• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > L’Aquila: zona 1 o zona 2 ?

L’Aquila: zona 1 o zona 2 ?

In questi giorni assistendo all’esondazione mediatica, generata intorno a noi dal 06 Aprile in avanti con il terremoto della provincia dell’Aquila, ho elucubrato nella mia mente tantissimi pensieri e riflessioni legati agli eventi rappresentatici.

 

E’ saltato più di altri eventi ai miei occhi, un fatto che stona profondamente con gli accadimenti tellurici Aquilani degli ultimi giorni ed alcune attestazioni ufficiali delle istituzioni.

Parliamo di zone sismiche, cioè l’attribuzione di pericolosità che viene assegnata ad ogni comune d’Italia, relativamente ai fenomeni tellurici, suddividendo in 4 livelli il grado di pericolosità, dove la zona 1 è il massimo rischio sismico.

 

La zona sismica assegnata al comune dell’Aquila e ad alcuni comuni ad esso adiacenti è zona 2, quindi di media pericolosità e questo è visibile sulla carta di classificazione sismica della protezione civile del 2006 .

Andando a sbirciare sulla mappa di pericolosità sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, unico ente che ha il massimo della competenza su questo argomento, qualcosa non torna, L’Aquila è nel bel mezzo della zona sismica 1, quella a più alto rischio sismico.

 

Perchè questa grossa discordanza di valutazione su un argomento di così elevata importanza per la sicurezza Nazionale?

Sulla base di questa attestazione viene espressa ed applicata (almeno dovrebbe esserlo) tutta la normativa tecnico costruttiva delle abitazioni civili, pubbbliche, strade etc.

Anche scienziati come il geologo Patrizio Signanini, ordindario all’universita’ D’Annunzio di Chieti-Pescara, hanno denuciato questa stonatura generata dalle istituzioni.

Si perchè con alcuni decreti legge partoriti nel passato si è concesso alle Regioni di assegnare le zone sismiche per i comuni di loro competenza ed i risultati saltano all’occhio evidenti.

Viene il dubbio che in questa scelta probabilmente scellerata, di assegnare a L’Aquila questa categoria di media pericolosità, anche dopo terremoti disastrosi come quello del 14 gennaio 1713, sia stata fatta sotto qualche forzatura da parte di gruppi molto interessati all’argomento.

Il geologo Signanini visto quanto accaduto nei giorni scorsi a L’Aquila, avanza l’ipotesi che molti costruttori e progettisti di alcuni degli edifici crollati o danneggiati però potrebbero non essere perseguibili in quanto si sono adeguati ad una normativa Tecnico – Costruttiva che inserisce quest’area in una normativa di pericolosità inferiore, che è la Zona 2, quindi con regolamentazioni meno rigide della zona 1. Ma queste sono solo supposizioni.

La differenza normativa tra le due zone prevede che la costruzione di edifici deve attenersi a norme Tecnico Costruttive tali da permettere per la zona 1 la resistenza a movimenti tellurici che generino accellerazione di gravita’ fino a 0,35G ( circa 1/3 della forza di gravitazione terrestre), mentre per la zona 2 le costruzioni devono resistere ad un movimento tellurico con accellerazione a terra di 0,25G (1/4 della forza di gravitazione terrestre).

Tecnicamente la differenza è sostanziale, permette di realizzare costruzioni con limitazioni e regolamentazioni meno restrittive e certamente con un recupero di costi sostanzioso per chi costruisce in quesa zona.

Cosa succederà adesso?

Riuscirà la procura dell’Aquila ad incastrare coloro che hanno giocato sulla incolumità di tanta povera gente, attenendosi a normative adeguate per una zona sismica di minore pericolosità? Quindi inadeguate per L’Aquila?

Ci auguriamo tutti che la giustizia riesca comunque con i tempi necessari ad incastrare i furbi che si sono fatti gioco di questa situazione al limite del paradossale dove centinaia di persone hanno perso la vita.

Commenti all'articolo

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.240) 18 aprile 2009 10:03
    Damiano Mazzotti

    Non si farà nulla... I politici al governo negli ultimi 15 anni non hanno fatto nulla (di destra e di sinistra)... I politici locali, provinciali, regionali non hanno fatto nulla (prevalentemente di sinistra)... anzi hanno peggiorato le cose con l’approvazione di norme permissive su pressione e probabile aiutino economico...
    Le persone sia a livello locale che nazionale sono quasi sempre quelle e gli italiani sono masochisti e continuano a votarli e riverirli.... la colpa è degli italiani che accettano passivamente l’azione di un branco di uomini assetatidi potere e nullafacenti... una volta rubavano, ma almeno costruivano stazioni e ospedali funzionanti...

  • Di Marina (---.---.---.152) 18 aprile 2009 10:32

    Considerazioni molto acute e importanti. Infatti sappiamo tutti che i politici lucrano con gli amministratori locali nell’edilizia, è così da secoli. Ma c’è una cosa che è cambiata in modo evidente, mentre prima chi voleva fare cose disoneste, le faceva sperando di non essere beccato, una tangente lì, una qui, e magari per 40 anni nessuno veniva a controllare. Ora le cose sono "migliorate"...se non si può costruire in una regione, basta contattare il giusto politico per avere una legislazione che permetta di costruire dove non è possibile, che permetta di non rispettare alcun vincolo. Così vediamo le case crollare nel terremoto, come vediamo costruzioni orrende che violano vincoli paesaggistici, ma che giusto giusto, in quei metri quadrati non sono applicabili per una qualche nuova legge.
    Questa è l’era in cui viviamo, ormai non importa più a nessuno di tutelarci, siamo pure troppi nel mondo, una bella sfoltita ci vuole, e ci lasciano morire mentre i loro portafogli di ingrossano a livelli mai visti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares