delle menti?
    Quando perverremo allo stato adulto, in cui ciascuno è responsabile delle proprie azioni?
    Quando smetteremo di esercitare coercizione e violenza contro i più deboli, primi fra tutti i bambini?
    ciao! cometa

    • Di pint74 (---.---.---.109) 20 maggio 2009 20:55
      pint74

      Fino a che la gente continuerà a fregarsene di queste cose le aziende farmaceutiche,l’industria alimentare ed altri gruppi di potere faranno quello che vogliono.
      Quello che bisogna fare è cercare di informare quante più persone possibili ed avvicinarle al mondo di internet e ai quei siti che fanno informazione vera.
      L’informazione è l’arma più potente che abbiamo,dobbiamo usarla al massimo per fare si che la gente si svegli.
      Ma bisogna essere rapidi perchè ormai i tentativi di mettere il bavaglio alla rete sono tanti.

    • Di Jef (---.---.---.221) 6 luglio 2009 08:33

      Io ho l’adhd da quando ero piccolo.

      Ho 30 anni sono fuori corso all’università e non riesco a concentrarmi.

      La mia vita è stata un incubo. Ho fatto una fatica immonda a raggiungere tutti gli obiettivi che ho raggiunto.

      Mi reputo una persona intelligente, brillante nelle relazioni interpersonali e molto creativo, ma quando si tratta di concentrarmi nello studio è un delirio.

      Per studiare 10 pagine ci impiego giorni. Tu non puoi capire cosa significhi non riuscire ad apprendere il significato di una frase perchè non riesci a mantenere la tua attenzione focalizzata dall’inizio alla fine.

      Non sono uno scansafatiche. Non è una questione psicologica, bensì organica.

      Quindi il criptofascismo puoi mettertelo nel culo.
      Coglione

    • Di (---.---.---.218) 30 marzo 2015 10:45

      Purtroppo chi non ha provato non può capire... Io ho un figlio di 11 anni con ADHD e da quando è in terapia la sua vita sociale ha subito una svolta positiva che ha permesso che crescesse più consapevolezza e con un’ autostima che gli permette di superare ansie ed avversità. È indispensabile l’appoggio della famiglia e dell’ambiente scolastico ma purtroppo non è sufficiente.

      L’ADHD è un disturbo che è sempre esistito, la differenza è che ragazzi con QI di 130 (come mio figlio) non riuscivano a terminare il ciclo di studi.
      Io non ho problemi a gestirlo nel tempo libero, tanto che nei week end e vacanze non fa terapia, ma ora va a scuola con una spensieratezza e sicurezza che prima non aveva, perché si sentiva stupido e costantemente inadeguato. Un abbraccio!

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.40) 20 maggio 2009 21:26
    Damiano Mazzotti

    Qualche caso sporadico esiste... Ma l’industria farmaceutica ha troppi interessi nel voler allargare i fatturati...
    I genitori e i veri medici devono quindi vigilare... Il problema principale è che i ragazzi sono più vivaci grazie al testosterone e l’educazione che prevede di stare immobili su una sedia per almeno 5 ore non era prevista dall’evoluzione...

    • Di valeria (---.---.---.114) 21 maggio 2009 11:21

      Criminali, ma quale sindrome del caspito...
      E’ chiaro che esistono ed esisteranno sempre bambini/e in difficoltà e con quelle difficoltà....I bambini/e sono i futuri uomini e donne e se si ponesse maggiore attenzione a loro (a tutto quello che li riguarda), il mondo non avrebbe preso questa piega......
      Se qualcuno proponesse una cosa del genere per mio figlio....mi incazzerei di brutto.....

  • Di Donato (---.---.---.33) 24 giugno 2016 11:18

    Io queste grandissime stronze delle industrie dell’economia del guadagno non le vedo! Sono tutte grandissime stronzate! Ho un fratello che soffre di ADHD da quando era piccolo e solo grazie al ritalin e equasym ha potuto andare avanti , avere una vita migliore e portare avanti gli studi!! Non riusciva mai a concentrarsi e mai a studiare e solo grazie a queste "stronzate " come dite voi ê riuscito a fare tutto!! O come dice gente che si arrabbierebbe se venisse proposto loro questi farmaci. Ma andate a fare in culo.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares