• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Sanremo 2010: intime riflessioni di un cittadino televotante

Sanremo 2010: intime riflessioni di un cittadino televotante

La prima osservazione che mi è venuta in mente mi ha portato a considerare la strana associazione di idee (politica –sanremo) che ha partorito la mia mente. Solo la mia mente? Penso di no, perché la prima persona che ho incontrato uscendo di casa, la portinaia, mi ha detto: “Ha visto Pupo? Quello non cresce mai, crede ancora alle novelle con i principi". Ho fatto il resto del cammino per arrivare alla vicina edicola soppesando la profondità politica di quel concetto, ma non ero ancora arrivato alla sua piena comprensione, quando l’edicolante: “Buon giorno, dotto’ ! Ha visto Costanzo come si è incazzato?" Prendo il solito quotidiano e non vi dico quale, attraverso il passaggio pedonale con vari sensi di colpa per appartenere alla categoria (pubblico) di coloro che hanno sciupato l’umore del coniuge di Maria De Filippi, per arrivare al solito bar dove faccio la prima colazione. Giuliano il barista mi strizza l’occhio e dice: “ Dotto’, siamo troppo forti, abbiamo mandato in Eurovisione la prima rivolta di una grande orchestra”.
 
Ho bevuto il caffè bollente, con le lacrime agli occhi pensavo: “Ma gli spartiti accartocciati erano gettati contro chi? Contro il pubblico in sala? Contro i dirigenti Rai? Contro gli spettatori televotanti o contro l’Homunculus Politicus?"
 
Piangevo per le ustioni in bocca o per le mie intime riflessioni? Intanto nella mente continuavano a passare le immagini di Lippi, degli operai di Termini Imerese dell’elettricista più anziano della RAI… e le lacrime continuavano a scendere copiose con singhiozzo finale quando ho rivisto la signora Clerici sbiancare poco prima di leggere il televerdetto finale.
 
Pensando a che? Qualcuno ha visto Vespa in fondo alla sala del teatro Ariston prendere appunti per una nuova rivisitazione della storia italiana “Dai Savoia ai Partigiani". No forse è una somiglianza, non è il noto giornalista di Porta a Porta.
Ma di sicuro in sala c’erano gli on.li Bersani e Scajola, non a tifare il proprio eventuale beniamino canoro, ma per rispondere alle domande di Costanzo sulla situazione occupazionale del mezzogiorno, una sorta di “question-time” sul pentagramma. Insomma diciamoci il vero: 10 milioni di spettatori a serata fanno gola a tutti. A Beghelli, ai mangiatori solidali di Filadelfia, ai ciucciatori di granite sotto il sole, ma anche ai discografici d’assalto, ai politici alla ricerca di nuove platee, a tutti coloro che pensano di risolvere la propria esistenza non nel privato ma nelle ribalte roboanti.
 
Magari i direttori Rai potevano elargire qualche “no” ricordando a tutti che alla fine “sono solo canzonette!”.
 

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox

Autore

Mauro Guidi

Mauro Guidi

Biologo , web-writer di scienza e teatro. Freelance e vignettista

Sito: neretto


Profilo personale

Scrivi su AgoraVox !


Ultimi articoli dell’autore

Tutti gli articoli dell’autore

Articoli correlati

Società
Tutti gli articoli di questa rubrica



Palmares


Articoli più letti

  1. Iran, donne, cani e altri disgraziati...
  2. #OpIran – Anonymous dichiara guerra all’Iran dopo la morte di Mahsa Amini
  3. 3 ottobre, Giornata della Memoria e dell’Accoglienza
  4. L’Iran in movimento e l’Iran bloccato
  5. Brasile. Sradicare il ‘bolsonarismo’ non sarà facile
  6. Anteprime Presadiretta – PNRR Lavori in corsa
  7. Iran, i vertici delle forze armate: “Stroncare senza pietà le proteste”
  8. “Colpevole” di adulterio: ventenne condannata a morte per lapidazione in Sudan
  9. Money talks: l’effetto di un aumento di stipendio sulla qualità dei politici locali
  10. Presadiretta – PNRR lavori in corsa