• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Israele di nuovo al voto: Netanyahu indebolito?

Israele di nuovo al voto: Netanyahu indebolito?

Israele torna alle urne a meno di sei mesi dalle ultime elezioni parlamentari: è infatti fallito il tentativo di Netanyahu di formare un nuovo governo.

di Alessio Vernetti e Salvatore Borghese

Ci risiamo. Domani, martedì 17 settembre, in Israele si terranno le elezioni legislative anticipate per eleggere i 120 membri della Knesset, il parlamento israeliano. Dopo le precedenti elezioni dello scorso 9 aprile, il primo ministro uscente Benjamin Netanyahu non è infatti riuscito a formare una nuova coalizione per continuare a governare. Così, la Knesset ha deliberato il proprio autoscioglimento e sono state indette nuove elezioni.

A seguito delle elezioni di aprile, Netanyahu (leader del partito di centrodestra Likud) ha avuto tempo fino al 29 maggio per trovare una nuova maggioranza di governo, beneficiando peraltro di un’ulteriore proroga di due settimane concessa dal Capo di Stato Reuven Rivlin. Tuttavia, i negoziati tra Netanyahu e Israel Beitenu, il partito ideologicamente più affine al Likud, si sono presto arenati per via dei più ortodossi di entrambi gli schieramenti, contrari ad un accordo di governo.

Ma come sarà eletta la nuova Knesset? Ricordiamo che i 120 seggi sono assegnati con un sistema proporzionale in un collegio unico nazionale, con una soglia di sbarramento fissata al 3,25%. Ogni partito che supera tale soglia, pertanto, elegge almeno 3 deputati.

La nuova Knesset

Il Likud, stando ai sondaggi, sembrerebbe confermarsi come primo partito, ma perderebbe 5 seggi rispetto ai 38 attuali. Anche la seconda forza politica del Paese sarebbe in calo: Blu e Bianco, infatti, passerebbe da 35 a 32 seggi, stando ad una media delle proiezioni dei seggi calcolata sui 7 principali istituti demoscopici. Insomma, non c’è nessun favorito certo, ma anzi lo scenario di una frammentazione ancora più marcata rispetto alla Knesset attuale è ancora più concreto: questo perché, come avevamo già spiegato a suo tempo, elezioni ripetute dopo breve tempo non sempre portano ad un rafforzarmento dei partiti più forti.

 
 

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità