• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Maurizio Boscarol

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo domenica 08 Agosto 2008
  • Moderatore da domenica 09 Settembre 2008
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 8 1 10
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 1 1 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0

Ultimi commenti

  • Di Maurizio Boscarol (---.---.---.11) 22 settembre 2008 14:50

    @ rocco: Sì, aprire al pubblico è una strada, ma ho il timore che diventerà piuttosto quello che sta facendo il Wall Street Journal, cioè fare il social network del giornale. Come questo (o altre forme di coinvolgimento) consentirà di avere inchieste più approfondite e temi più scomodi, al momento, non è chiaro. Soprattutto se non c’è l’interesse della proprietà a spingere in questa direzione. A mio parere bisogna trovare una fonte di entrata sostenibile, che aumenti l’indipendenza. Altrimenti anche il coinvolgimento degli utenti potrebbe risolversi davvero, come vediamo in molti forum e mailing list, nel commentarsi e litigare a vicenda su temi marginali, o nel consentire scambi di messaggi privati.

    L’esperimento del NYT - dei cui risultati economici, dopo l’annuncio in pompa magna di un anno fa, non riesco a trovare traccia – è legato ad un calcolo, non sappiamo se corretto, relativo all’aumento delle pagine viste, principalmente provenienti da Google. In ogni caso, se il punto di arrivo del 20-25% dei ricavi è previsto per il 2013, le cose non stanno andando abbastanza bene in generale. E il NYT è un leader, bisogna vedere che chance hanno le fonti più indipendenti!...

    @ truman: Magari mi sbaglio, ma non ho l’impressione che il giornalismo d’inchiesta sia incompatibile con il business. Esempi ce ne sono, e fanno anche cassetta (da Report, ai libri di denuncia un po’ demagogici ma documentati, ecc.). E’ però incompatibile con alcune proprietà dei media che hanno interessi nei campi nei quali le inchieste potrebbero essere svolte. Quindi il problema a mio avviso è “chi possiede”. Non è un caso che la “soluzione” delle fondazioni stia attirando l’attenzione di molti. Certo, il paradosso è che così si esce dal mercato e si torna al mecenatismo. Il percorso inverso a quello compiuto in origine dalla stampa. Ma magari è più adatto al periodo sociale che stiamo vivendo, chissà… :)


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità