• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Turchia | Imamoğlu, doppio schiaffo a Erdoğan

Turchia | Imamoğlu, doppio schiaffo a Erdoğan

E’ andata bene, benone oltre ogni speranza per il sindaco dei 18 giorni Ekrem Imamoğlu. Quanto gli era stato tolto da un Consiglio Elettorale Supremo molto compiacente ai voleri del Sultano glielo restituisce l’odierno voto popolare, con un cospicuo conforto. 

Stavolta il vantaggio sul candidato dell’Akp Yıldırım, non è la manciata dei 13.000 voti del 31 marzo scorso, ma 700-750.000 preferenze in più che portano il distacco a ben otto lunghezze percentuali: 53.69% per l’esponente repubblicano contro il 45.4% dell’ex ministro islamista. E col ritorno forzato alle urne in tre mesi il sistema erdoğaniano subisce un tonfo doppio, anche per la capziosità di questa ripetizione: la parziale assenza di dipendenti pubblici fra gli addetti ai seggi non s’era registrata solo nella metropoli sul Bosforo, ma anche altrove. Però si è rivotato solo lì dove Erdoğan aveva avviato la sua carriera politica, un luogo dove l’Akp dal 2001 faceva il bello e cattivo tempo, e il cuore laico e multipolitico di tanti istanbulioti non ha più battuto per l’uomo del destino. Sicuramente ci saranno state defezioni fra gli stessi elettori islamici, anche se talune loro roccaforti cittadine (Fatih, Uskudar) saranno rimaste massivamente fedeli. Coi dati più precisi delle prossime ore potremo meglio valutare l’orientamento cittadino.

Però la dichiarazione dello stesso Yıldırım, quando le proiezioni cominciavano a essere confermate dai risultati: “Se noi continuiamo a commettere illeciti dovremo chiedere il perdono e la benedizione di rivali e fratelli” risuonava sibillina e dovrà far meditare i vertici d’un partito-regime che risulta sconfitto dopo 17 anni nella città simbolo della Turchia d’ogni epoca. Probabilmente lo spostamento del voto verso il sorriso di Imamoğlu, rispetto alla faccia mesta di Yıldırım, è dovuto non solo alle sue mosse pacificatrici dei giorni scorsi. A un certo punto il sindaco scippato, pur sostenendo che l’iniziativa del Consiglio Elettorale non fosse corretta, ha mollato il ruolo fra il rivendicativo e il lamentoso e ha parlato di nuove opportunità e di buoni auspici per la causa della democrazia nella metropoli e nella nazione. Di più. E’ andato a trovare il presidente (che nei giorni scorsi era rimasto defilato dalla contesa) e, senza alcuna boria, sentendosi però certo d’un bis gli ha prospettato una collaborazione per quella città tanto importante per chi ci vive, per il governo e per la Turchia intera. Un passo astuto, al quale Erdoğan non poteva non tendere la mano. Di fatto chi ha sparigliato le percentuali sul Corno d’Oro è stata la comunità kurda che stavolta, almeno in parte ha votato, ovviamente contro Erdoğan.

Più che aderire all’invito astensionista rilanciato da Öcalan, è passato il gesto tattico proposto da un altro recluso illustre: il copresidente dell’Hdp Demirtaş. Un uomo che si batte per la causa kurda praticando quella via parlamentare che molti successi aveva ottenuto sino a tutto il 2015, quando Isis, repressione militare interna, arresti illegali sostenuti da illazioni accusatorie e processuali hanno attaccato a fondo la rete legale del proprio attivismo. Secondo il Sultano essa è un tutt’uno con quella del Pkk e in base a tale teorema decine di parlamentari, accanto a migliaia di militanti sono finiti in galera negli ultimi tre anni. Nei commenti raccolti a caldo da noti media quali Al Jazeera c’è già chi pronostica futuri tempi bui per l’Akp. Il professor Esen, docente di Relazioni Internazionali all’Università di Bilkent ha dichiarato all’emittente che “Questo voto segna l’inizio della fine per lo stile presidenziale in Turchia”. Eppure i molti anni di presenza sulla scena nazionale ed estera dell’ex premier e ora presidente turco, dicono altro. Indicando errori e fughe in avanti, ma al tempo stesso insperati recuperi e stabilizzazioni socio-politiche. Però certi segnali nascono da prolusioni inattese. E la sconfitta di oggi pesa molto, molto di più di quella di tre mesi addietro. Forse Istanbul può risvegliare la nazione, perché “Chi prende Istanbul prende la Turchia” parole proprio del Sultano.

 Enrico Campofreda

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità