• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Questo Governo gestisce la crisi o fa campagna elettorale?

Questo Governo gestisce la crisi o fa campagna elettorale?

Si fa una manovra, e dopo tre giorni si butta via. Si fa la seconda manovra e subito inizia il balletto delle modifiche e degli scontri interni: Crosetto contro Tremonti, la Prestigiacomo contro Tremonti, Bossi contro Brunetta. Vere e proprie fronde all’interno della maggioranza si confrontano e si scontrano su tutti i temi della manovra, sull’incremento dell’iva, sul prelievo forzoso sui redditi che superano i 90000 euro, sul taglio delle risorse agli enti locali e anche sull’annientamento del SIRTI - il sistema di tracciabilità dei rifiuti.

E’ normale tutto ciò, è il segno della incapacità del Governo, della crisi della maggioranza o di qualcos’altro?

In una situazione politico/sociale normale, un dibattito così appassionato sarebbe vero e anche bello. Ma non siamo in una situazione normale. Oggi abbiamo un parlamento di nominati, ridotto ad un votificio, i partiti sono una fabbrica di consenso senza alcuna dialettica interna, la passione politica è ridotta al lumicino. Quello che conta sono il consenso, buoni sondaggi mentre i problemi del Paese possono anche aspettare. E allora anche ipotesi che ieri sarebbero state fantascientifiche, oggi diventano realistiche, come quella di un governo e di una maggioranza che, nel pieno di una crisi epocale, pensano a fare campagna elettorale anziché gestire la crisi. 

L’obiettivo è far credere di avere a cuore gli interessi di tutti per avere i voti da tutti.

A questo scopo la maggioranza ha assunto il ruolo dell’opposizione e incoraggiato al suo interno la nascita di posizioni contrapposte in modo da far sentire a tutti i soggetti coinvolti nella manovra di essere curati e coccolati e comunque non abbandonati.

Non mancano malumori realistici ma questi si confondono con la finzione e così, ormai, nessuno della maggioranza approva la manovra.

Tutti insieme appassionatamente PDL e Lega, contro le decisioni da loro volute e approvate, secondo una precisa logica spartitoria che assegna alla prima gli operai e i leghisti duri e puri e al secondo la classe media e gli industriali.

A tal proposito il leader della Lega Bossi, per accontentare le classi deboli e i leghisti duri e puri, si è ritagliato il ruolo di difensore delle pensioni, di promotore del trasferimento dei Ministeri al nord e non manca mai di pubblicizzare questa sua linea politica.

Sull’altro fronte, Berlusconi si è invece ritagliato il ruolo di sindacalista del ceto medio, di difensore dei cittadini dalle tasse e della supremazia dell’impresa sui lavoratori.

E così sotto i nostri occhi, nel silenzio mediatico dell’opposizione e nel torpore generale, Bossi, Berlusconi e la maggioranza tutta diventano oppositori di se stessi.

Un giochino che rende in termini di consenso, specie se supportato da una struttura mediatica esperta, in grado di confondere le acque e far dimenticare alla gente, l’assurdità di un governo oppositore di se stesso, di ministri che contrastano di decisioni prese da loro stessi assunte, di una maggioranza disponibile a votare una manovra ferocemente avversata.

Per quelli impossibili da accontentare si provvede con promesse e proclami.

E cosi al ceto medio, che certamente non uscirà indenne dalla manovra, Berlusconi promette il quoziente familiare e altre non meglio specificate compensazioni, agli industriali Sacconi annuncia la modifica dell’art. 41 della costituzione e poi, per essere credibile, considerati i tempi lunghi di una riforma costituzionale, introduce la derogabilità dell’art. 18 e il diritto licenziare per le imprese - provvedimenti di immediata attuazione -.

Ma quando dalle promesse e dagli annunci si passa ai sacrifici veri si cambia strategia, si coinvolgono altri nell’attività impositiva e nei tagli, e ad altri ancora si addossano la responsabilità per i sacrifici.

Si spiega cosi perché gran parte della manovra viene caricata sugli enti locali a cui si tagliano i fondi: 6 miliardi di euro nel 2012, 3 miliardi nel 2013, mentre nel 2011 il peso si aggira sul 50% della manovra.

In queste condizioni gli enti locali salassati e tartassati sono costretti, per mancanza di fondi, a tartassare i propri cittadini al fine di recuperare un po' di risorse tagliate Ministro dell’economia.

Per ciò che non è scaricabile sugli enti locali, si addossa la colpa a Bruxelles. Così quando l'UE trasmette al Governo italiano una lettera/direttiva, si imbastisce il balletto mediatico da cui emerge il ruolo impositivo di Bruxelles, a cui non si può dire no; tutto ciò per dire che Roma è sottomessa e deve ubbidire alla Comunità che compra i nostri titoli.

Ciò che non emerge, è la funzione di supplenza della UE rispetto all’incapacità del nostro Governo che aveva fatto una prima manovra, leggera e inconcludente.

E così, sotto i nostri occhi, nel silenzio mediatico dell’opposizione e nel torpore generale, si fa fare agli altri il lavoro sporco: imporre le tasse e tagliare i servizi (gli Enti locali) e ad altri ancora (UE) si addossa la responsabilità di una manovra di lacrime e sangue.

Un giochino che rende in termini di consenso, specie se supportato da una struttura mediatica esperta, in grado di confondere le acque e far dimenticare alla gente che le tasse degli enti locali non sono libere scelta di comuni e regioni ma decisioni imposte dal Governo e, infine, che l’esecutivo e non la UE ha la responsabilità della manovra.

La situazione è incerta e le elezioni possono ben capitare in questi frangenti, pertanto i partiti della maggioranza, vogliono frenare la prevedibile, naturale, perdita di voti conseguente la delusione per le promesse non mantenute e all’imposizione di sacrifici. Vogliono portare casa un po’ di consensi ma rischiano di portare a casa un paese distrutto.

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.188) 25 agosto 2011 19:43

    Come fare cosa >

    L’economia occidentale non tiene un passo deciso. Se Francoforte e Londra subiscono cali del 15-18%, Piazza Affari regredisce ai minimi del 2009 (anno nero).

    Noi “arranchiamo” sotto il peso di 1900 miliardi di Debito.
    A fine 2011 il nostro PIL sarà ancora al 95% di quello ante crisi del 2007.
    Senza un tasso di crescita sul 2% neppure con una manovra da 110 miliardi eviteremo ulteriori “sacrifici”.

    Prioritario è definire le misure e gli interventi necessari a rilanciare sistema produttivo e consumi interni. Trovare risorse sufficienti è il primo obiettivo da perseguire ad ogni costo.
    Allo stesso tempo bisogna liberarsi di gran parte di quella enorme “zavorra” costituita da evasione e da corruzione, dai costi, dai privilegi e dagli sprechi della macchina pubblica.

    Fissati questi obiettivi e rispettata l’equità sociale, chiedere “sacrifici” ai cittadini avrà un senso. Solo così la duplice manovra avrà uno scopo credibile e duraturo.
    E’ tempo di ritrovare le Voci dentro l’Eclissi di uomini esempio di coerenza, rigore e impegno civile …

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares