• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > L’inferno della poesia napoletana: Giovanne o’ stuorto

L’inferno della poesia napoletana: Giovanne o’ stuorto


C’è una poesia lecita e una bandita. Un paradiso dei poeti e un inferno. C’è l’antologia della poesia napoletana e l’inferno della poesia napoletana. Si tratta di poesie composte da grandi letterati dal tenore sommariamente declassato come osceno. In realtà sono un compendio di sociologia. Come quella che a me più piace, giuvanne o stuort, che racconta la storia di una prostituta che adora un cliente masochista perché infliggendogli violenze riesce a vendicare per qualche minuto la sua storia sfortunata.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares