• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Il fumetto italiano nella frontiera americana

Il fumetto italiano nella frontiera americana

C’è più di una generazione della Penisola italiana che è cresciuta sui fumetti e con i suoi eroi di carta e con le loro storie ambientate nel vasto continente delle Americhe. Storie che raccontano le varie fasi di quei territori, dove personaggi di fantasia si confrontano nei vari episodi anche con protagonisti realmente esistiti. 

La Guerra d'Indipendenza Americana (nota negli Stati Uniti come Rivoluzione americana), che fa da sfondo alle gesta del Comandante Mark e dei suoi ribelli, i Lupi dell'Ontario. Tale conflitto oppose le tredici colonie nordamericane, diventate successivamente gli Stati Uniti d'America, alla loro madrepatria, il Regno di Gran Bretagna (19 aprile 1775 - 3 settembre 1783) dove troviamo anche Blek Macigno, che nel corso delle sue tante avventure si scontra in diverse occasioni con le giubbe rosse britanniche, come nelle foreste del Maine e nella città di Boston. La battaglia di Fort Henry (6 febbraio 1862) durante la guerra di secessione americana che venne combattuta dal 12 aprile 1861 al 9 aprile 1865 fra gli Stati Uniti d'America e gli Stati Confederati d'America nella quale troviamo un altro noto personaggio, conosciuto nell'anagrafe fumettistica come Zagor the Nay e residente, insieme a Cico, nella fantastica foresta di Darkwood nel nord est degli States. L

o Spirito con la scure, eroe senza macchia e senza paura che si batte per mantenere la pace, proteggere le tribù indiane e dare la caccia ai criminali, così come gli altri protagonisti del mondo della china. Il Far West (Wild West secondo la letteratura statunitense) con i territori ubicati tra canyon, riserve indiane , deserti, pertinenze geografiche che fanno parte della grande zona ubicata tra Arizona, Utah, Colorado e New Mexico, dove sono ambientate le avventure di Tex Willer (1870-1890) e dei suoi pards (l'anziano Ranger Kit Carson, il figlio Kit, e l’amico Tiger Jack, indiano di origine navajo), ma anche le avventure di altri personaggi del fumetto italiano come quelledel piccolo Ranger e di Capitan Miki.

Questi alcuni degli eroi di cartone che fanno parte della letteratura fumettologica della Penisola, che hanno nella Bonelli, Araldo, EsseGesse, If, riferimenti di alto significato culturale ed impatto emotivo.Ambientazioni storico-geografiche dove gravitano famosi e cinici gunfighters, sceriffi, cacciatori di taglie, bande di criminali che assaltano treni e diligenze. Da queste cifre la conversazione la conversazione sul tema „Il fumetto italiano nella frontiera americana”. L'appuntamento, organizzato dal Circolo Culturale „L'Agorà” avrà luogo presso la sala „Spanò Bolani” della Biblioteca Comunale „De Nava” di Reggio Calabria, giovedì 23 maggio (ore 17:00). Parteciperà in qualita di relatore Antonino Megali (socio del sodalizio organizzatore)

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità