• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > “Il mistero del Moai”, il nuovo romanzo dello scrittore Raffaele (...)

“Il mistero del Moai”, il nuovo romanzo dello scrittore Raffaele D’Orazi

Il mistero del Moai di Raffaele D’Orazi

Lo scrittore e poeta vitorchianese Raffaele D’Orazi presenta “Il mistero del Moai”, un romanzo dai tanti volti: una storia incentrata su un’antica credenza che si attualizza in moderna leggenda metropolitana, un racconto di vita quotidiana e una riflessione filosofica sul senso dell’esistenza umana. 

Dagli enigmi del popolo dell’Isola di Pasqua alle ricerche del protagonista Ermanno nel borgo di Vitorchiano, un avvincente viaggio nel mistero dell’unico Moai originale presente in Europa.

 

Titolo: Il mistero del Moai

Autore: Raffaele D’Orazi

Genere: Narrativa contemporanea

Casa Editrice: Casa Editrice Serena

Pagine: 290

Prezzo: 20,00 €

Codice ISBN: 978-88-941-65-418

 

«C’era una qualche somiglianza tra i ragionamenti di Ermanno e le massime di Epicuro. Per Ermanno, era determinante la capacità di saper cogliere quanto il presente poteva offrire, anzi, il tentativo di ottimizzarlo non terminava mai […]».

 

Dopo il successo del precedente romanzo Il fumo del quartiere a luci rosse, Raffaele D’Orazi ritorna con un’intrigante opera: Il mistero del Moai. Da sempre interessato a sviscerare i mali del nostro tempo, l’autore presenta un testo che può diventare una bussola morale che orienti i ragionamenti del lettore, e che sveli le verità nascoste sotto la pesante coltre di apparenze fuorvianti che ormai ammanta la nostra società. D’Orazi ha scritto molto, e in diversi ambiti: dai romanzi alle raccolte poetiche, dalle pièce teatrali ai saggi, e in ognuno di essi ha posto la ricerca della verità come obiettivo principale delle sue indagini e delle sue riflessioni e, attraverso il suo denso stile di scrittura, ha sempre fatto in modo che il lettore potesse seguirlo passo dopo passo. In quest’ultima opera si racconta del mistero delle statue dei Moai ritrovate sull’Isola di Pasqua - o di Rapa Nui - e soprattutto di quello tutto italiano del Moai presente nel comune di Vitorchiano, in provincia di Viterbo. Intrecciando le vicende di vita del protagonista Ermanno con la storia di un popolo che vive dall’altra parte del mondo, in una piccola isola persa nell’Oceano Pacifico, l’autore presenta un romanzo che propone un enigma antico che torna prepotentemente nel presente, e che sembra influire sulla vita dell’uomo contemporaneo con la sua portata trascendentale. La statua monolitica istallata alle porte del borgo di Vitorchiano e raccontata da D’Orazi è un Moai originale ricavato dal peperino, roccia magmatica simile al tufo presente sull’Isola di Rapa Nui, e realizzato da una rappresentanza del popolo dell’Isola di Pasqua giunto in Italia per un gemellaggio culturale. Una statua che emana un forte potere mistico, che nell’isola è presente in più di seicento copie le quali, in ragione della loro collocazione e per l’orientamento dello sguardo dei severi volti di pietra, si mostrano al mondo in tutto il loro mistero, nell’enigma insoluto che veicolano. L’autore racconta le vicende legate al Moai presente a Vitorchiano, posto a protezione del borgo e poi trasferito in Sardegna per un’esposizione; in seguito è stato ricollocato nel paese in un luogo più isolato, a causa dell’inettitudine di amministratori comunali privi di qualunque rispetto per le tradizioni e le credenze di un popolo. Era infatti stato raccomandato dagli indigeni arrivati in Italia di non spostare mai il monolite, perché la sua valenza beneaugurante e protettrice si sarebbe esaurita per lasciare il posto a vendicative forze oscure. D’Orazi cerca quindi di far luce sui misteri di un popolo e dei loro artefatti, e sulla natura della loro “magia”, dei loro riti propiziatori, sull’origine di un affascinante mito. E nel mentre racconta la vita di Ermanno, che a sua volta si interroga sul mistero del Moai di Vitorchiano che si riflette su quello più universale dell’essere umano, ricercando il senso di un’esistenza che ci spinge a guardare sempre più in là, dove c’è oscurità, dove c’è l’inspiegabile. Un anelito di conoscenza sviscerato in un romanzo filosofico che prende spunto da una leggenda metropolitana che forse nasconde qualcosa di più profondo, qualcosa che vale la pena scoprire.

 

TRAMA. In una comunità italiana nella quale giganteggia l'unica statua del Moai al mondo fuori

dall'Isola di Pasqua, scolpita su monolite dagli abitanti della lontana isola, si susseguono

vicende legate al particolare monumento oggetto di strane attenzioni, di singolari e

improvvisi spostamenti. È un succedersi di eventi inspiegabili sui quali campeggia l'ombra

del grande simbolo d'oltreoceano.

 

L’AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

BIOGRAFIA. Raffaele D’Orazi è nato e vive a Vitorchiano, un borgo in provincia di Viterbo. Tra le sue opere si ricordano: il saggio “Una perenne illusione” (Eurograph, 1999), la commedia teatrale “Interpretazione di vita moderna” (Eurograph, 2000), la raccolta di poesie “L’infinito volo di Nara per Anil” (L’autore libri Firenze, 2001) e i romanzi “Il fumo del quartiere a luci rosse” (Casa Editrice Serena, 2014) e “Il mistero del Moai” (Casa Editrice Serena, 2018). I suoi lavori sono presenti su varie antologie nazionali e internazionali.

 

LA CASA EDITRICE. La Casa Editrice Serena ha sede a Viterbo, ed è stata fondata da Serena D’Orazi nel 2014 con lo scopo di portare all’attenzione del pubblico nuovi autori e, soprattutto attraverso la loro scrittura, far conoscere e pubblicizzare la storia e le tradizioni del territorio della Tuscia. Il suo progetto è quello di pubblicare opere che possano essere apprezzate da un ampio pubblico di lettori, e che possano evidenziare le virtù morali dell’essere umano.

 

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità