• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > Taglio dei parlamentari : SI o NO, si vota il 29 marzo

Taglio dei parlamentari : SI o NO, si vota il 29 marzo

Del taglio dei parlamentari italiani da 945 a 600 si sta dicendo tutto il male possibile, quasi se si trattasse di una nuova minaccia per la vita, ma non di natura virale.

(Foto di matt-popovich-unsplash)

In particolare che:

  1. riduce la democrazia;
  2. limita la rappresentanza dei territori nelle camere.

A dirlo e ripeterlo in ogni modo e condito con ogni salsetta sono quegli stessi deputati e senatori che lo hanno votato favorevolmente per ognuna delle quattro letture o passaggi, proni agli “ordini di scuderia” dei propri caporali politico. Oggi, nascosti dietro anonime sigle, rimbalzano da un salotto TV all’altro, sostenendo il contrario.

Taglio dei parlamentari : le posizioni dei partiti

Gli unici partiti politici che, sinora, ufficialmente, hanno dichiarato la propria posizione rispetto al referendum che il prossimo 29 marzo dovrà confermare, o meno, il taglio già autodeliberato dal parlamento sono :

  • il Partito Democratico (che è per il SI),
  • Verdi e Rifondazione Comunista (che sono per il NO).

Lo stesso Movimento Cinque Stelle, che del taglio dei parlamentari ne aveva fatto la propria bandiera, quasi un labaro, pur sostenendo il SI, sino ad ora non ha avviato alcuna campagna referendaria e neppure sogna il coinvolgimento dei propri leader, mandandoli in giro per il Paese.

Tra i partiti minori, anche il Partito Umanista si è schierata da tempo per il NO.

Il giornalista Bruno Vespa – intervistato a sua volta – sostiene che i partiti sentono vicine le elezioni e desiderano mantenere quante più poltrone pronte all’uso o disponibili, per saziare la propria ingordigia.

« Molti se ne vergognano, ma tutti sono interessati a votare col vecchio sistema dei 945 parlamentariPerchè chi vince vince di più e, chi perde, perde di meno », dichiara l’esperto commentatore.

Nulla di nuovo, ne avevo dato atto durante il percorso parlamentare del provvedimento.

Dopo tutto le poltrone da parlamentare rappresentano ancora un importante posto di potere, oltreché un ricco vassoio d’oro colmo di indennità, rimborsi, bonus, extrabonus e chi più ne ha più ne metta, per poi metamorfizzarsi in vitalizi fino alla diciottesima generazione, coronavirus permettendo.

Molti sostenitori del NO mentono sapendo di mentire : la democrazia non è quantità ma qualità

Che i sostenitori del NO non sono credibili in merito a quel che affermano, in fatto di democrazia e di rappresentatività, è presto detto e di facile dimostrazione.

Basta fare mente locale :

  • Quante volte i governi hanno fatto ricorso alla decretazione d’urgenza e del voto di fiducia per scavalcare l’unico organo politico di democrazia rappresentativa quale è il Parlamento ?
  • Da quanti anni le leggi elettorali – poi rivelatesi incostituzionali – hanno ristretto le diversità rappresentate in Parlamento con una serie di accorgimenti tecnici quali la soglia di sbarramento o l’uso di premi di maggioranza, in nome della governabilità, ovviamente ?
  • Quale rappresentatività dei territori esiste con le pluri-candidature dei leader in più collegi elettorali e con le candidature “calate dall’alto come polpi” in territori che nulla hanno a che dividere coi candidati stessi ?
  • L’assenza del voto di preferenza è coerente col mantenere uno stretto rapporto tra cittadino-elettore e politico ?

A chi lamenta i rischi di minor rappresentatività dei territori, con un numero meno ampio di parlamentari (e conseguentemente con collegi elettorali più ampi), basterebbe far leggere l’articolo 67 della nostra Costituzione : “Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”.

Quello che ha bisogno la nostra democrazia non è un alto numero di rappresentanti, bensì una più ampia rappresentanza delle diverse visioni politiche presenti nel Paese.

L’esercito di 945 parlamentari non ha permesso, infatti, di far trovare posto nelle Camere ai rappresentanti dei Verdi o dei movimenti giovanili di Fridays for Future tanto attenti ai temi climatici. Idem per i membri di Rifondazione Comunista più attenti ai temi del lavoro e della non discriminazione.

Servono idee, serve qualità, non servono abbuffate di quantità, insomma.

« La percezione molto negativa che, anche per l’azione dei media, i cittadini hanno maturato dei luoghi della rappresentanza è confermata dal cattivo funzionamento. Il taglio è perciò, una decisa risposta politica alle critiche e alle esigenze dei cittadini », dichiara il docente universitario Pietro PAGANINI, promotore del Comitato del Si al taglio dei parlamentari.

Che poi aggiunge : « La riduzione dei costi resta argomento non rilevante per consistenza economica. Il taglio non mutila la democrazia e non aiuta l’antipolitica. Lascia il rapporto tra eletti ed elettori sopra la media occidentale »

Un esempio di alta rappresentatività, l’Albania. E’ anche esempio di democrazia ?

Se fosse giusto il contrario, perché fermarsi a 945 parlamentari ?

Se dovessimo seguire l’esempio dell’Albania (140 parlamentari) e lo stesso rapporto di deputati per abitante di quel Paese (1:25.000) allora sarebbe corretto, qui da noi, in nome della democrazia e della rappresentatività dei territori, formare un parlamento di 2.419 membri.

E, conseguente, ampliare il numero di ristoranti nei paraggi delle Camere !!!

Credits : Photo by Matt Popovich on Unsplash

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 6 marzo 11:43
    Enzo Salvà

    Caro Signore, io sono per il NO,

    La democrazia è sia qualità che quantità ma va riferita al popolo elettore – ed alla sua partecipazione e ricerca di competenza – I Rappresentanti eletti ne sono la prima conseguenza.

    Lei mi chiede di fare mente locale e mi fa una serie di domande, ne faccio io una a Lei: cosa cambia tagliando il numero dei Rappresentanti? NULLA CARO SIGNORE, NULLA perché quelli che Lei elenca sono problemi che esulano dalla rappresentanza ed hanno a che vedere con il bicameralismo perfetto, con la struttura della legge elettorale, con il potere dei partiti.

    Quando il collegio è troppo ampio i candidati diventano semi sconosciuti: meno rappresentanti dei territori significano anche più potere centrale, delle segreterie. (almeno ora ogni tanto qualcuno si incaxxa e passa al gruppo misto con il sostegno del suo territorio).

    Sono d’accordo con Lei sull’art. 67 della Costituzione e spero non cambi come avevano deciso 5S e Lega nel Contratto del Governo gialloverde; ma Lei si rende conto che i Cittadini Italiani non hanno l’abitudine di rivolgersi praticamente mai al Deputato o Senatore eletti nel proprio collegio? Farlo con uno diverso dal proprio “partito” poi, è impensabile. Gli stessi Eletti sono prima partitici e poi Rappresentanti, altro che storie.

    Il PD che aveva scelto di fare le primarie dando pertanto potere di scegliere i candidati alla sua base, ha fatto marcia indietro permettendo a tutti, al costo di € 2,00, di scegliere il candidato di partito e l’hanno chiamata democrazia. E’ come chiedere ai condomini quale divano devo scegliere a casa mia: se sono antipatico a qualcuno mi ritrovo senza vecchio divano sdraiato su una panca di legno nuova.

    Tutti gli altri maneggiano “nelle segrete stanze”. I 5S non fanno testo perché sono il partito più verticista ed autoritario che abbiamo.

    Il bicameralismo perfetto: (tralasciamo Renzi che con la scusa di superarlo andava a cercare tutt’altro) Noi abbiamo due Camere che fanno la stessa identica cosa, ma non è tagliando e mantenendo questo sistema di doppioni che si ottiene maggiore efficienza, è l’esatto contrario: commissioni, missioni ecc. ecc. ecc. sarebbero sempre le stesse con meno personale politico.

    In Germania, che non cambia sistema dal 1953 ed ha un sistema federale, ci sono due Camere, il Bundestag ed il Bundesrat, ma non fanno la stessa cosa: qui una spiegazione delle differenze

    Bundestag è la Camera legislativa, con un numero variabile di Deputati dei quali almeno 299 eletti direttamente, all’inglese per così dire. I cittadini, infatti, esprimono due voti distinti, uno per il candidato ed uno per il partito e la sua lista, il numero attuale dei deputati è 709 dai 598 previsti in precedenza. Qui come funziona in Bundestag.

    Io credo che il problema sia il teatro dei nostri vertici politici, tutti: noi cittadini non riusciamo più a districarci e nel contempo ci schieriamo per bandiere.

    In quanto al risparmio economico: 50 milioni annui uguale un caffè a cittadino. Forse una autonoma decisione dei parlamentari che tagli 10 euro al mese di indennità sarebbe più profittevole.

    Personalmente io credo fermamente che ogni modifica Costituzionale andrebbe sottoposta a Referendum popolare. Troppo poco affidarsi ad una maggioranza anche se ampia

    Un Saluto

    Es

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità