• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile


Commento di kocis

su Profughi – migranti: ma in Italia c'è un'invasione in atto? E i nostri migranti che fuggono dall'Italia?


Vedi tutti i commenti di questo articolo

kocis 10 luglio 13:22

Da Umani abbiamo l’obbligo di guardare alla realtà, non all’esaltazione di miti costruiti a tavolino e divulgati ossessivamente, a nascondimento e danno dei problemi veri che riguardano gli italiani. Infatti, drammaticamente, chi li ha se li tiene.

Da gennaio 2019 la questione immigrati “ clandestini” ( …….ma quali sono le vie legali propagandate?) in Italia è proprio irrilevante….poco più di tremila persone. E non tanto per le scelte governative…..e poi sono accresciuti  gli annegati. Come già evidenziato nella parte iniziale del mio scritto. Il problema vale tra 5 e 6 volte in più per Grecia e Spagna. Ricordo, la Grecia ha poco più di 10 milioni di abitanti.

Dalle parti ben note che hanno responsabilità di governo, invece ( insisto) di costruire LAVORO per gli italiani e affrontare le enormi contraddizioni che caratterizzano i territori nazionali –sud-centro-nord -, a partire di chi vive ( e sono tanti milioni) in condizioni di povertà, mettere mano alle nefaste conseguenze dei cambiamenti climatici ( nascosta) frutto del “modello” di sviluppo e di gestione della società, si AMPLIFICA a dismisura una questione che ha le caratteristiche evidenziate.

Altro che “centro sociali”……..Per quest’anno le ONG, come hanno affermato gli ultimi dati noti, tutte, hanno salvato e portato nei porti italiani circa un decimo del totale complessivo. Gli strumenti sono altri.

La “CIVILRE convivenza” da Lei richiamata ci impone: il rispetto dei postulati della Costituzione - a partire dal diritto d’asilo -, e delle regole internazionali vincolanti, richiamate in maniera chiara e netta nella sentenza che ha liberato la capitana Carola Rackete. Poi, serve una politica europea adeguata, da parte di tutti gli Stati, compreso per quello che ci riguarda direttamente l’operatività propositiva del nostro governo, a partire dalla partecipazione agli incontri di merito.


Vedi la discussione






Palmares